Come camperizzare un furgone e quanto costa

junio_gulinelli
15 Luglio 2022
van camperizzato

La guida completa alla conversione di un furgone in un camper. Dalla progettazione all’omologazione. Quali materiali scegliere e come montarli.

La camperizzazione di un furgone a partire da 0 è una vera avventura entusiasmante ma piena di incognite. All’inizio sembra una missione impossibile, ma passo dopo passo e con molta pazienza può diventare uno dei progetti più soddisfacenti della nostra vita. Con l’obiettivo di chiarire dubbi e renderlo un po’ più semplice, scopriremo nel dettaglio l’intero processo di camperizzazione. Una guida pratica per sapere passo dopo passo come camperizzare un furgone e quanto costa, grosso modo. 

Perché camperizzare un furgone?

Iniziamo dalle basi. La camperizzazione di un furgone è il processo grazie al quale un furgone diventa legalmente uno spazio abitativo. In altre parole non si tratta più di un semplice mezzo di trasporto, diventa un camper con servizi minimi per svolgere attività quotidiane come dormire, cucinare e riporre bagagli, oggetti e utensili. Qualsiasi modifica che apportiamo al veicolo deve essere conforme alla legislazione vigente del paese in cui è immatricolato, in modo che sia omologato e possa circolare normalmente. 

Come camperizzare un furgone: scegliere il furgone da camperizzare

La prima decisione da prendere è scegliere tra le tante aziende che offrono servizi di camperizzazione professionale o intraprendere la grande avventura di camperizzare il furgone da soli. Quest’ultima opzione ci permette di dare un tocco personale e artigianale al nostro camper e, soprattutto, di controllare meglio il budget di ogni fase del processo. Ovviamente, il risparmio economico che comporta l’allestimento di un camper con mezzi propri è molto grande e, senza dubbio, uno dei motivi convincenti per scegliere questa opzione. I veicoli camper possono essere classificati in base a molti fattori, ma per renderlo più facile da capire, lo faremo in base alle dimensioni.

La dimensione del furgone è direttamente correlata all’uso che ne verrà dato. Nel momentodella scelta anche il budget disponibile sarà fondamentale per determinare il modello finale da acquistare. Dobbiamo tenere conto non solo del prezzo del veicolo, ma anche del prezzo che comporterà la camperizzazione dei nostri sogni. Pertanto, è molto importante che venga eseguita una buona pianificazione prima di iniziare il processo. Migliore sarà il risultato e migliori saranno le vacanze con il camper.

Mini Camper o furgoni piccoli

Sono i veicoli più piccoli, richiedono meno investimenti e vengono utilizzati per viaggi brevi. Tra questi possiamo citare furgoni di tipo combi molto piccoli come Citröen Berlingo, Renault Kangoo, Volkswagen Caddy o Dacia Dokker. Si tratta di camperizzazioni di costruzione elementare e in gran parte fatte in casa, anche se esistono anche moduli speciali che si acquistano in negozi specializzati.

Camper di medie dimensioni

Questa dimensione include il noto Mercedes Marco Polo, il Volkswagen California e altri tipi di modelli comuni come il Renault Traffic, l’Opel Vivaro o il Mercedes Vito. Offrono più spazio e servizi, consentendo di viaggiare per periodi più lunghi e con maggiore comfort. Alcuni hanno il tetto rialzato e più spazi notturni, e le loro dimensioni consentono comunque di girare per la città ed entrare nei parcheggi sotterranei.

Furgoni di grande volume

Sono i più grandi sul mercato. Il comfort interno prevale sull’economia e offrono più spazio e indipendenza rispetto ai modelli più piccoli. Oltre a un letto, una cucina, un soggiorno e più spazio di immagazzinamento, di solito hanno anche un bagno e una doccia e sono abbastanza alti da stare in piedi all’interno del furgone, uno dei fattori chiave nella scelta. I modelli più comuni sono Mercedes Sprinter, Citroën Jumper o Fiat Ducato.

Come camperizzare un furgone: di cosa ho bisogno?

Deve chiaro fin dall’inizio: costruire un camper non è un processo facile o veloce. È come affrontare la costruzione di una casa in piccolo ma, in fondo, con gli stessi servizi: idraulico, riscaldamento, elettricità e una lunga lista di eccetera. Per questo motivo vanno valutate molte variabili prima di intraprendere un grande viaggio che può mettere fine alla nostra pazienza e alle nostre illusioni. Sono tre i fattori determinanti per il successo della camperizzazione di un furgone: tempo, conoscenza e spazio di lavoro.

