Nuova Mercedes Classe A 180d: la prova su strada

La Mercedes Classe A si rinnova puntando su una tecnologia intelligente, guadagna centimetri nella zona posteriore ed in favore del bagagliaio. Alla guida resta sempre reattiva, piacevole e sicura.

Nuova Mercedes Classe A 180d: la prova su strada

Nuova Mercedes Classe A 180d

Design

9

Comfort

9

Prestazioni

7

Consumi

8.5

Prezzo

6.5

VOTO Motori.it: 8

Pro

Linea, infotainment, qualità stradali, comfort.

Contro

Tasto delle quattro frecce poco visibile.

di Valerio Verdone

24 Agosto 2018

La Mercedes continua a stupire con la Classe A, e se la versione precedente aveva lasciato a bocca aperta per un design di rottura, quella attuale mette in mostra un infotainment che farebbe gola agli smartphone alto di gamma. L’abbiamo provata con il 1.5 diesel da 116 CV che assicura consumi da utilitaria.

Esterno: l’evoluzione della specie

La Classe A di nuova generazione evolve in maniera fluida e dinamica il design di successo del modello precedente e così nel frontale il taglio dei fari riprende quello già visto sulla nuova CLS: i gruppi ottici sono più sottili tendono a sfumare verso l’alto inserendosi nei passaruota. Ampia la calandra con la grande Stella a Tre Punte al centro, mentre la fiancata appare più snella per via dei 12 cm di lunghezza guadagnati. Nella vista posteriore invece spiccano i gruppi ottici allungati che sottolineano la larghezza della vettura e si restringono in corrispondenza del portatarga. Lo spoiler sul tetto e il piccolo lunotto rappresentano elementi che esprimono il carattere sportiveggiante della vettura.

Interno: una piccola astronave

Di solito un passo cresciuto di 3 cm ed un bagagliaio incrementato di quasi 30 litri farebbero notizia, ma sulla Classe A non è lo spazio riservato ai passeggeri posteriori a rendere interessanti gli interni, né un vano capiente con 370 litri utili, bensì il sistema d’infotainment e la strumentazione. Spieghiamoci meglio: è difficile separare entrambi perché sono composti da due schermi da 10,23 pollici che sembrano uniti, e che possono essere gestiti tramite il volante, ma poi, udite udite, arriva anche il sistema touch, e, dulcis in fundo, ci sono i comandi vocali. Ma non i soliti comandi vocali, perché con la Classe A la sensazione di complicità con la vettura è amplificata, basta dire “Hey Mercedes, andiamo al ristorante”, ed ecco che si viene indirizzati verso quelli più vicini, o, volendo, in quello dove si va di solito, perché il bello è che questa compatta ti studia, comprende le tue abitudini e poi ti ripropone quelle scelte che sei solito effettuare. Infatti, se hai la partita di calcetto e vuoi sentire gli amici il mercoledì per organizzarti, sarà lei a ricordarti di chiamarli per dedicarti al tuo sport preferito. Tempi che cambiano e in fretta, soluzioni così efficaci che trasformano il modo di rapportarsi con l’auto.

Al volante: facile e divertente ma sempre confortevole

Alla guida della nuova Classe A risalta subito la sua agilità: i 116 CV del 1500 cc diesel ci sono apparsi un valido compromesso tra prestazioni e consumi (circa 20 km/l) nell’utilizzo quotidiano, soprattutto perché il cambio Dct a 7 rapporti agevola la gestione della potenza. Infatti, la prima, la seconda e la terza marcia ravvicinate regalano brio, mentre i restanti quattro rapporti assecondano un’andatura più leggera, turistica e capace di non deludere né le prestazioni, né tanto meno i consumi. In tutto questo il telaio incrementa il divertimento alla guida, e invoglia a cambiare ritmo nei tratti misti: è facile inserirla in curva, tenere la traiettoria ed uscirne fuori dai tornanti dando già gas ancora con il volante chiuso. Merito del ponte posteriore multilink e delle sospensioni con valvole regolate elettronicamente. Il comfort è elevato per via di un isolamento acustico notevolmente migliorato rispetto alla vecchia generazione.

Prezzo: da 29.900 Euro

La Mercedes Classe A è cresciuta e il prezzo per questa vettura premium al vertice della categoria con il 1.5 diesel parte da quasi 30.000 mila Euro, 29.900 Euro per l’esattezza, nella variante Executive, ma per la versione più accessoriata, la Premium, sale a 34.620 Euro. Certo, la lista degli optional è una tentazione che aumenta il costo in maniera considerevole, ma, volendo, può essere arricchita come un’ammiraglia; anzi, certe soluzioni a livello d’infotainment non le hanno nemmeno le sorelle maggiori.

Tutto su: Mercedes-Benz Classe A