Audi TTS 2019: via alla fase di ordinazione, ecco prezzi e allestimenti

Per la aggiornata gamma “high performance” di Audi TT, le declinazioni Coupé e Roadster conoscono un upgrade funzionale alle elevate prestazioni. I prezzi partono da 59.300 e 62.000 euro.

A due mesi esatti dalla presentazione, Audi TTS si prepara al debutto sul mercato quale declinazione “spinta” per la recentemente rinnovata gamma TT, che proprio in questi giorni è al centro di un serio “ripensamento” da parte dei vertici di Ingolstadt (qui il nostro approfondimento sul futuro per la longeva coupé compatta dei Quattro Anelli). I prossimi anni saranno cruciali per conoscere come evolverà l’immagine sportiva di fascia media per Audi. Ci sarà tempo per tutti i dettagli, in ogni caso.

Nel frattempo, le concessionarie Audi si preparano ad accogliere la aggiornata “famiglia” TTS nelle due consuete declinazioni Coupé e Roadster, per la quale in queste ore si apre la fase di ordinazioni.

I prezzi partono da, rispettivamente, 59.300 euro (Audi TTS 2.0 TFSI quattro Coupé) e 62.000 euro (Audi TTS 2.0 TFSI quattro Roadster): ricordiamo che, in virtù dei nuovi listini, la lineup Audi TT parte da (prezzi “chiavi in mano”) 41.200 euro per il modello 40 TFSI Coupé da 197 CV con cambio S Tronic (e, a salire, 44.500 euro per TT 45 TFSI 245 CV; 46.800 euro per 45 TFSI 245 CV S Tronic; 49.500 euro per TT 45 TFSI quattro S Tronic), e relativamente alle proposte Roadster, da 43.900 euro (TT 40 TFSI 197 CV S Tronic; 47.200 euro per TT 45 TFSI 245 CV; 49.500 euro per TT 45 TFSI 245 CV S Tronic; e 52.200 euro per TT 45 TFSI quattro S Tronic 245 CV).

Le novità di allestimento

Relativamente alla dotazione di serie specifica per Audi TTS in chiave Model Year 2019, la gamma di dettagli dedicati per il corpo vettura comprende, fra gli altri, i gusci specchi retrovisori “aluminium look”, i paraurti “design TTS” (quello anteriore con sottile spoiler supplementare integrato e quello posteriore con specifico diffusore anch’esso in look alluminio), “minigonne” sottoporta, cerchi da 8.5×18 a dieci razze in finitura parzialmente lucida r con pneumatici da 245/40 R 18, griglia anteriore “single frame” a nido d’ape con inserti look alluminio e monogramma “TTS”; l’impianto frenante di tipo “S” (dischi – tutti autoventilanti – da 17” anteriori e controllo elettronico della stabilità con dispositivo di assistenza alla frenata) prevede le pinze freno, verniciate in nero, con impresso il monogramma TTS. L’impianto di scarico dispone di due coppie di terminali, cromati, a sezione ellittica. La tavolozza delle tinte carrozzeria offre due nuove nuance di colore esclusive per la lineup TTS: Pulse Orange e Turbo Blue. Invariata la tipologia di capote per la declinazione Roadster (esteticamente, la variante “en plein air” si distingue per i nuovi “archi” collocati alle spalle dei sedili lato guida e passeggero): in tela multistrato e di peso piuttosto contenuto (39 kg) è disponibile nelle due finiture nero e grigio; il completamento dei comandi di apertura e chiusura richiede 10 secondi ed è permesso fino ad una velocità di 50 km/h.

Assetto: c’è la tecnologia Audi Magnetic Ride

L’assetto – geometria anteriore a schema McPherson con bracci trasversali triangolari inferiori in alluminio, cuscinetto orientabile in alluminio, ammortizzatori magnetoreologici, telaio ausiliario in alluminio e barra stabilizzatrice tubolare; al retrotreno, sistema multilink a quattro bracci con gruppi molla-ammortizzatore separati, supporti ruote in alluminio, ammortizzatori anche qui magnetoreologici, telaio ausiliario e barra stabilizzatrice tubolare – si avvale della tecnologia Audi Magnetic Ride con taratura specifica “S” (regolazione elettronica degli ammortizzatori e abbassamento delle sospensioni di 10 mm; impostazione di una taratura confortevole, equilibrata o dinamica degli ammortizzatori tramite Audi drive select).

Abitacolo: impostazione “racing”

Per l’abitacolo, dove fa bella mostra di se l’immancabile strumentazione digitale Audi Virtual Cockpit con display da 12.3” configurabile in due modalità (“classica”, ovvero con visualizzazione di tachimetro e contagiri circolari; ed “infotainment”, con visualizzazione dei dati di navigazione e parametri vettura), gli elementi di distinzione della aggiornata gamma Audi TTS Coupé e Roadster 2019 presenta, nel dettaglio, esclusive finiture in tinta Antracite per le zone laterali dei sedili, l’inserto integrato nella consolle centrale, gli anelli interni delle bocchette di aerazione, bordini in similpelle ai tappetini, sedili anteriori “S” a profilo semi-anatomico provvisti di supporto lombare a quattro vie regolabile a comando elettrico, poggiatesta integrati; rivestimento in Alcantara e pelle nera con cuciture a losanghe e monogramma “S” per i sedili; Inserti in alluminio spazzolato opaco alla consolle centrale e alle maniglie interne porta; battitacco “TTS”; il climatizzatore automatico “Comfort” con innovativa logica di comando, nelle bocchette di aerazione con display integrato, regolazione elettronica della temperatura, della portata e della distribuzione dell’aria.

Come di consueto, l’offerta di “pacchetti” opzionali è piuttosto articolata: a disposizione del cliente ci sono, fra gli altri, i “pacchetti” Tech, Look Nero e TTS Competition. In quest’ultimo caso, la dotazione si completa con un set di cerchi da 20”, nuovi dettagli esterni rifiniti in tinta nero lucido, gruppi ottici a tecnologia Full Led, spoiler posteriore fisso, pinze freno verniciate in rosso, finestratura laterale oscurata per la variante TTS Coupé, tre colorazioni esclusive (Glacier White, Tango Red e Mythos Black.

Motorizzazione dedicata

Sotto il cofano, la nuova gamma Audi TTS Coupé e Roadster 2019 pronta al debutto nelle concessionarie viene equipaggiata con la ben conosciuta unità motrice 2.0 TFSI nella versione da 306 CV di potenza e 400 Nm di coppia massima disponibili fra 2.000 e 5.300 giri/min (ovvero 20 Nm in più rispetto alla versione che si prepara ad essere sostituita), con gruppi pistone-biella in alluminio, testata in lega leggera di alluminio e silicio, pressione di sovralimentazione portata ad 1,4 bar ed intercooler maggiorato. Sulla trasmissione (trazione integrale quattro) agisce il cambio S Tronic sette rapporti doppia frizione, anch’esso sottoposto ad un aggiornamento mirato in funzione dei tempi di accelerazione (spaziatura più corta fra i rapporti inferiori).

Su strada, Audi TTS 2019 dichiara una velocità massima (autolimitata) di 250 km/h e, per lo scatto da 0 a 100 km/h, tempi di, rispettivamente, 4”5 (Coupé) e 4”8 (Roadster), leggermente più rapidi, quindi (un decimo di secondo in meno) rispetto alla serie attuale.

Audi al Salone di Ginevra 2019 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Audi A6 Allroad e Mercedes AMG GLE Coupé: la prova

Altri contenuti