Mazda2 2020 ibrida: allestimenti, motori e prezzi

Caratteristiche, dotazioni, tecnologie e prezzi di vendita della nuova edizione della “segmento B” giapponese che enfatizza la propria immagine premium.

Di livello superiore alle “utilitarie” marcatamente cittadine e nello stesso tempo più piccole rispetto alle “compatte” di fascia medium, le vetture di segmento B rappresentano, insieme a queste ultime ed al comparto SUV e crossover, la “fetta” di mercato più elevata in Europa. All’atto pratico, le “supercompatte” presentano i vantaggi derivanti dalla peculiare collocazione bridge fra citycar e segmento C; dunque: adeguata abitabilità a bordo, capacità di trasporto bagagli idonea alle quotidiane necessità ma anche ai viaggi, e dimensioni contenute per destreggiarsi nel traffico urbano ed assicurare un opportuno comfort nei tragitti più lunghi.

Una “carta d’identità” cui la nuova edizione “Model Year 2020” di Mazda2 dimostra di rispecchiarsi: il modello di ingresso alla lineup di Hiroshima, in produzione dal 2015 dunque giunto alla “mezza età”, persegue i programmi di aggiornamento avviati di recente dal marchio giapponese (Mazda3, Mazda CX-30, la eterna spiderina-bestseller Mazda MX-5 e la recentissima 100% elettrica Mazda MX-30 di imminente debutto sul mercato), e che – nello specifico – si concretizzano in un profondo re-engineering tanto di immagine quanto, in maniera funzionale a quest’ultima, nei contenuti. “Last but not least”, attraverso l’adozione della tecnologia di elettrificazione (qui a sistema mild-hybrid, come vedremo) che sostituisce le unità a gasolio e va ad equipaggiare l’unità motrice SkyActiv-G a benzina in due livelli di potenza (75 CV e 90 CV) abbinata al cambio manuale a sei rapporti (esiste anche una variante a cambio automatico, sempre a sei rapporti, ma in Italia non la vedremo).

Gli allestimenti, i prezzi e l’offerta di lancio

Proposta in tre configurazioni di allestimento (“Evolve”, “Exceed”, “Exclusive”), Mazda2 “Model Year 2020” si prepara a fare il proprio esordio sul mercato con importi di vendita che partono da, rispettivamente, 17.800 euro “chiavi in mano” per il modello di ingresso alla gamma 1.5 75 CV Evolve; 19.900 euro per la declinazione Exceed, e 22.500 euro per la variante alto di gamma Exclusive. Prezzi ai quali Mazda applica, fino al 31 gennaio, uno sconto di 2.300 euro (senza rottamazione o finanziamento) e, per celebrare i 100 anni dalla fondazione di Mazda (avvenuta nel 1920), verranno riconosciuti ulteriori ribassi (2.000 euro).

Corpo vettura: le novità

Pressoché invariata negli ingombri esterni (la lunghezza rimane su 4,06 m), Mazda 2 2020 si segnala per il ricorso alla più recente espressione del ben conosciuto “Kodo Design” da quasi un decennio “marchio di stile” Mazda; una sapiente commistione fra linee “pulite” e superfici scolpite ne caratterizza l’impostazione esteriore. Nuovi elementi accentuano la personalità della “baby-Mazda” in chiave 2020: la caratteristica “ala” cromata anteriore è più ampia, nuove cornici cromate accompagnano la calandra (provvista di griglia “a nido d’ape” dall’aspetto simpaticamente sportivo) a raccordarsi ai gruppi ottici anteriori a Led; nuovi profili cromati ai paraurti; cerchi, aggiornati nel disegno, in lega da 15” e da 16” in funzione della singola versione.

