Nuova Bmw Serie 4 Coupé 2021: prezzo, interni, prima prova

Forte presenza scenica, prestazioni superlative e finiture lussuose, sono queste alcune delle incredibili caratteristiche della nuova Coupé teutonica.

La nuova Bmw Serie 4 Coupé, seconda generazione della sportiva teutonica di medie dimensioni ed erede della mai dimenticata Serie 3 Coupé, si presenta in una veste tutta nuova e senza dubbio originale. La Serie 4 sta infatti già facendo molto discutere appassionati e semplici curiosi per il suo frontale “di rottura”. Stiamo parlando della ormai famosa griglia a doppio rene – di grandi dimensioni e a sviluppo verticale – che attinge a piene mani alla lunga storia del costruttore teutonico. Questo dettaglio estetico, dopo averlo conosciuto in un primo momento attraverso immagini e video ufficiali, siamo riusciti finalmente ad ammirarlo dal vivo nel corso di una prima esperienza di guida della coupé tedesca.

Design dal forte impatto

Come anticipato in precedenza, la nuova calandra a doppio rene ricorda quelle usate da numerosi modelli storici della Casa di Monaco, a partire dagli anni ’30 (come ad esempio le Bmw 303 e 328) e fino ad arrivare a tempi più recenti (la Bmw 3.0 CS di fine anni ‘60). Sinceramente, dal vivo, la griglia esprime al meglio la propria personalità, regalando alla vettura grinta da vendere, grazie anche all’abbinamento con i nuovi proiettori anteriori a LED (a richiesta sono disponibili quelli con tecnologia Laser) che ricordano lo sguardo di un grosso felino pronto alla caccia.

La vettura raggiunge i 4,77 metri di lunghezza, crescendo quindi di ben 13 centimetri rispetto alla precedente generazione, la larghezza è pari a 1,85 metri (+3 cm), l’altezza di 1,38 metri rimane praticamente, mentre il passo aumenta di 4 centimetri. A conti fatti, l’aumento di dimensioni l’avvicina ancora di più ad una Gran Turismo di razza, regalando in particolare maggiore spazio ai passeggeri posteriori che sulla precedente versione potevano contare su uno spazio per le gambe a dir poco risicato. Le fiancate sono scolpite e meno muscolose, regalando così un senso di maggiore eleganza, così come il terzo volume, meno pronunciato ed enfatizzato dai nuovi proiettori a led, più lunghi e sottili.

Interni lussuosi

Entrati nell’abitacolo della nuova Serie 4 si respira l’aria di famiglia di tutte le recenti Bmw, parliamo quindi un cockpit piuttosto classico, orientato verso il guidatore e caratterizzato da linee pulite capaci di offrire il giusto compromesso tra tecnologia e tradizione. All’estremità superiore della plancia troviamo l’ampio display da 12,3 pollici del sistema di infotainment che permette di controllare numerose funzioni (anche attraverso i comandi vocali o gestuali), tra cui quelle del sistema audio, della navigazione satellitare e della connettività per smartphone che per la prima volta adotta anche Android Auto, pronto ad afficnare la compatibilità di Apple CarPlay.

Anche la strumentazione sfrutta uno schermo digitale da 12,2 pollici e si distingue i per 3 tipi differenti grafiche che identificano altrettante modalità di guida (Sport, Confort ed Eco). Non manca inoltre l’utilissimo Head-up display che proietta le più importanti informazioni di guida (comprese quelle del navigatore GPS) direttamente sul parabrezza, di fronte il guidatore. Per quanto riguarda l’abitabilità interna, come accennato in precedenza, grazie al maggiore passo è possibile ospitare quattro persone adulte, anche se dietro quelli più alti di 1,80 metri possono sfiorare con la testa il tetto. Molto soddisfacente la capacità di carico del vano bagagli che raggiunge quota 440 litri con il divano posteriore in uso.

