I 107 anni di Alfa Romeo al Museo Storico di Arese

Con l’arrivo dell’estate, si rinnovano gli auguri al marchio del Biscione: da sabato 24 giugno, il complesso del Museo di Arese ospita un weekend di iniziative, convegni ed eventi a tema aperti a tutti gli appassionati Alfa.

Due anni fa esatti, il regalo di compleanno fu la presentazione della nuova Giulia, il modello che ha concretizzato la rivoluzione tecnologica per Alfa Romeo. Quest’anno, i 107 anni del Biscione vengono celebrati proprio nella cornice che ventiquattro mesi fa vide l’anteprima assoluta di Giulia: il Museo Storico di Arese – La Macchina del Tempo.

L’appuntamento per gli appassionati è fissato a sabato 24 giugno: una intera giornata a disposizione degli enthusiast del Biscione (ma anche di storia e cultura automotive “tout court”) per una full immersion nel mondo Alfa Romeo.

Il 107esimo compleanno Alfa Romeo al Museo Storico di Arese (ricordiamo che il complesso è stato recentemente riconosciuto “Luogo di interesse storico” da parte del Ministero dei Beni e delle Attività culturali) inizierà ufficialmente alle 9,30 di sabato 24 giugno, con l’apertura della conferenza sui trent’anni di Alfa 164, la berlina alto di gamma disegnata da Pininfarina e allestita sul pianale “Tipo4” (in condivisione con Fiat Croma, Lancia Thema e Saab 9000) che, per Alfa Romeo, rappresentò il primo modello prodotto sotto l’ala Fiat, nonché la prima “ammiraglia” a trazione anteriore. Al convegno (i cui accrediti si apriranno alle 9) farà seguito, dalle 12,30, una parata di Alfa 164 sulla pista privata del Museo.

Appuntamento da non perdere, per gli amanti di automotive design, lo spazio “Inspiration”, in cartellone dalle 10 alle 18 di sabato 24: un evento di progettazioni “live” animato dai designer in forza al Centro Stile Alfa Romeo, i quali disegneranno dal vero da una serie di postazioni dedicate. Ciascun visitatore riceverà una cartellina contenente la riproduzione di uno dei disegni realizzati. Si preannuncia simpatica l’iniziativa aperta a tutti i bambini, che “aiuteranno” idealmente i progettisti colorando al Museo Storico uno dei modelli creati dai designer: interessante esempio di educazione al design: magari, fra i baby appassionati che visiteranno il Museo di Arese in occasione dei 107 anni di Alfa Romeo si nascondono gli esponenti dello stile automobilistico del futuro.

Altrettanto dinamica è la rassegna “Diventa Pilota”, titolo che la dice lunga sulla eterna vocazione sportiva da parte di Alfa Romeo. In attesa di sapere se, per l’immediato futuro, i vertici FCA abbiano in serbo lo sviluppo di versioni racing della gamma Alfa (a quando una Giulia protagonista delle gare Turismo?), gli appassionati di motorsport di tutte le età avranno la possibilità di mettere alla prova le proprie abilità e i prorpi riflessi con la prima edizione del Gran Premio di automodelli slot, che terrà banco nell’intero fine settimana. In programma una serie di gare, aperte ad adulti, bambini e ragazzi, che si svolgerano su una pista elettrica a sei corsie. La partecipazione a “Diventa Pilota” sarà compresa nel biglietto di ingresso al Museo.

Restano in programma, durante tutto il weekend, le visite guidate al Museo Storico di Arese – La Macchina del Tempo: i tour alla scoperta della storia di Alfa Romeo (che si concretizza con l’esposizione di 68 modelli, dalla RL “Targa Florio” del 1922 alla contemporanea 156, oltre a motori per aviazione e migliaia di immagini digitalizzate, disegni, progetti, schede tecniche e contributi filmati), si effettueranno su tre turni: alle 11, alle 14 e alle 16, con prenotazione obbligatoria. Contestualmente, all’interno dell’area museale verrà allestito un set fotografico, per tutto il fine settimana del compleanno Alfa Romeo,  dedicato alle premiazioni e alle foto ricordo.

Alfa Romeo al Salone di Torino Parco Valentino 2017 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Alfa Romeo: 110 anni di storia

Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.