Il tempo a disposizione è fondamentale per un processo così speciale come la costruzione di una casa su quattro ruote. Più tempo viene investito nella progettazione e nella ricerca dei materiali, più fluido sarà l’intero processo di realizzazione dei camper in proprio.

Oggi sono tanti gli esempi sui social network e su internet di persone che riescono a riconvertire il proprio furgone da zero in meno di un mese o due settimane. Tieni presente che, nella maggior parte di questi casi, c’è molto lavoro dietro che non viene mostrato. Se qualcosa aiuterà nel successo finale, è la pazienza e la continuità durante tutto il processo.

Quasi sicuramente, ci saranno eventi imprevisti, problemi inaspettati che richiederanno non solo tempo e dedizione, ma anche imparare e acquisire nuove conoscenze man mano che procedi. Dall’imbattersi in lamiere arrugginite che non erano visibili, al rendersi conto che il piano elettrico iniziale non è dei migliori, dover ripensare a come ottimizzare lo spazio disponibile e un elenco apparentemente infinito di problemi.

Infine, dobbiamo sottolineare una questione molto importante: è fondamentale disporre di uno spazio di lavoro adeguato. Avere il furgone parcheggiato in città o in uno spazio urbano renderà il processo praticamente impossibile. L’ideale in questi casi è avere un proprio posto per lavorare comodamente dentro e fuori il furgone, e con oggetti di grandi dimensioni come serbatoi d’acqua, batterie, pannelli solari e materiali da costruzione. Inoltre, questo spazio deve avere una buona luce e alcuni strumenti essenziali come trapano, seghetto alternativo, sega a disco, radiale e spazzole, tra gli altri.

Come camperizzare un furgone: la progettazione e l’allestimento interno

Non è sicuramente la parte più divertente, ma è estremamente importante dedicarle tutto il tempo necessario. Tutto ciò che faremo da questo momento in poi sarà basato su questa pianificazione iniziale. Più è stato fatto il lavoro sulla progettazione del veicolo camper, meglio risolveremo qualsiasi problema che potrebbe sorgere. A questo punto è il momento di contattare l’azienda o l’ingegnere tecnico con cui effettuare l’ultimo step di omologazione del camper. Attualmente, ci sono alcune aziende specializzate che offrono questi servizi di persona o online. La cosa più importante per evitare sorprese indesiderate al momento del superamento dell’omologazione del camper, è assicurarsi che ciò che vogliamo fare sia conforme alle normative vigenti ed è qui che entrano in gioco gli specialisti del settore.

Con il furgone in nostro possesso dobbiamo misurare l’interno della cabina per ottenere le dimensioni esatte su cui lavorare, decidere la distribuzione appropriata e pianificare il disegno su carta o su un disegno 3D.A questo scopo esistono programmi speciali come Vanspace 3D o SketchUp (entrambi per principianti senza conoscenze preliminari) o AutoCAD (per utenti avanzati). Durante il processo consigliamo di prendere ispirazione dai social network come Pinterest o Instagram, dove migliaia di proprietari di furgoni mostrano i loro camper. Scopriremo molti design e soluzioni per risparmiare spazio.

Pulizia, riparazione di ossidi e verniciatura

Se abbiamo acquistato un furgone di seconda mano, lo svuoteremo completamente, conservando solo ciò che possiamo riutilizzare, ed effettueremo una pulizia profonda dell’intero interno. In questo momento potrebbero sorgere alcuni inconvenienti. Uno dei problemi più comuni è trovare alcune aree di lamiera arrugginita. Se non sono pezzi importanti o molto profondi che richiedano l’intervento professionale in un’officina specializzata, non succede nulla.

Quello che dobbiamo fare è carteggiare e pulire l’intera superficie con alcool per applicare una o due mani di vernice antiruggine. Se il veicolo è nuovo, è buona norma pulire anche la lamiera del furgone con alcool prima di applicare la vernice antiruggine. Per questo avremo bisogno di: prodotti per la pulizia, alcool e un panno per l’impiallacciatura, vernice antiruggine. Una volta coibentato il furgone, l’interno della lamiera non sarà più accessibile, quindi l’applicazione di una vernice antiruggine garantisce una protezione duratura per la struttura del nostro camper. 

Vetri e lucernari

Il lavoro sulla lamiera è sempre la prima cosa, è la parte fondamentale del veicolo. Una volta che l’abbiamo completamente pulita e trattata, è il momento di realizzare i fori necessari per l’installazione di finestre e lucernari. Tieni presente che, in seguito, tutto verrà ricoperto con gli strati di isolamento e il materiale che utilizziamo per il tetto e le pareti. In definitiva si potrebbe fare una modifica successiva, ma sarà sempre meglio se facciamo tutto all’inizio.