Abitacolo e infotainment: attenzione all’ergonomia ed alla funzionalità

All’interno, Mazda2 2020 segue in linea retta gli attuali dettami di cura nell’engineering degli elementi e dei rivestimenti, i quali, oltre che costituire un “punto di forza” per il Costruttore giapponese, sono stati ulteriormente enfatizzati nella più recente lineup Mazda. Nello specifico, lo studio dei componenti, indicano i progettisti di Mazda2, si è basato sullo studio dei movimenti delle persone quando esse camminano; questo approccio ha favorito il disegno di nuovi sedili che, modificati nella struttura interna (nuove molle a torsione ed aggiunta di elementi in uretano ad elevato smorzamento) aiutano il bacino a mantenersi in posizione verticale (così da conservare la naturale curva “a S” della colonna vertebrale):   Da segnalare, fra le novità altrettanto significative in termini di comfort per conducenti e passeggeri, il ricorso a nuovi pannelli insonorizzanti (uno strato di rivestimento più spesso per il padiglione, e nuovi materiali anti-vibrazioni collocati all’interno dei passaruota posteriori, nuove “labbra” di tenuta al portellone). L’equipaggiamento interno prevede, nell’ordine: specchio retrovisore centrale con funzione anti-abbagliamento automatica, nuovi rivestimenti in pelle (basata sulle tonalità blu e grigio), similpelle scamosciata in tinta Black Granlux, tessuto standard (proposto nelle nuance marrone e nero), tessuto di elevata qualità (che porta in dote una nuova colorazione Blu Navy con accenti in Silver) e pelle-tessuto. Il modulo infotainment di Mazda2 “edizione 2020” fa riferimento al sistema Mazda Connect, compatibile con gli standard Apple CarPlay ed Android Auto: per l’interfaccia con i device portatili, l’utente può collegare il proprio smartphone al dispositivo multimediale attraverso la presa Usb, e visualizzare le App sul display da 7” di bordo.

Dotazioni ADAS

Mazda2 2020 porta in dote, come del resto le più recenti proposte di Hiroshima, un ampio ventaglio di sistemi di ausilio attivo alla guida che fanno capo alle funzionalità di sicurezza i-ActivSense: oltre ai gruppi ottici anteriori a Led, l’equipaggiamento comprende il sistema Advanced SCBS di supporto avanzato intelligente alla frenata in città aggiornato con il sistema di riconoscimento notturno pedoni, e l’assistenza al mantenimento di corsia. La dotazione prevede inoltre il sistema di riconoscimento dei segnali stradali (limiti di velocità, divieti di accesso e stop) che vengono visualizzati sull’Active Driving Display; ed il monitoraggio visivo a trecentosessanta gradi (con quattro telecamere) e sensori di parcheggio anteriori.

Mazda2 2020: dimensioni esterne e capacità del vano bagagli

  • Lunghezza: 4,06 m
  • Larghezza: 1,69 m (senza gli specchi retrovisori esterni); 1,98 m (specchi retrovisori esterni compresi)
  • Altezza: 1,49 m (antenna “a pinna di squalo” esclusa)
  • Passo: 2.570 mm
  • Sbalzo anteriore: 815 mm
  • Sbalzo posteriore: 680 mm
  • Carreggiata anteriore: 1.495 mm
  • Carreggiata posteriore: 1.485 mm
  • Distanza minima da terra (in condizioni di marcia): 143 mm
  • Spazio per la testa conducente e passeggero anteriore: 984 mm in altezza
  • Spazio per la testa passeggeri posteriori: 945 mm in altezza
  • Larghezza abitacolo a livello delle spalle: 1,35 m all’anteriore; 1,27 m al posteriore
  • Larghezza abitacolo a livello dei fianchi: 1,32 m all’anteriore; 1,21 m al posteriore
  • Spazio anteriore per le gambe: 1,06 m
  • Spazio posteriore per le gambe: 0,88 m
  • Volume di carico utile nel bagagliaio: 250 litri (senza vano sotto il pavimento); 255 litri (vano sotto il pavimento compreso).

Telaio attivo: il sistema G-Vectoring Control Plus

Fedele alla recente impostazione tecnica Mazda che fa riferimento all’architettura SkyActive Vehicle Architecture orientata ad enfatizzare l’esperienza di guida “Jinba Ittai”, Mazda2 2020 presenta, nel dettaglio, un nuovo engineering agli ammortizzatori anteriori e posteriori, in modo da aumentarne la forza di smorzamento alle basse velocità e diminuirla alle alte velocità e su strade sconnesse; inoltre, gli ammortizzatori posteriori beneficiano di una maggiore escursione. Da segnalare, altresì, il montaggio dei supporti superiori ammortizzatori in uretano, funzionali alla riduzione delle caratteristiche di elasticità delle molle: in questo modo, osservano i tecnici Mazda, le sospensioni assicurano una maggiore reattività alle piccole vibrazioni, un minore smorzamento alle velocità più elevate e su asfalto liscio, e nel complesso un significativo miglioramento in termini di comfort di marcia.

