24 Ore di Le Mans 2022: quinta vittoria consecutiva per Toyota

Francesco Giorgi
13 Giugno 2022
le_mans_2022_toyota_prima_e_seconda

Le due Hypercar Toyota Gazoo Racing hanno dominato il terzo atto del WEC 2022; battesimo del podio per Glickenhaus; poca fortuna per Alpine.

Trends: Motorsport

Sono Sébastien Buemi, Rio Hirakawa e Brendon Hartley i tre “volanti” Toyota che hanno portato il colosso giapponese alla quinta vittoria consecutiva alla 24 Ore di Le Mans. Un successo che ha il sapore del trionfo, perché alle loro spalle ha concluso la Hypercar GR010 “gemella” (con il numero 7 sulle porte) affidata a Kamui Kobayashi, Mike Conway e José Maria Lopez. Sul terzo gradino del podio, al termine della 90. edizione della maratona della Sarthe che coincideva con il terzo atto del WEC 2022, si è classificata la prima delle Glikenhaus, portata in gara da Ryan Briscoe, Richard Westbrook e Franck Mailleux.

Le Mans 2022, Toyota: una “passeggiata” lunga 24 ore

Forte dei quattro successi in altrettante passate edizioni della 24 Ore di Le Mans, il team ufficiale Toyota si era presentato alla Sarthe con i galloni di squadra da battere. Un titolo impegnativo per i tecnici e gli equipaggi del team giapponese che vedevano puntati su di se i riflettori degli appassionati di tutto il mondo (e, soprattutto, delle squadre avversarie). L’aspetto psicologico, unito alla conquista della Hyperpole alla vigilia di gara, sembra in ogni caso avere influito sul ruolino di marcia delle Hypercar biancorosse. Morale della favola: la 24 Ore è stata letteralmente dominata dalle Toyota fin dal via: le due “Hyper” hanno immediatamente preso in mano il comando di gara senza mai lasciarlo ad altri.

Momentanea incertezza, prontamente risolta, per Toyota

Perdere la leadership di gara, da parte di Gazoo Racing, sarebbe dunque stato possibile solamente con un guasto irreparabile, oppure un clamoroso errore. Non è accaduto nulla di tutto questo (e c’è soltanto da inchinarsi di fronte ad una strategia e ad una preparazione simili). Un po’ di lavoro in più, al box Toyota, è arrivato durante la 16. ora, quando la GR010 Hybrid numero 7 (cioè quella di Kobayashi-Conway-Lopez), vincitrice a Le Mans 2021 e che si era già scambiata il primo posto con la GR010 numero 8 che poi avrebbe tagliato per prima il traguardo, è stata costretta ad una sosta improvvisa per un problema al motore elettrico anteriore.

Un “passo relativamente falso” che ha lasciato l’equipaggio numero 7 fuori dalla leadership, raccolta dalla GR010 numero 8. Nessun gioco di squadra, in quel momento: il giro di distacco accumulato dalla GR010 tornata in testa è stato mantenuto per l’intero ultimo quarto di gara. Per Sébastien Buemi si è trattato del quarto successo personale a Le Mans. Hartley ha raggiunto quota tre vittorie alla 24 Ore, mentre Ryo Hirakawa ha ottenuto la prima vittoria sulla Sarthe.

Le Mans 2022: il primo podio per Glickenhaus

Da segnalare, fra i risultati di rilievo, la terza posizione finale conquistata dalla Glickenhaus 007 LMH n. 709 realizzata dalla Divisione Motorsport della factory italiana Podium Advanced Technologies per conto dell’appassionatissimo newyorkese Jim Glickenhaus. Il progetto orientato alla 24 Ore di Le Mans, che già aveva portato le due “Hyper” al 4. e al 5. posto assoluti nel 2021, sta dando i suoi frutti: la 007 LMH affidata a Westbrook-Briscoe-Mailleux ha completato il podio di Le Mans 2022, e l’altra Hypercar (la n. 708, con al volante Olivier Pla-Romain Dumas-Felipe Derani) ha concluso al quarto posto finale.

