Fiat 500 elettrica, al via le ordinazioni: Olivier François è tester d’eccezione

Il Presidente di Fiat Brand Global racconta l’esperienza del primo test drive al volante della Nuova 500.

Dopo aver mostrato le sue linee senza tempo, diffuso le informazioni relative alla sua meccanica a zero emissioni e alla sua ricca dotazione, FCA ha finalmente deciso di regalarci la prima esperienza di guida al volante della nuova Fiat 500 elettrica.

Un tester d’eccezione

A provare la vettura un tester d’eccezione, ovvero Olivier François, Presidente Fiat Brand Global, diventato protagonista di un video decisamente interessante insieme alla nuova 500 “la Prima”. L’obiettivo di questo video-test è quello portare idealmente a bordo della nuova citycar 100% elettrica tutti gli appassionati della Fiat 500.

“Il primo giro di pista di una nuova vettura lo facciamo di solito a telecamere spente. Ma per la Nuova 500 ho deciso di portarvi con me! Il primo test drive della Nuova Fiat 500 – queste le parole di Olivier François che ha inoltre aggiunto – è un momento molto particolare e anche un po’magico. Una “visione” che diventa realtà. Un lavoro di team che prende corpo. Ma, a dire il vero, è anche un momento molto impegnativo.”

Così il numero uno di Fiat “porta” il pubblico alla scoperta delle tante meraviglie di questo gioiello di bellezza, innovazione, tecnologia e sostenibilità che è la Nuova 500.

Il viaggio inizia a Mirafiori

Il “viaggio” di Olivier e la 500e è partito dallo stabilimento di Mirafiori, dove viene prodotta l’inedito modello. Inaugurato nel 1939, l’impianto torinese segnò per Fiat l’inizio della produzione moderna, ed è una delle fabbriche europee del settore automotive in attività da più tempo.

Oltre 1.200 persone si occupano della produzione della Nuova 500, mentre la capacità produttiva della linea sarà di 80.000 unità l’anno quando sarà a pieno regime, inoltre ci sarà la possibilità di essere aumentata se le condizioni lo richiederanno. Parliamo di un investimento di oltre settecento milioni di euro e di tanti nuovi posti di lavoro grazie anche all’indotto. La Nuova 500 è stata pensata, disegnata e ingegnerizzata tutta a Torino, quindi risulta lecito parlare di un vero prodotto del “made in Italy”.

Per la seconda tappa direzione “Lingotto”

La seconda tappa di questo test è il celebre “Lingotto”, l’ex fabbrica Fiat con la pista sul tetto, dove venivano testati gli esemplari della prima generazione della Fiat 500, prima della spedizione delle vetture. Oggi la fabbrica è stata riconvertita in museo dove ha sede la Pinacoteca Agnelli, dove al quarto piano troviamo la “Virtual Casa 500”, mostra virtuale che svela in anteprima come sarà la Casa 500 pronta nella primavera 2021.

In connubio con le bellezze della natura

Il test di Olivier François al volante della 500 elettrica è proseguito lungo i viali del capoluogo piemontese, terminando al Monte dei Cappuccini, luogo decisamente suggestivo dove risulta possibile ammirare una delle più spettacolari viste sulla città e sulle Alpi.  Alla Fine del suo viaggio, il Presidente Fiat Brand Global ha affermato: “Perché tutti dopo i giorni del lock-down abbiamo imparato ad apprezzare ancor di più la vita all’aria aperta e quanto sia prezioso l’ambiente che ci circonda: preservarlo dipende anche da noi.”

Una dotazione di primo livello

Ricordiamo che la Nuova 500 “la Prima” può essere da oggi ordinata in tutti gli showroom FCA. La sua dotazione vanta un esclusivo tetto panoramico in vetro in grado di offrire molta luce nell’abitacolo, inoltre nella versione “la Prima” non mancano i seguenti accessori:

  • Spoiler posteriore
  • Fari full led
  • Cerchi da 17 pollici diamantati
  • Inserti cromati sui finestrini e sulla fiancata
  • Rivestimento interno in eco-leather

Completano la dotazione una lunga serie di sistemi ADAS in grado di aumentare la sicurezza in maniera esponenziale.

Fiat 500 “la Prima” berlina: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti

Reagire con più forza contro l’emergenza sanitaria; meno dividendo straordinario ai soci Fca, quota del 46% Faurecia a tutti gli azionisti Stellantis, studio di eventuali nuove distribuzioni; invariati tutti gli altri aspetti e la timeline di conclusione.