Nuovi incentivi auto 2023: quando partono e cosa prevedono?

junio_gulinelli
06 Dicembre 2022
Volkswagen-ID.4_GTX-2022-1600-31

Tutte le informazioni sui nuovi incentivi auto 2023: i fondi stanziati, le categorie di auto coinvolte e come ottenerli.

Gli incentivi auto 2022 rimarranno disponibili fino al 31 dicembre ma dal 2023 riapriranno le prenotazioni per tutte le categorie di vetture, incluse quelle ad alimentazione benzina e diesel. Gli attuali contributi hanno infatti durata triennale, dal 2022 al 2024, nell’ambito del più ampio programma a supporto della riconversione ecologica dell’industria automobilistica predisposto fino al 2030. Ricordiamo pertanto i nuovi incentivi auto 2023: quando partono e cosa prevedono?

Incentivi Auto 2023-2024: i fondi stanziati dal governo

La misura, proposta dal ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, stanzia 650 milioni l’anno per il 2022, il 2023 e il 2024. In tutto si tratta di quasi 2 miliardi di euro di aiuti spalmati in tre anni. Le risorse messe a disposizione provengono dal Fondo Automotive, che a sua volta ha una dotazione finanziaria complessiva di 8,7 miliardi fino al 2030.

Cosa si potrà acquistare con il bonus

I fondi sono suddivisi in:

  • 250 milioni per le auto elettriche.
  • 220 milioni per le ibride plug-in.
  • 170 milioni per le auto termiche a basse emissioni.
  • 10 milioni per motocicli e ciclomotori non elettrici.
  • 15 milioni per veicoli totalmente elettrici della categoria L1e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e.

Come funzioneranno i nuovi incentivi auto 2023-2024?

Incentivi per le auto

Per quanto riguarda le auto i privati avranno a disposizione incentivi che andranno dai 2.000 ai 7.500 euro a seconda della tipologia di auto.

  • Auto elettriche (fino a 35.000 euro): 4.500 euro senza rottamazione, 7.500 con rottamazione.
  • Auto Plug-in ( Fino a 45mila euro e 21-60 g/km di CO2): 3.000 euro senza rottamazione, 6.000 euro con rottamazione.
  • Auto ibride, benzina e mild hybrid (61-135 g/km di CO2): bonus di 2.000 euro disponibile solo con rottamazione di auto Euro 5.

Incentivi per furgoni e veicoli commerciali elettrici

Gli incentivi per i veicoli commerciali 2022 si dividono in contributi per categoria N1 e N2. Il totale dei fondi stanziati ammonta a 10 milioni nel 2022, 15 milioni nel 2023 e 20 milioni nel 2024. Per i  veicoli commerciali leggeri (categoria N1) è previsto un contributo di € 4.000 per i mezzi fino a 1,5 tonnellate, e di € 6.000 per quelli fino a 3,5 tonnellate con la contestuale rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 4. Per i veicoli commerciali più pesanti (categoria N2) i contributi sono pari a € 12.000 per i mezzi fino a 7 tonnellate e a € 14.000 per mezzi superiori a 7 tonnellate e fino a 14 tonnellate con la contestuale rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 4.

Incentivi per ciclomotori e motocicli

I nuovi incentivi riguardano i ciclomotori e i motocicli elettrici.

  • Senza rottamazione del vecchio scooter, il bonus prevede uno sconto del 30% sul prezzo di acquisto fino a un massimo di 3.000 €.
  • Con la rottamazione del vecchio scooter il bonus è pari al 40% sul prezzo di acquisto fino a un massimo di 4.000 euro. 

Incentivi per società di car sharing e autonoleggio

Gli incentivi statali sono indirizzati anche alle persone giuridiche che svolgono attività di noleggio e alle Piccole e Medie Imprese (PMI) che svolgono attività di trasporto in proprio o in conto terzi. In questi casi i bonus riguardano l’acquisto di auto a ridotto impatto ecologico con sconti che partono da 1000 euro e possono arrivare fino ad un massimo di 2500 euro

Quando partono gli incentivi auto 2023-2024 e quanto dureranno

A partire dal 25 maggio, saranno disponibili i nuovi incentivi auto. Per ora i fondi stanziati sono previsti fino al 2024 e fino ad esaurimento delle risorse. 

Come richiedere gli incentivi e i documenti necessari

Ad ottenere gli incentivi direttamente sono i rivenditori. Questi li corrispondono ai clienti sotto forma di uno sconto. Saranno poi le imprese costruttrici o importatrici del veicolo venduto a rimborsare al concessionario rivenditore l’importo del contributo. Il concessionario, dunque, si deve registrare alla piattaforma dedicata realizzata dal Governo e richiederlo per conto dei suoi clienti che vogliono acquistare una nuova auto. Le imprese costruttrici o importatrici, a loro volta, recuperano il contributo sotto forma di credito d’imposta utilizzabile in compensazione nel momento del pagamento delle tasse presentando l’F24 all’Agenzia delle Entrate.

Seguici anche sui canali social

img_pixel strip_agos

Annunci Usato

  • nissan-juke-1-5-dci-startstop-tekna-8
    12.500 €
    NISSAN Juke 1.5 dCi Start&Stop Tekna
    Diesel
    62.500 km
    05/2016
  • subaru-impreza-2-5-wrx-sti-rd-3
    26.000 €
    SUBARU Impreza 2.5 WRX STi RD
    Benzina
    86.515 km
    06/2009
  • nissan-qashqai-1-6-dci-4wd-black-edition
    18.800 €
    NISSAN Qashqai 1.6 dCi 4WD Black Edition
    Diesel
    38.000 km
    06/2017
  • renault-trafic-t29-1-6-dci-3posti-furgone
    9.900 €
    RENAULT Trafic T29 1.6 dCi 3posti Furgone
    Diesel
    300.000 km
    09/2016
  • volvo-780-2-8i-v6-automatica
    14.500 €
    VOLVO 780 2.8i V6 automatica
    Benzina
    152.000 km
    06/1989
  • renault-kangoo-1-5-dci-90cv
    5.700 €
    RENAULT Kangoo 1.5 dCi 90CV
    Diesel
    178.000 km
    12/2012
  • peugeot-208-1-2-vti-82-cv-gpl
    5.450 €
    PEUGEOT 208 1.2 VTi 82 CV GPL
    Benzina/GPL
    300.000 km
    10/2012
  • lancia-ypsilon-1-2-69-cv-5-porte-gpl-ecochic-silver-6
    11.650 €
    LANCIA Ypsilon 1.2 69 CV 5 porte GPL Ecochic SILVER
    Benzina/GPL
    30.000 km
    02/2019
  • ford-c-max-1-6-tdci-115cv-titanium
    7.690 €
    FORD C-Max 1.6 TDCi 115CV Titanium
    Diesel
    171.000 km
    11/2010

Ti potrebbe interessare anche

page-background