Prima di tagliare la lamiera definiremo quante finestre o lucernari andremo ad installare, le dimensioni e la posizione all’interno del furgone. Ce ne sono per tutti i gusti e le esigenze: vicino alla cucina, vicino alla doccia, sopra il letto per vedere le stelle, a forma di oblò, pieghevole, scorrevole, ecc. Al di là del gusto e dell’estetica, dobbiamo verificare che la nostra scelta sia omologata per il nostro modello di furgone. È anche molto comodo installare un ventilatore/aspiratore sul tetto e il più vicino possibile alla cucina. Per fare ciò, prenderemo in considerazione l’uscita del gas del riscaldamento (nel caso in cui installiamo questo tipo di sistema per l’acqua calda), le griglie a pavimento per la bombola del gas o le uscite del lavabo e della doccia. Come elementi di base, avremo bisogno di: Seghetto alternativo con sega per metallo , metro e marcatore, Finestre, lucernari e griglie, silicone sigillante. 

Come camperizzare un furgone: L’isolamento e la coibentazione

 

Un camper deve essere ben isolato termicamente e acusticamente. È un passaggio che richiede tempo ma è uno dei più importanti. Inoltre, la temperatura interna del veicolo e la privacy in esso contenuta dipendono in larga misura dalla corretta esecuzione dei lavori di coibentazione. L’isolamento di un furgone comprende pavimento, pareti e tetto. Durante il processo di montaggio è necessario prestare particolare attenzione ai punti più critici del furgone, come finestrini e montanti e per evitare bolle tra la lamiera e il materiale isolante. A questo primo strato di isolamento va aggiunto un altro strato impermeabile superiore che funge da barriera al vapore. In questo modo evitiamo la formazione di condensa quando la differenza di temperatura tra l’esterno e l’interno del nostro furgone è elevata.

Esistono diversi materiali isolanti più o meno economici e facili da installare. Nelle zone piatte è possibile ricorrere a materiali rigidi come lastre di polistirene o sughero. Tuttavia i materiali flessibili sono i migliori per lavorare all’interno del furgone. Una delle opzioni migliori, anche se non la più economica, è quella di utilizzare gommapiuma sintetica spessa 20 mm (tipo Kaiflex), quindi aggiungere uno strato di “multistrato riflettente” (basterebbe uno spessore di 3 strati), un materiale Alluminio e pluriball completamente impermeabile.

La pannellatura del pavimento, delle pareti e del soffitto, oltre a fornire un ulteriore strato di isolamento nel nostro furgone, incorpora elementi che saranno alla base dell’estetica interna che vogliamo nel camper. Per le pareti, il tetto e le porte i migliori materiali da usare sono compensato, fregio in legno o pvc con spessori di 3 mm per il fondo dell’armadio e le pareti libere, minimo 5 mm per il resto delle zone. Per il suolo consigliamo invece offset finlandese, okume o pino. Per una maggiore resistenza è necessario uno spessore compreso tra 9 e 15 mm.

Costruire i mobili per il camper

Se la priorità è il minimo peso possibile e il minor costo, dimenticando l’estetica, i materiali da utilizzare saranno il compensato e i teli in PVC. Se invece l’estetica è importante, il compensato può essere utilizzato nelle strutture non visibili e diversi tipi di legno nelle zone a vista. Un buon materiale farà la differenza nell’estetica e nella qualità finale delle finiture.Quando si lavora con legno e compensato, il modo migliore per evitare pesi inutili nel furgone senza perdere stabilità è montare le strutture con listelli e aggiungere il tipo di legno desiderato a ogni parte del mobile. 

Come camperizzare un furgone: l’impianto idraulico

Continuiamo l’impianto idraulico. Per realizzarlo avremo bisogno di una serie di elementi di base che aumenteranno a seconda degli extra che prevediamo di installare. L’impianto idraulico non è un compito così complicato come può essere quello elettrico. Tuttavia va tenuto presente che l’acqua è un elemento in grado di penetrare in qualsiasi materiale. Dobbiamo farlo molto bene e cercare di usare buoni materiali.

Come elementi di base, avremo bisogno dei seguenti elementi. Un deposito di acque grigie e pulite. Il serbatoio delle acque grigie è solitamente posizionato all’esterno, sulla parte inferiore del veicolo e il serbatoio dell’acqua pulita all’interno. In caso contrario sarebbe influenzato dalle temperature esterne e potrebbe congelarsi; Una pompa d’acqua e un vaso di espansione; tubi flessibili, rubinetti, filettature, raccordi e raccordi spigot; un lavello; un piatto doccia e un sistema di acqua calda (riscaldatore sigillato).