Dinamica veicolo e ruote

  • Sospensioni: schema McPherson all’avantreno; barre di torsione al retrotreno
  • Dimensioni dei cerchi: 5.5×15 ST; 5.5×15 AL; 5.5×16 AL
  • Dimensione degli pneumatici: 185/65 R 15; 185/60 R 16
  • Sterzo: a pignone e cremagliera; servosterzo elettrico sul piantone; diametro di sterzata: 10,1 m-10,4 m
  • Impianto frenante: misto (dischi da 258 mm di diametro all’avantreno, a tamburi da 200 mm di diametro al retrotreno)
  • Peso minimo in ordine di marcia: 1.025 kg

Motore: le caratteristiche del nuovo sistema elettrificato

Come accennato, Mazda2 2020 viene provvista di una nuova tecnologia di elettrificazione, ribattezzata “SkyActiv e-Sync”, il cui engineering – indicano i tecnici del marchio di Hiroshima – è stato sviluppato in ordine di operare in sincrono con le unità motrici SkyActiv-G. Ciò, nello specifico, avviene attraverso l’azione del modulo di propulsione ibrido leggero Mazda M Hybrid (dove “M” sta per “Mild”), che abbina la tecnologia i-ELoop, esclusiva di Mazda, di frenata rigenerativa, con un generatore-starter integrato B-ISG, azionato a cinghia, e ad un condensatore (quest’ultimo sostituisce, ovviamente, la convenzionale batteria).

Come funziona il modulo mild hybrid di Mazda2

All’atto pratico, il sistema B-ISG si incarica di convertire l’energia cinetica, recuperata nelle fasi di frenata e di decelerazione, in energia elettrica: quest’ultima viene a sua volta immagazzinata nel condensatore. Quando la quantità di energia accumulata è sufficiente, il compito del sistema consiste nell’impiegare le funzioni di generazione di energia e di trazione, peculiari del modulo alternatore-starter B-ISG stesso, con l’obiettivo di ottimizzare la resa dell’energia già immagazzinata. In questo modo, il sistema ibrido leggero di Mazda2 2020 fornisce adeguata assistenza alla trazione, riduce il carico sul motore termico e viene in aiuto all’unità termica nelle fasi di avvio (il sistema di propulsione si avvale, altresì, del dispositivo i-Stop che mantiene spento il motore SkyActiv-G fino a quando il conducente non innesta nuovamente la “prima” e rilascia il freno).

Tecnologia di propulsione e valori prestazionali

Riportiamo di seguito i dati tecnici di Mazda2 Model Year 2020, relativi esclusivamente alle declinazioni provviste di cambio manuale, non essendo la variante 90 CV-148 Nm a cambio automatico importata in Italia.

  • Tipo di motore: SkyActiv-G 1.5
  • Cilindrata: 1.496 cc
  • Alesaggio x corsa: 74,5 mm x 85,8 mm
  • Alimentazione: iniezione diretta
  • Rapporto di compressione: 13:1
  • Distribuzione: 4 valvole per cilindro comandate da doppio albero a camme in testa
  • Potenza massima: 75 CV a 6.000 giri/min; 90 CV a 6.000 giri/min
  • Coppia massima: 135 Nm a 3.800 giri/min (versione SkyActiv-G 1.5 75 CV); 148 Nm a 4.000 giri/min (versione SkyActiv-G 1.5 90 CV)
  • Trasmissione: cambio manuale a sei rapporti, trazione anteriore
  • Sistema mild hybrid: Mazda M Hybrid a condensatore da 0,012 kWh
  • Tensione: 22,5V
  • Consumo combinato (ciclo WLTP): 5,3 litri di benzina per 100 km
  • Emissioni CO2 (ciclo WLTP): 120 g/km
  • Omologazione emissioni: Euro 6d
  • Velocità massima: 171 km/h (versione SkyActiv-G 1.5 75 CV); 183 km/h (versione SkyActiv-G 1.5 90 CV)
  • Tempo di accelerazione 0-100 km/h: 11”4 (versione SkyActiv-G 1.5 75 CV); 9”8 (versione SkyActiv-G 1.5 90 CV).
Mazda2 2017, nuove immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti