Formula 1: un Hamilton da leggenda vince davanti a Perez e Vettel

Il campione del mondo rimane calmo, studia, e poi prende il largo, ma sul podio c’è spazio per Perez ed un redivivo Vettel, quarto Leclerc

Dopo le qualifiche di ieri, in cui la pioggia ha messo in difficoltà tutti i piloti facendo brillare il talento di Stroll e Verstappen e mettendo in luce un assetto da bagnato ben studiato per Racing Point e Red Bull, il gran premio di Turchia di Formula 1 parte nel segno dell’incertezza per via di un tracciato bagnato capace di rimescolare le carte in ogni momento.

Parte fortissimo Vettel, male Verstappen, Hamilton non prende rischi

Dopo lo spegnimento dei semafori si pianta Verstappen, le due Racing Point si mettono al comando, Vettel fa una partenza pazzesca e diventa quarto, mentre Ocon e Bottas si girano. Lungo di Hamilton e sia Vettel che Verstappen lo passano, così come Albon. Il campione del mondo pensa al mondiale ma la vera sorpresa è Vettel che ricorda il pilota capace di trionfare a Monza nel 2008 con la Toro Rosso. Intanto Stroll allunga e pensa già al colpaccio. Al terzo giro la lotta è tutta per la terza posizione ma è chiaro che nulla può essere dato per scontato in queste condizioni particolarmente difficili. La pista sembra asciugarsi leggermente giro dopo giro, ma i tempi non sono ancora così bassi da pensare ad un cambio gomme che giustifichi un passaggio dalle full wet alle intermedie. Comunque Leclerc ci prova e torna ai box per montare le intermedie, mentre Vettel si avvicina prepotentemente alle Racing Point tenendosi dietro Verstappen e inizia a carburare anche Hamilton. Leclerc dimostra che le intermedie vanno benissimo e quindi in molti iniziano a pensare che siano le mescole giuste per la situazione attuale della pista.

Tutti dentro a montare le intermedie e si rivede il duello Hamilton vs Vettel

Al giro numero 9 Vettel si prende un rischio e torna ai box per puntare alla vittoria o comunque ad un grande risultato, anche Raikkonen torna ai box, così come Hamilton, Leclerc ha fatto scuola e adesso Vettel potrebbe guadagnare molto dal suo esperimento. Torna ai box anche Stroll che è andato in difficoltà con le gomme da bagnato, mentre continuano a girare senza montare le intermedie sia Perez che Verstappen, rispettivamente, in prima e seconda posizione provvisoria. Con il bagnato non c’è l’obbligo di fermarsi e si va a sensazione ma il cronometro non mente. Tutti si fermano per mettere le intermedie e Verstappen supera Vettel ai box ma i primi sono tutti molto vicini. Finalmente si rivede un duello Hamilton vs Vettel e non si tratta di un tentativo di sorpasso per un doppiaggio.

Troppa foga agonistica per Verstappen che si gira per superare Perez

Al giro numero 13 si ferma Giovinazzi a bordo pista ed entra la virtual safety car per recuperare l’Alfa Romeo. Alla ripartenza Hamilton tenta di superare Vettel ma va lungo e viene beffato da Albon, mentre Verstappen è attaccato a Perez. Nel successivo dopo Albon supera Vettel e la Red Bull vola come dimostra Verstappen che succhia la scia di Perez. Siamo solo al 17esimo giro ma è già successo di tutto. Ma al giro 19 l’olandese ci prova in un punto impossibile, si gira, ed è costretto a tornare ai box vanificando quanto fatto fino a quel momento. Intanto continua il duello tra Vettel ed Hamilton, con Albon, terzo, il più veloce in pista.

Nessuno osa montare le slick e Vettel viaggia forte in queste condizioni

Al giro 25 Vettel è il più veloce tra i primi 5 e accorcia in maniera importante lo svantaggio dal leader provvisorio che risponde al nome di Lance Stroll. Si rinnova il duello tra Racing Point e Red Bull con Perez che si ritrova a fare i conti con Albon dopo essere sopravvissuto agli attacchi arrembanti di Verstappen. Al giro numero 30 è Albon che deve guardarsi dall’arrivo di Vettel e si può utilizzare il DRS, ma Vettel è tallonato da vicino da Hamilton. Nessuno osa l’azzardo della gomma da asciutto ma la pista continua ad asciugarsi e le intermedie dopo qualche giro iniziano ad andare in sofferenza.

Con Stroll ai box Hamilton supera Perez e diventa leader

Al giro 34 si ferma nuovamente Vettel e monta la gomma intermedia mentre in pista Albon si gira pur rimanendo in gara. Hamilton si avvicina alle Racing Point con Perez che è secondo a pochissima distanza da Stroll il quale viene richiamato ai box. Al giro 37 però è Hamilton che supera Perez e diventa leader con un sorpasso pulito arrivato dopo una gara guardinga. Il campione del mondo ha aspettato e adesso allunga con personalità, ma non c’è tempo per respirare perché è già duello per la sesta posizione tra Albon e Leclerc che arrivano veloci a riprendere Vettel che a sua volta è vicino a Stroll. Al giro 40 Vettel attacca Stroll, lo supera, il pilota della Racing Point lo ripassa ma poi viene superato sia da Vettel che da Leclerc, il quale a sua volta riesce a sopravanzare Vettel e diventa quarto. Intanto Stroll è in crisi e viene superato anche da Albon. Al giro 15 Leclerc supera Verstappen e diventa terzo con Vettel che è quarto non lontano da lui.

Vince Hamilton ed entra nella leggenda con 7 mondiali come Schumi

Siamo alle battute finali ed Hamilton ha le gomme finite ma sceglie di andare fino in fondo per conquistare il suo settimo mondiale da vincitore. Otto giri per riscrivere la storia e portare a casa una corsa interpretata alla grande. Davanti le posizioni sono cristallizzate con Perez ben saldo in seconda posizione, e Leclerc terzo con 5 secondi di vantaggio su Vettel. Ma nel giro finale Leclerc supera Perez poi commette un errore e viene sorpassato dal messicano e anche da Vettel. Quindi Hamilton agguanta Schumacher con 7 titoli mondiali e non poteva farlo in maniera migliore, mentre sul podio vanno Perez, secondo, e Vettel, che ha conquistato una grandissima terza piazza. Peccato per Leclerc, che ha provato il tutto per tutto per arrivare secondo ed è rimasto fuori dal podio: un po’ come è accaduto a Verstappen, ha pagato una voglia di vincere straripante, ma si rifarà con gli interessi in futuro.

I Video di Motori.it

Hankook Winter i*cept evo2 e Winter i*cept evo2 SUV

Altri contenuti