Il Museo Alfa Romeo è luogo d’interesse storico

Il Museo Alfa Romeo di Arese è da oggi un luogo di interesse storico riconosciuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Il Museo Alfa Romeo di Arese è da oggi un luogo di interesse storico riconosciuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Il Museo Alfa Romeo di Arese è da oggi un luogo di interesse storico riconosciuto dallo Stato italiano. Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali ha infatti ratificato la proposta di vincolo che aveva l’obiettivo di riconoscere e tutelare il valore storico di questa struttura e di tutti i modelli che essa ospita.

La decisione del Ministero chiude quindi l’iter burocratico partito lo scorso ottobre, quando il consiglio comunale e il sindaco di Arese Gianluigi Fornaro votarono la proposta di vincolo da sottoporre al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, aprendo il procedimento che prevedeva anche la scadenza del 31 gennaio quale data ultima entro la quale si potevano avanzare eventuali pareri contrari e relativi reclami.

Superato lo scoglio burocratico, quindi, il museo del Biscione può definirsi ufficialmente patrimonio nazionale, con tutte le tutele del caso che spettano a questa struttura aperta al pubblico degli Alfisti e non solo dal dicembre 1976,  riuscendo ad accogliere più di 11.000 visitatori ogni anno.

Presso il Museo Alfa Romeo è raccolta l’intera storia del marchio, con 130 vetture, 25 propulsori che hanno segnato la storia dell’auto italiana e 15 motori per aviazione, a cui si aggiungono oltre 50.000 immagini digitalizzate, 3.000 disegni, 5.000 schede tecniche e diversi contributi filmati. È presente infine anche la prima vettura in assoluto costruita presso lo stabilimento di Arese, una Giulia GT.

100 anni di Alfa in mostra alla Triennale di Milano Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021
News

Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.