Motorizzazioni

Al momento del lancio, la nuova Serie 4 Coupé viene proposta nelle versione a benzina 420i, equipaggiata con il quattro cilindri 2.0 litri turbo da 184 CV, seguita dalla 430i con motore 2.0 litri turbo benzina da 264 CV, mentre al top di gamma si posiziona la M440i xDrive, equipaggiata con il 6 cilindri 3.0 turbo benzina da 374 CV. Sul fronte dei diesel troviamo invece la 420d, forte di un 2.0 litri turbodiesel da 190 CV, quest’ultima e la M440i possono inoltre contare sulla tecnologia mild hybrid 48V che supporta il motore termico con una potenza aggiuntiva di 8 kW (11 CV). All’inizio del prossimo anno debutteranno le versioni diesel mild-hybrid 430d xDrive da 286 CV e M440d xDrive da 340 CV, senza dimenticare la sportivissima M4, declinata nelle varianti a benzina da 480 e 510 CV. La Serie 4 è disponibile con trazione posteriore o integrale xDrive, mentre il cambio è automatico a 8 rapporti.

Prezzi

La Bmw Serie 4 coupé vanta un listino che parte da 50.750 euro per la 420i, mentre per la 430i e la M440i bisogna spendere rispettivamente 56.400 e 77.000 euro. La versione diesel 420d parte invece da 50.900 euro.

Prima prova su strada della M440i xDrive

Nel corso del nostro primo contatto con la nuova Bmw Serie 4 abbiamo avuto il piacere di metterci al volante dell’attuale versione Top di gamma, rappresentata dalla M440i xDrive, spinta dal poderoso 6 cilindri 3.0 litri TwinPowerTurbo litri da 374 CV e 500 Nm di coppia massima, aiutato dal sistema mild hybrid a 48V che offre una potenza supplementare di 11 CV in grado di ottimizzare consumi ed emissioni, oltre ad offrire una funzione overboost. Potenza e coppia sono coadiuvate da una massa scesa di circa 50 kg rispetto alla precedente versione, per un totale di 1.840 kg.

Il test drive della M440i si è svolto nelle suggestive e tortuose strade che si snodano lungo le Langhe piemontesi, terra famosa per i preziosi filari di vino che danno vita al celebre Barolo. Già a partire dai primi chilometri si ottiene un elevato feeling con la vettura che mostra tutta la sua agilità tra le curve più allegre quando si opta per le modalità di guida Sport e Sport Plus. Il merito va alla distribuzione dei pesi perfetta (50:50), alle sofisticate sospensioni adattive che leggono alla perfezione l’asfalto e al differenziale autobloccante, senza dimenticare il sistema di trazione integrale intelligente xDrive che permette di scaricare atterra tutta la potenza senza preoccupazione. Elogi anche al cambio automatico ad 8 rapporti, dotato di modalità manuale e paddle sul volante: la trasmissione si dimostra decisamente fulminea e non denuncia incertezze di sorta, si fa apprezzare in modalità automatica, ma con il settaggio sequenziale diventa superlativa. Infine, il sound emesso dal doppio scarico sportivo regala la colonna sonora perfetta per uno spettacolo di puro piacere di guida. La M440i sa essere però anche docile e tranquilla, basta selezionare la modalità Confort, e il suo assetto diventa morbido al punto giusto per assorbire tutte le asperità della strada, mentre selezionando il settaggio Eco Pro vengono privilegiati i consumi di carburante, anche se su una vettura di questo tipo passano sicuramente in secondo piano.

In conclusione, la M440i xDrive si presenta quindi come una sportiva completa ed eclettica, in grado di accontentare i gusti degli automobilisti che amano il lusso di una Gran Turismo e le performance di una supercar, ma che nello stesso tempo desiderano un’auto più sobria e meno appariscente di una M4.

Nuova Bmw Serie 4 2020: prima prova Vedi tutte le immagini
Altri contenuti