Le Mans 2022: Alpine non è profeta in patria

La 24 Ore di Le Mans 2022 sarebbe potuta andare decisamente meglio per Alpine, che ha molto da recriminare sul risultato ottenuto nella gara più importante della stagione del WEC e che per inciso è anche il palcoscenico di casa per la Hypercar “Bleu France”. Da una parte, l’imposizione del BoP-Balance of Performance dopo le qualifiche, che ha costretto la Alpine A480 a non giocare un ruolo più da protagonista. Un paio di problemi tecnici accusati dalla vettura di Negrao-Lapierre-Vaxivière hanno costretto la vettura ad altrettante soste ai box.

A complicare le cose ci si è poi messo uno svarione di Vaxivière, andato “a muro” (o meglio: contro le gomme di protezione a bordo pista), domenica mattina, mentre era in fase di doppiaggio su una Porsche. È chiaro che, per Alpine, il quinto posto finale nella categoria Hypercar e la 23. piazza conclusiva hanno un sapore amaro. Per il 2024, si attende il debutto di una nuova “Hyper”.

24 Ore di Le Mans 2022: la Top Ten al traguardo

  1. Toyota GR010 Hybrid n. 8 (Sébastien Buemi-Brendon Hartley-Ryo Hirakawa), 24.02’07”996 in 380 giri;
  2. Toyota GR010-Hybrid n. 7 (Mike Conway-Kamui Kobayashi-Jose Maria Lopez) a 2’01”222;
  3. Glickenhaus 007 Lmh n. 709 (Ryan Briscoe-Richard Westbrook-Franck Mailleux) a 5 giri;
  4. Glickenhaus 007 Lmh n. 708 (Olivier Pla-Romain Dumas-Felipe Derani) a 10 giri;
  5. Jota Oreca 07-Gibson n. 38 (Gonzalez-Da Costa-Stevens) a 11 giri (vincitrice LMP2).
  6. Prema Orlen Oreca 07-Gibson n.9 (Kubica-Deletraz-Colombo) a 11 giri (2. LMP2);
  7. Jota Oreca 07-Gibson n. 28 (Rasmussen-Jones-Aberdein) a 12 giri (3. LMP2);
  8. TDS Racing x Vaillarte Oreca 07-Gibson n. 13 (Cimadono-Beche-van der Helm) a 12 giri (4. LMP2);
  9. Team Penske Oreca 07-Gibson n. 5 (Cameron-Collard-Nasr) a 12 giri (5. LMP2);
  10. United Autosports Oreca 07-Gibson n. 23 (Lynn-Jarvis-Pierson) a 12 giri (6. LMP2).

Le Mans 2022, LMP2: Jota si impone

È stata Jota (Oreca 07-Gibson n. 38) affidata a Gonzales, Da Costa e Stevens a recitare la parte della prim’attrice nella categoria cadetta alla 24 Ore di Le Mans 2022. In seconda posizione ha terminato la italiana Prema-Orlen (con la Oreca 07-Gibson n. 9 portata in gara dal maiuscolo Robert Kubica insieme a Louis Deletraz e al “nostro” Lorenzo Colombo), il cui debutto a Le Mans è dunque da incorniciare. Terzo posto finale per l’altra Oreca-Jota (n. 28) con Rasmussen-Jones-Aberdein.

Le Mans 2022, LmGte Pro: Porsche davanti a Ferrari

Le Mans 2022 ha salutato un nuovo successo di Porsche in Classe LMGTE Pro: prima al traguardo nella categoria riservata alle GT derivate dalla serie è stata la Porsche 911 RSR-19 n. 91 del Team Mantley e affidata a Gianmaria Bruni-Richard Lietz-Frederic Makowiecki. Dietro la Porsche vincitrice, ecco – staccata di 45”123 – la Ferrari 488 Evo n. 51 del team AF Corse con Alessandro Pier Guidi, James Calado e Daniel Serra, rimasti al comando per alcuni giri dopo il doppio KO che ha messo fuori causa le due Chevrolet Corvette partite nelle prime due posizioni. Al terzo posto ha concluso la Ferrari n. 52 con Miguel Molina-Antonio Fuoco-Davide Rigon.

