Auto ibride: differenze tra full hybrid, mild hybrid e plug-in hybrid

Francesco Donnici
21 Settembre 2022
toyota-c-hr-my2020

In questa guida mettiamo in chiaro le differenze tra i vari tipi di auto analizzandone pregi e caratteristiche.

Le automobili ibride stanno pian piano conquistando il settore automotive, ma quando si parla di hybrid si intende un settore piuttosto variegato che ben si differenzia dalle auto 100% elettriche e si divide in tre grandi categorie. Le auto con powertrain ibrido si dividono infatti in: Full hybrid, Mild hybrid e Plug-in hybrid. In questa guida cercheremo di spiegare le differenze tra motori ibridi e le caratteristiche di questo tipo di modelli elettrificati che puntano su tecnologia ed efficienza.

Full Hybrid, Mild Hybrid e Plug In Hybrid: differenze (con Pro e Contro)

Le tipologie di motore ibrido si suddividono in tre categorie differenti, ognuna delle quali ha un funzionamento diverso e caratteristiche ben precise. Stiamo parlando infatti di mild hybrid, full hybrid e plug in hybrid, ognuna delle quali si distingue per una tecnologia e un funzionamento differente. Di seguito andremo ad analizzare pro e contro di ogni tipo di sistema ibrido, in modo da facilitare la scelta tra queste tre opzioni.

Full Hybrid

Le auto Full-Hybrid possono contare su un motore elettrico e su una batteria più potenti rispetto ai Mild Hybrid e permettono di viaggiare per qualche chilometro in modalità 100% elettrica. Questo avviene a basse velocità o nelle fasi di partenza. Il motore elettrico è alimentato da un pacco batterie (solitamente di capacità compresa tra 1 e 2 kWh). L’accumulatore si ricarica in maniera automatica durante le fasi di decellerazione e frenata grazie ad un sistema intelligente di rigenerazione. Le Full-Hybrid permettono di ottenere consumi irrisori ed emissioni molto basse in città e a basse velocità, inoltre non necessitano di ricariche elettriche manuali.

Mild Hybrid

La tecnologia Mild Hybird o ibrido leggero, equipaggia alcuni tipi di auto ibride che sfruttano motori termici benzina o diesel abbinati ad un piccolo motore elettrico che a sua volta viene alimentato da una batteria altrettanta compatta. A differenza delle Full- Hybrid e delle Plug-in, il motore delle Mild-Hybrid non è in grado di provvedere a spingere da solo il veicolo.

Questo sistema viene ricaricato dall’energia recuperata in decelerazione e frenata e l’unità elettrica permette esclusivamente di ottimizzare consumi ed emissioni inquinanti. La maggior parte delle Mild Hybrid utilizzano un impianto a 12 volt, ma esistono anche quelli abbinati ad motori di auto di grandi dimensioni che utilizzano un impianto a 48 Volt. In questo caso, grazie alla maggiore potenza a disposizione offrono anche la funzione di veleggiamento.

Plug-in Hybrid

Le auto ibride plug-in sono una via di mezzo tra le vetture ibride non ricaricabili (Full Hybrid) e le auto 100% elettriche. Le plug-in sfruttano un powertrain composto dalla presenza di un motore termico tradizionale con uno o più motori elettrici. L’unità elettrica risulta alimentata da batterie agli ioni di litio alimentata da un sistema di rigenerazione. Quest’ultimo è in grado di recuperare il calore generato dalle decelerazioni e dalle frenate e successivamente capace di sfruttarlo per ricaricare gli accumulatori.

La batteria può essere ricaricata anche collegando un cavo ad una colonnina di ricarica pubblica, ad una Wall box o ad una rete domestica elettrica. Quando viene richiesta la massima potenza, le ibride plug-in possono sfruttare contemporaneamente la forza del motore elettrico e di quello termico. Durante le partenze o a bassa velocità, la vettura viene spinta solo dal motore elettrico. Tramite un comando specifico si può attivare manualmente la modalità 100% elettrica. A seconda della capacità della batteria, una plug-in con il 100% di batteria può percorrere in media dai 50 agli 80 km.

Quale auto ibrida scegliere?

Per capire quale auto ibrida scegliere e quali sono le auto ibride convenienti è necessario analizzare le proprie abitudini ed esigenze di guida quotidiane. Se si percorrono in media sui 40 km al giorno, in particolare in città o nei centri storici, consigliamo una plug-in perché in grado di viaggiare in modalità 100% elettrica, a patto di poter ricaricare comodamente a casa.

Nel caso non è possibile utilizzare un accesso diretto (a casa o a lavoro) ad un punto di ricarica e la maggior parte della guida si effettua in città, consigliamo una vettura Full Hybrid. Se invece i nostri percorsi sono misti e comprendono spesso anche strade extra urbane e autostrade, allora di dovrebbe prendere in considerazione l’auto Mild Hybrid.

Seguici anche sui canali social

img_pixel strip_agos

Annunci Usato

Ti potrebbe interessare anche

page-background