Extreme E: Hamilton avrà un proprio team off-road

Si chiamerà X44, ma nella serie il pilota inglese avrà un ruolo da ambasciatore per promuovere la sostenibilità ambientale.

Dopo la Formula E, ecco che un nuovo campionato dedicato a vetture elettriche si appresta ad entrare nel vivo. Si chiama Extreme E, ed è dedicato, come suggerisce il nome, alle auto in grado di viaggiare velocemente su terreni impervi: le off-road da competizione. Negli eventi che prenderanno il via il prossimo anno troviamo anche il team X44 di Lewis Hamilton, che riprende il numero utilizzato dal pilota inglese nella massima formula.

Un campionato che porta un messaggio di speranza

L’ambizione di questa serie, che si corre nei territori in cui sono evidenti le conseguenze del cambiamento climatico, o che possono essere danneggiati dalla situazione ambientale attuale, è quella di sensibilizzare le persone sull’argomento e il fatto che una persona come Hamilton, anche se non direttamente coinvolta nelle gare, possa metterci la faccia, è senza dubbio un aspetto molto positivo. “L’Extreme E mi ha attirato per la sua attenzione all’ambiente, ognuno di noi ha il potere di fare la differenza e significa così tanto per me, che posso usare il mio amore per le corse e il mio amore per il pianeta per avere un impatto positivo. Non solo visiteremo località che affrontano in prima linea la crisi climatica, ma lavoreremo a stretto contatto con queste e con i maggiori esperti del clima per lasciare qualcosa di positivo”. Ha dichiarato Lewis Hamilton.

Un ruolo diverso ma importante per Hamilton

Chiaramente, considerando i suoi impegni in Formula 1, Hamilton non potrà essere al volante della vettura della sua squadra, ma fornirà comunque tutto il suo apporto per incrementarne le performance. Comunque, avrà un ruolo da ambasciatore per la serie e, soprattutto, per migliorare la situazione climatica promuovendo dei comportamenti responsabili. D’altra parte, ormai è un personaggio a tutto tondo, sensibile anche alle tematiche che vanno oltre il mondo dello sport, e questo gli fa onore, perché essere sotto i riflettori può essere anche un modo per fare arrivare un messaggio importante a più gente possibile.

I Video di Motori.it

FISG sceglie Suzuki per la stagione 2020/2021

Altri contenuti