Le Mans 2022, Gte AM: bentornata Aston Martin

La Classe LmGte AM ha visto il ritorno alla vittoria di Aston Martin: nello specifico, la Vantage n. 33 di Ben Keating-Henrique Chaves-Marco Sørensen per i colori TF Sport, che hanno regolato la Porsche-WeatherTech Racing/Proton n. 79 di McNeil-Andlauer-Merrill. Terzo gradino del podio per un’altra Aston Martin: la n. 98 NorthWest AMR portata in gara da Dalla Lana-Thiim-Pittard. Nella Top Ten di classe figurano le tre Ferrari di AF Corse (n. 54 con Cassidy-Castellacci-Flohr, giunta sesta; n. 21 con Vilander-Mann-Urlich; n. 61 con Abril-Grunewald-Prette), la Ferrari n. 85 tutta in rosa fucsia del team femminile Iron Dames (Rahel Frey-Michelle Gatting-Sarah Bovy) e la Ferrari numero 55 Spirit of Race (con Perel-Griffin-Cameron).

WEC 2022: ora si va a Monza, con l’atteso debutto di Peugeot

Archiviata la 24 Ore di Le Mans, il Mondiale Endurance si appresta a sbarcare all’Autodromo di Monza, con la 6 Ore in programma sabato 9 e domenica 10 luglio. Nel “Tempio della Velocità” (che compie cento anni) esordirà la attesissima Peugeot LMH 9X8. Due gli esemplari della nuova Hypercar i cui primi render vennero svelati proprio a Monza a fine settembre 2020: al volante della n. 93 ci saranno Paul Di Resta, Eric Vergne e Mikkel Jensen. La n. 94 sarà condivisa da Gustavo Menezes, Loïc Duval e James Rossiter (quest’ultimo di freschissima nomina al volante ufficiale della nuova 9X8).

24 Ore di Le Mans 2022: immagini di gara

Seguici anche sui canali social

Annunci Usato

  • audi-a6-avant-45-2-0-tfsi-s-tronic
    38.990 €
    AUDI A6 Avant 45 2.0 TFSI S tronic
    Elettrica/Benzina
    53.000 km
    07/2019
  • jeep-renegade-1-0-t3-limited-gancio-traino
    19.500 €
    JEEP Renegade 1.0 T3 Limited + gancio traino
    GPL
    89.500 km
    05/2019
  • bmw-318-d-touring-business-advantage-aut-navi
    20.890 €
    BMW 318 d Touring Business Advantage aut. * NAVI *
    Diesel
    107.800 km
    11/2018
  • land-rover-discovery-sport-2-0-td4-150-cv-auto-business-ed-premium-se
    29.900 €
    LAND ROVER Discovery Sport 2.0 TD4 150 CV Auto Business Ed. Premium SE
    Diesel
    108.703 km
    07/2019
  • toyota-corolla-1-4-d-4d-m-mt-5p-automatica-2
    5.497 €
    TOYOTA Corolla 1.4 D-4D M-MT 5P AUTOMATICA
    Diesel
    125.000 km
    03/2006
  • toyota-rav-4-rav4-2-2-d-4d-136-cv-uniproprietario-2
    5.497 €
    TOYOTA RAV 4 RAV4 2.2 D-4D 136 CV UNIPROPRIETARIO
    Diesel
    159.800 km
    04/2006
  • toyota-corolla-1-4-d-4d-m-mt-5p-automatica
    5.497 €
    TOYOTA Corolla 1.4 D-4D M-MT 5P AUTOMATICA
    Diesel
    125.000 km
    03/2006
  • fiat-tipo-1-6-mjt-ss-sw-lounge-5
    6.999 €
    FIAT Tipo 1.6 Mjt S&S SW Lounge
    Diesel
    245.000 km
    02/2018
  • volkswagen-polo-1-4-3-porte-comfortline-bifuel
    6.900 €
    VOLKSWAGEN Polo 1.4 3 porte Comfortline BiFuel
    Benzina/GPL
    145.000 km
    07/2010

Ti potrebbe interessare anche

page-background