Wrapping auto: pellicole, fai da te e prezzi

Scopriamo punti di forza e difetti del car wrapping utilizzato per personalizzare il proprio veicolo in modo semplice ed efficace o per proteggere la carrozzeria.

Negli ultimi anni la pratica di personalizzare esteticamente un veicolo è cresciuta molto, ma essendo un tipo di operazione molto delicata risulta necessario prestare molta attenzione alla qualità dei materiali utilizzati e ai relativi costi. Una soluzione di grande effetto scenico, che vanta costi ragionevoli rispetto al risultato ottenuto, è certamente il car wrapping, capace di regalare una nuova e più originale personalità alla propria auto.

Car wrapping, per auto con una nuova carrozzeria

Il car wrapping, che può essere utilizzato anche in altri settori oltre quello dell’automotive e permette di “trasformare” l’aspetto del proprio veicolo secondo i gusti e le esigenze del suo proprietario, personalizzando la carrozzeria con le più svariate colorazioni, magari abbinate a scritte o disegni di vario genere che hanno come limite soltanto la nostra fantasia. Entrando nello specifico, il car wrapping di tipo “tradizionale” si basa sull’applicazione sulla carrozzeria di un veicolo di speciali pellicole che aderiscono perfettamente alle varie superfici corpo vettura, regalando alla vista d’insieme un aspetto completamente inedito.

Quanto costa il wrapping auto?

Queste speciali pellicole permettono quindi di trasformare l’estetica di una vettura tramite la scelta di una serie di colorazioni praticamente infinite abbinabili ad effetti visivi di vario genere, il tutto a costi decisamente inferiori rispetto alle vernici per auto. I prezzi per effettuare questo tipo di operazione variano di molto a seconda delle dimensioni della vettura e del tipo di effetto che si vuole ottenere. Di solito, i costi sono legati al lignaggio del veicolo, alla qualità della pellicola scelta e ovviamente alla manodopera e alla durata del lavoro svolto dagli specialisti del settore.

Come anticipato in precedenza, il range dei prezzi è veramente ampio e può partire in genere da una cifra di circa 350 euro per chi desidera personalizzare il tetto di una citycar e può superare i 2.000- 3.000 euro per personalizzare completamente una vettura di medie dimensioni, magari utilizzando colori speciali, magari dotate di effetto “brillante o cangiante a secondo della luce.

 Tipi di car wrapping

Grazie alla realizzazione digitale delle pellicole è possibile riprodurre una quasi infinita serie di motivi e toni di colore, sia in versione opaca che lucida, soddisfacendo in questo modo ogni desiderio della clientela. Rispetto alle vernici tradizionali, il wrapping permette di ottenere risultati estetici molto più ampi, come gli effetti in metallo spazzolato o in fibra di carbonio, solo per fare alcuni esempi.

Pro, contro e manutenzione del car wrapping

I vantaggi del car wrapping non sono solo estetici, ma anche pratici, infatti questo tipo di pellicole risultano molto resistenti e permettono di proteggere il corpo vettura da graffi e piccoli urti. Il materiale che caratterizza queste pellicole è inoltre resistente anche ai lavaggi effettuati ad alte temperature, anche se per una perfetta manutenzione e pulizia gli esperti consigliano l’uso di saponi non molto abrasivi e il lavaggio con un getto d’acqua non troppo ravvicinato. Le pellicole lucide possono essere trattate con la cera per esaltare la brillantezza dei colori, mentre se si preferisce utilizzare i rulli si consiglia di aspettare un po’ di tempo tra un lavaggio e l’altro.

L’applicazione delle suddette pellicole deve essere effettuata dopo un attento controllo della carrozzeria, infatti la superficie della vettura non deve avere danni o ammaccature per fa sì che l’applicazione venga realizzata senza sbavature. Se invece la vettura è stata riverniciata di recente è consigliabile attendere un periodo di almeno sei mesi prima di passare al car wrapping onde evitare una possibile rimozione difficoltosa. Infatti, un altro vantaggio di questo tipo di pellicole è quello di poter cambiare colore e aspetto alla propria vettura in modo semplice e veloce, mentre se si desidera tornare alla vernice originale sarà possibile rimuovere la pellicola in maniera altrettanto semplice. Un’altra buona notizia è che a partire dal 2005 è scomparso l’obbligo di modificare il codice colore dell’auto sul libretto quando si realizza un’operazione di car wrapping.

Rimozione ed eventuale ripristino

Come accennato in precedenza, qualsiasi tipo di pellicola utilizzata può essere rimossa sia perché questioni di gusto che per eventuali danni subiti. In questo ultimo caso si consiglia la rimozione completa e l’eventuale sostituzione con una ex novo. Se invece il danno viene riportato su un punto non troppo visibile si può ricorrere ad una riparazione mirata, affrontando in questo modo un costo molto minore rispetto ad un ripristino completo. Ricordiamo che se si utilizza una qualità elevata della pellicola la carrozzeria non avrà residui dopo la rimozione.

Infine, il car wrapping può essere utilizzato anche solo per proteggere la carrozzeria e non come soluzione estetica. Sul mercato esistono infatti pellicole in grado di proteggere la carrozzeria da schegge, graffi e danni alla vernice: questo tipo di wrapping sfrutta pellicole di uretano estremamente resistenti e completamente trasparenti: la sagoma viene progettata al computer utilizzando un apposito software per ottenere un lavoro su misura in base al modello del veicolo.

I Video di Motori.it

Renault Clio Cup: gara sul bagnato per Motori.it

Altri contenuti