Autostrade, stop ad aumenti dei pedaggi su quasi tutta la rete

Il Ministero dei Trasporti conferma il blocco delle tariffe sul 95% della rete autostradale italiana.

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha ufficialmente comunicato che il decreto milleproroghe ha rinviato gli aumenti tariffari per il 95% della rete autostradale italiana, previsti a partire dal 1° gennaio 2020. Le eccezioni risultano poche e tra queste segnaliamo la Pedemontana e la Brebemi entrambe in Lombardia.

Aumenti bloccati

Il periodo regolatorio per le concessionarie risulta giunto a scadenza, come sottolinea la nota ufficiale diffusa dal ministero dei Trasporti:”Il termine per l’adeguamento delle tariffe autostradali relative all’anno 2020 è differito sino alla definizione del procedimento di aggiornamento dei piani economici finanziari predisposti in conformità alle delibere adottate dall’Autorità di regolazione dei trasporti.”

Le società autostradali interessate sono: Rav, Sat, Strada dei Parchi, Satap (A4), Milano Serravalle, Brescia Padova, Autostrade per l’Italia, Asti-Cuneo, Salt (Autocamionale della Cisa), Autostrada dei fiori (tronco A10), Autostrada dei Fiori (tronco A6), Salt (tronco ligure toscano), Sav, Sitaf, Tangenziale di Napoli e Cas.

Anche le società che vantano un contratto di concessione scaduto non hanno visto aumentare i prezzi dei pedaggi e tra queste ultime troviamo:” Ativa, Autostrada del Brennero, Autostrade meridionali, Autovie venete e Satap (A21)”.

Bloccati gli aumenti relativi agli scorsi anni per: “Autostrade per l’Italia, Milano Serravalle e Autostrade dei Parchi”. Per quest’ultima inoltre la decisione è stata estesa fino al 31 ottobre 2021 “in virtù delle disposizioni urgenti per l’accelerazione e il completamento delle ricostruzioni in corso nei territori colpiti da eventi sismici”. I tratti autostradali della A24 e della A25 continueranno quindi ad applicare per altri 10 mesi le tariffe che risultano inalterate dal 31 dicembre 2017 a causa dei terremoti che più di tre anni fa hanno letteralmente devastato il centro Italia.

Quando scattano gli aumenti e per chi

A questo punto le autostrade italiane che hanno avuto il via libera dal Ministero per l’aumento dei pedaggi risultano decisamente pochi e tra queste segnaliamo: “la Cav (aumento pari all’1,20%) che si occupa di gestire il Passante e la Tangenziale di Mestre, l’Autovia Padana (+4,88%), che gestisce l’A21 nel tratto tra Brescia e Piacenza e le già citate Bre.Be.Mi. (+3,79%) e Pedemontana Lombarda (+0,80%).

I Video di Motori.it

Bridgestone e Microsoft insieme per la sicurezza

Altri contenuti

Il primo weekend di luglio ci ha fatto entrare nel pieno dell’estate, periodo in cui si verificano i classici “esodi” per raggiungere le proprie mete vacanziere. Quest’anno però è senza dubbio particolare, perché l’emergenza sanitaria provocata dal Coronavirus ha decisamente cambiato le carte in tavola, stravolgendo le nostre abitudini. Un anno particolare Solitamente in questo … Continued