Lotus 3-Eleven: mai così estrema

Soltanto 20 esemplari per la nuova 3-Eleven 2018: la “super-roadster” di Hethel pesa poco più di 900 kg, che insieme al 3.5 V6 volumetrico da 436 CV lanciano la piccola biposto a 290 km/h e a 100 km/h in 3,2 secondi.

Leggerezza e potenza: due delle qualità che Colin Chapman teneva in maggiore considerazione per le proprie vetture vengono confermate al debutto di Lotus 3-Eleven 430, il modello stradale più “estremo” mai realizzato dal marchio di Hethel, pronto al “lancio” commerciale – ma ad una tiratura ultralimitata – sulla scorta dell’expertise maturato con le ultraperformanti Evora GT430 e GT430 Sport e con la precedente 3-Eleven che suscitò meraviglia, due anni e mezzo fa, in occasione dell’anteprima al Goodwood Festival of Speed.

Con Lotus 3-Eleven 430 2018, i tecnici della factory recentemente entrata nell’orbita della holding cinese Geely mettono sul campo il progetto relativo allo sviluppo della Lotus “stradale” più performante di sempre: un obiettivo che sarà appannaggio di pochi super-appassionati, essendone preventivata una “tiratura” in venti esemplari, già disponibili in ordinazione ad un prezzo-base di 102.000 sterline (corrispondenti a poco più di 115.600 euro). Come dire: l’esclusività si paga. Tuttavia, è proprio nell’incredibile impostazione del corpo vettura e motoristica che si basa l’appeal di 3-Eleven 430, una Lotus… “più Lotus che mai”.

Nel dettaglio, indica una nota diramata in queste ore dall’azienda di Hethel insieme ad una carrellata di immagini ufficiali, la nuova Lotus 3-Eleven 430 riporta in auge, innalzandone ulteriormente i contenuti hi-tech e i valori prestazionali, gli atout che alla fine degli anni 40 vennero messi nero su bianco da Colin Chapman nella progettazione delle sue prime “special” e, successivamente, ripresi nella leggendaria Lotus 7 (che lo stesso Chapman mal sopportava… ma questa è un’altra storia) e, in pista, dalla minuscola Eleven, la “peso-mosca” che contribuì a costruire la carriera “racing” della allora giovane azienda britannica.

Il corpo vettura, che sulla bilancia dichiara poco più di 900 kg (ancora più leggera rispetto alla versione precedente, dunque!) comprende un telaio in “tradizionale” alluminio e una carrozzeria realizzata con l’impiego di materiali compositi (resine plastiche e fibra di carbonio), ai quali i designer Lotus hanno aggiunto un bodykit aerodinamico ulteriormente affinato, nel quale fanno bella mostra di se un nuovo splitter anteriore, un diffusore posteriore di nuovo disegno, e l’alettone posteriore collocato in posizione maggiormente rialzata (+50 mm).

Dati alla mano, indica Hethel, il carico aerodinamico per Lotus 3-Eleven 430 è nell’ordine di 265 kg alla massima velocità (290 km/h), cioè circa 45 kg in più. L’immagine “estrema” di Lotus 3-Eleven 430 2018 si completa con un set di cerchi a diametro differenziato (18” all’avantreno, 19” al retrotreno) e con pneumatici Michelin Cup 2 da, rispettivamente, 225/40 ZR 18 e 275/35 ZR 19.

L’assetto sfrutta un kit di ammortizzatori Öhlins, appositamente settati, e barre antirollio (anteriore e posteriore) Eibach regolabili; a questi componenti si aggiungono un dispositivo di controllo trazione con sei differenti modalità di regolazione. L’impianto frenante si avvale di quattro dischi da 332 mm con pinze freno AP Racing a quattro pistoncini.

Sotto il cofano (o meglio: alle spalle dell’abitacolo), la nuova “super-roadster” di Hethel viene equipaggiata con l’unità V6 da 3,5 litri, sovralimentata mediante un compressore volumetrico e abbinata ad una trasmissione con differenziale a slittamento limitato di tipo Torsen. Con una potenza massima di 430 CV e 440 Nm di coppia massima (valori che regalano alla nuova biposto di Hethel in edizione limitata un rapporto peso/potenza di ben 473 CV/tonnellata), la nuova Lotus 3-Eleven 2018 viene dichiarata per una velocità massima di 290 km/h e 3,2 secondi per lo scatto da 0 a 100 km/h.

Lotus 3-Eleven 430 2018: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti