Fiat Panda 4×4 Pandina Jones: Garage Italia la rende elettrica e personalizzata

L’atelier milanese fondato da Lapo Elkann ha realizzato un altro dei cinque esemplari unici su base Panda 4×4 “vintage” aggiornati in chiave zero emission.

Dal progetto alla pratica: la “fucina di idee” che risponde al nome di Garage Italia, il laboratorio creativo fondato a Milano da Lapo Elkann e specializzato nell’esecuzione di programmi di personalizzazione in piccolissima serie così come “one-off”, svela in questi giorni la propria ultima creazione: una realizzazione che segue in linea retta l’annuncio dei mesi scorsi in cui il vulcanico fondatore dell’atelier anticipava lo sviluppo di una serie ultralimitata di Fiat Panda “old style” (quella, per intenderci, disegnata da Giorgetto Giugiaro, che debuttò al Salone di Ginevra 1980 – a marzo saranno quarant’anni giusti giusti – e, pressoché immutata, proseguì una leggendaria carriera produttiva fino al passaggio di testimone con l’erede, avvenuto nel 2003), con la particolarità dell’alimentazione “zero emission”. Una Fiat Panda “o meglio: “Pandino”, come gli appassionati identificano la storica “prima serie”, sebbene sotto le forme squadratissime ideate da Giugiaro di serie, in realtà, ve ne furono due) 100% elettrica che, di fatto, da un lato segue filologicamente la prima Panda Elettra – che, incidentalmente, esordì proprio trent’anni fa, nel 1990 – e, dall’altro, anticipa in parte, sebbene in maniera non ufficiale, un futuro sempre più eco friendly per Fca.

Cinque esemplari unici

L’ultimo esempio “by Garage Italia”  in ordine di tempo relativo all’upgrade estetico dello storico “Pandino” (ricordiamo, in precedenza, il restauro completo di una delle 11 Fiat Panda 4×4 che Gianni Agnelli utilizzava a St Moritz) si chiama “Pandina Jones”: una 4×4 vintage, che come le altre quattro unità del progetto Icon-e (“Panderis”, sviluppata in partnership con Vitale Barberis Canonico; “Pandoro” creata insieme alla disegnatrice di moda Marta Ferri; “Pand’Art” che vede la collaborazione di Arthur Kar de L’Art de l’Automobile; e “00Panda”, cioè una versione “ad uso e consumo” di un agente segreto) è stata donata a Garage Italia e porta in dote un modulo powertrain 100% elettrico ed atout di stile personalissimi. Anzi: unici, e ciascuno dei quali in possesso di un’allure che “fa storia a se”.

Ecco il “capitolato” degli interventi

È il caso di Pandina Jones: il nome stesso scelto da Garage Italia, ed ispirato al celebre archeologo impersonato da Harrison Ford nei film diretti da Steven Spielberg, evoca avventura a palate. Il tutto, condito con una ampia dose di personalizzazione e – cosa che rende oltremodo piacevole l’appeal del “vecchio” Pandino 4×4 – il ricorso a tessuti e materiali pregiati, nonché ad alcuni accessori vintage apprezzabilissimi dal connoisseur di cultura automobilistica. Ne sono un esempio i fendinebbia Carello a vetro giallo, che sembrano tornati dagli anni 70 con tanta voglia di mettersi nuovamente in funzione, ed il portapacchi sul tetto con ruota di scorta supplementare in bella evidenza. Accessori che ben si abbinano alle griglie di protezione dei fari anteriori. La verniciatura esterna “ovviamente” personalizzata prelude ad un layout abitacolo che, come da “tradizione” Garage Italia, ha ricevuto la giusta dose di attenzioni dagli artigiani dell’atelier milanese: nella fattispecie, un rivestimento in Alcantara che, in finitura arancio, ricopre tanto i sedili quanto i pannelli porta e il vano portaoggetti “a tutta larghezza”. L’impianto audio porta la firma di JBL, e sul pannello strumentazione campeggia un inclinometro (accessorio che, peraltro, era montato di serie a bordo di Fiat Panda 4×4 “first generation”).

Offroad silenzioso e 100 km di autonomia

Gli amanti della natura avranno di che ritenersi soddisfatti: sotto il cofano di “Pandina Jones”, al posto dell’unità motrice 965, 999 cc o 1.108 cc (ovvero i tre motori che, nel tempo, equipaggiarono la storica 4×4) c’è un modulo powertrain 100% elettrico fornito da Newtron Italia, azienda siciliana specializzata nello sviluppo di kit di elettrificazione per autovetture, veicoli commerciali e industriali ed imbarcazioni. Così equipaggiata, “Pandina Jones” viene dichiarata per una percorrenza di un centinaio di km (valore determinato secondo il ciclo WLTP), con una velocità massima di 115 km/h ed un tempo di ricarica completa che, attraverso una “presa” di Tipo 2, oscilla fra tre ed otto ore in funzione della potenza della rete alla quale ci si allaccia.

Fiat Panda 4×4 Icon-e by Garage Italia: foto ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Fiat: Olivier François presenta la nuova 500

Altri contenuti