Range Rover Velar: primo contatto con il nuovo SUV premium

La nuova Range Rover Velar convince per la sua immagine e le finiture lussuose che nascondono le caratteristiche di un fuoristrada ideale su ogni terreno.

Con il debutto della nuova Range Rover Velar, il marchio Land Rover arricchisce la gamma dei suoi SUV di lusso appartenenti al sub-brand “Range Rover” con un quarto modello che va a posizionarsi tra la più piccola Evoque e la sorella maggiore Sport.

I designer della Casa britannica hanno effettuato un lavoro allo stato dell’arte realizzando un SUV filante che strizza l’occhio alle coupé. Lunga ben 4,80 metri, la Velar sfoggia un passo lungo abbinato ad uno sbalzo anteriore piuttosto corto e ad una coda scolpita che si distingue per un lunotto di piccole dimensioni e molto inclinato, lambito da gruppi ottici che si sviluppano in senso orizzontale. L’effetto scenico viene completato dal tetto nero quasi spiovente capace di regalare ancora più slancio alla vista d’insieme, mentre i cerchi che arrivano fino a 22 pollici offrono un ulteriore tocco di sportività che non guasta mai.

Per accedere all’interno dell’abitacolo si accede da ampie portiere che sfoggiano maniglie a scomparsa: entrati nel lussuoso ambiente interno si apprezzano immediatamente finiture e assemblaggi da ammiraglia. La console centrale ospita il sistema di infotainment Touch Pro Duo che comprende un ampio display “tattile” da 10 pollici posizionato sopra un secondo schermo altrettanto grande. Grazie al display “touch” e alla presenza di due rotelle supplementare gli ingegneri Land Rover hanno permesso di limitare al massimo la presenza di tasti fisici: il sistema multimediale permette quindi di controllare la climatizzazione, l’impianto audio – disponibile in varie versioni con potenze fino a 1.600 watt – la navigazione satellitare e gli ormai immancabili sistemi di connettività per smartphone. L’ormai noto sistema Terrain Response per la gestione della guida in strada e in fuoristrada può essere settato sfruttando lo schermo centrale più basso ed interviene sulla trazione integrale che può essere implementata con il differenziale posteriore bloccabile.

Seduti al posto di guida si gode di una posizione privilegiata e confortevole che permette un completo controllo della strada grazie al baricentro alto, oltre a permettere di accedere facilmente ai vari comandi dell’auto.  La posizione di guida si trova facilmente grazie alle tantissime regolazioni elettriche che permettono di regolare anche i fianchetti dei sedili e il supporto lombare, l’unico neo che abbiamo notato riguarda il freno di stazionamento elettronico che risulta un po’ scomodo perché “nascosto” sulla destra del guidatore.  Dietro si possono accomodare tranquillamente anche tre persone adulte, mentre il vano bagagli misura ben 673 litri con il divano in uso.

La gamma di propulsori prevede la presenza  di tre unità turbodiesel e 3 a benzina: i diesel comprendono un 2.0 litri turbo da 180 e 240 CV, oltre al poderoso 3.0 litri turbo da 300 CV e l’enorme coppia da 700 Nm. Sul fronte dei benzina troviamo il 2.0 litri turbo, declinato negli step da 250 CV (365 Nm) e 300 CV (400 Nm), mentre al top di gamma si posiziona  il 3.0 litri turbo da 380 CV e 465 Nm. Tutte le motorizzazioni sono abbinate ad un cambio automatico a otto rapporti della ZF. La Range Rover Velar viene offerta ad un prezzo di partenza di 58.800 euro, relativo sia alla versione 2.0 litri a benzina da 250 CV che per la 2.0 litri turbo diesel da 180 CV.

La Velar D300 equipaggiata con il V6turbodiesel da 300 CV è stata oggetto del nostro primo contatto su strada. La vettura declinata nella variante R-Dynamic sfoggia un estetica specifica, oltre ad essere equipaggiata con le sofisticate sospensioni pneumatiche che permettono anche un’impostazione maggiormente sportiveggiante. Nonostante il peso di circa due tonnellate, la Velar ha un comportamento molto vivace, anzi quasi sportivo, considerando ovviamente l’abbondante riserva di cavalli, ma soprattutto l’incredibile coppia di 700 Nm disponibile già a partire da 1.500 giri/min. Le prestazioni dichiarate parlano di una velocità di punta di 241 km/h e di un’accelerazione da 0 a 100 km/h fulminea, pari a 6,5 secondi. Ovviamente le generose performance velocistiche e il peso non indifferente si fanno sentire sui consumi di carburante (consumo dichiarato nel ciclo misto pari 6,4 l/100km). Il cambio automatico ad 8 marce fa egregiamente il suo dovere sia in strada, anche quando si spinge forte, che in fuoristrada coadiuvato dalla presenza del differenziale bloccabile.

 

Range Rover Velar: immagini ufficiali del primo contatto Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Land Rover Defender 2.0 SD4 S: la prova su strada

Altri contenuti