Fiat 500 elettrica: nascerà a Mirafiori

Fiat rilancia l’impianto di Mirafiori che sarà il protagonista per la nuova piattoforma elettrica che darà vita alla 500 BEV e a tanti altri modelli del prossimo futuro.

L’11 luglio è stato festeggiato l’anniversario numero 120 dalla fondazione di Fiat, una data storica e un punto di arrivo veramente importante per l’industria che ha motorizzato agli italiani. Ma non è tempo di crogiolarsi sugli allori del passato e in un giorno simbolico come quello del suo anniversario, dalla Fiat hanno annunciato grandi investimenti per i suoi stabilimenti, in particolare per Mirafiori che si occuperà della realizzazione della Fiat 500 elettrica.

Fino ad oggi, una Fiat 500 elettrica è già stata prodotta, ma solo sul mercato USA. A breve invece prenderà vita una 500 elettrificata su larga scala. Questa vettura a zero emissioni nascerà su una nuova piattaforma che, in seguito, sarà fondamentale per creare una vera e propria famiglia di veicoli 100% elettrici. L’impianto designato alla produzione, come anticipato, sarà Mirafiori che avrà una capacità produttiva di 80.000 auto l’anno, e se le vendite dovessero andare ben oltre le aspettative, sarà comunque in grado di realizzare ancora più esemplari. La nuova Fiat 500 elettrica sarà denominata 500 BEV (Battery Electric Vehicle). Il gruppo FCA ha investito 700 milioni e ha garantito 1.200 posti di lavoro nello stabilimento torinese.

Mirafiori da 80 anni è parte integrante e faro della produzione dei veicoli Fiat, infatti proprio nel 2019 corrono gli 80 anni dalla sua fondazione. La nuova linea dello stabilimento avrà a disposizione ben 200 robot, così che le operazioni di saldatura saranno completamente automatizzate.

La svolta elettrica sembra essere molto a cuore del Gruppo FCA, che ha realizzato accordi con Enel X ed Engie per nuove colonnine e wallbox, in più ha annunciato che ci sarà l’installazione di oltre 900 punti di ricarica in Italia presso i siti produttivi, 1.200 in corrispondenza dei Leasys Mobility Store e 1.100 nei concessionari, per un investimento totale di 33 milioni di euro. La Fiat 500 sarà l’apripista dell’elettrico per il gruppo italo-americano, che nel prossimo futuro farà sbarcare anche modelli plug-in hybrid di Maserati (Levante, Ghibli e Quattroporte) e di Jeep (Renegade e Compass).

Altri contenuti