Come camperizzare un furgone: l’impianto del gas

Per l’installazione del gas è importante tenere conto della normativa vigente in merito e non commettere errori che potrebbero portare a dover fare nuovi fori nel pavimento o cambiare i mobili. Indipendentemente dalle dimensioni della bombola, questa deve essere sempre collocata in un armadio completamente ermetico (utilizzo di silicone e gomma sulla porta) e avere una griglia di aerazione sul pianale del furgone per garantire l’uscita del gas all’esterno nella in caso di perdita. Detto foro deve avere dimensioni minime di 10×10 cm o 17,8 cm di diametro per le bombole grandi (senza limitazione di peso) e medie (da 7 kg a 16 kg), e di 2 cm di diametro per le bombole piccole (fino a 7 kg).

Se scegliamo di utilizzare bombole di grandi dimensioni, queste devono essere accessibili solo dall’esterno del veicolo e, in ogni caso, devono essere collocate in posizione verticale. Per installazioni fisse a gas è necessario utilizzare rame o acciaio e il diametro ideale è di 8 mm. Inoltre è necessario installare una valvola di intercettazione generale e un’altra per ogni dispositivo collegato (il riscaldatore sigillato, ad esempio). I tubi devono essere visibili all’ingegnere che supervisiona il progetto.

Come camperizzare un furgone: l’impianto elettrico

L’installazione elettrica, fatta eccezione per chi è esperto del settore o ha un aiuto specializzato, è uno dei punti più complicati, che può darci più grattacapi e con cui dobbiamo stare più attenti. Oltre all’installazione delle batterie ausiliarie saranno necessari cablaggi di diversi millimetri a seconda del tipo di corrente (12v, 220v, interruttori) ed elementi che varieranno per caratteristiche e potenza a seconda dell’installazione scelta (regolatore, inverter, alimentazione esterna presa, ecc.). È anche molto comune installare pannelli solari sul tetto del furgone, il che offre molta più indipendenza nel caso in cui l’avventura sia la nostra passione.

A seconda del tipo di corrente che verrà utilizzata, potrebbe essere necessario fare un bollettino elettrico a 220 v, questione che viene eseguita insieme al tecnico del progetto o recandosi in officina per verificare l’installazione. In una parte visibile dell’interno del furgone (per comodità) verranno installati i display che ci permetteranno di controllare il consumo delle batterie, la carica dei pannelli solari e accendere il riscaldamento. I pannelli digitali sono molto più precisi di quelli che ci informano semplicemente con una luce a LED, anche se per problemi come il livello dell’acqua, il LED è più che sufficiente.

Quanto costa camperizzare un furgone?

La risposta a questa domanda non è né unica né semplice. Il prezzo di una camperizzazione di un furgone può variare molto a seconda delle esigenze di ogni persona e anche del modello. Tuttavia, prima di iniziare un laborioso processo di camperizzazione, dobbiamo definire un budget e sapere quanto costa camperizzare un furgone adatto ai nostri gusti. Grosso modo, prendendo come riferimento un furgone medio, il costo della camperizzazione può variare tra i 2.000 per un lavoro basico, low cost, fino a circa 10.000 euro per una camperizzazione ben fatta, con accessori e materiali di qualità.

Seguici anche sui canali social

img_pixel strip_agos

Annunci Usato

  • volkswagen-caravelle-2-0-tdi-150cv-pc-trendline
    38.500 €
    VOLKSWAGEN Caravelle 2.0 TDI 150CV PC Trendline
    Diesel
    24.000 km
    01/2020
  • bmw-316-d-116cv-navi-tetto-led-euro6
    18.700 €
    BMW 316 d 116cv Navi Tetto LED EURO6
    Diesel
    120.755 km
    01/2018
  • alfa-romeo-stelvio-2-2td-210cv-at8-q4-navi-xeno-pelle-20
    36.200 €
    ALFA ROMEO Stelvio 2.2TD 210cv AT8 Q4 Navi Xeno Pelle 20
    Diesel
    43.339 km
    03/2018
  • porsche-911-911-porsche-2-7-targa-asi
    68.900 €
    PORSCHE 911 911 Porsche 2.7 Targa Asi
    Benzina
    80.000 km
    12/1973
  • volkswagen-golf-gti-performance-2-0-tsi-dsg-5p-bluemotion-technology
    26.500 €
    VOLKSWAGEN Golf GTI Performance 2.0 TSI DSG 5p. BlueMotion Technology
    Benzina
    25.000 km
    10/2017
  • bmw-320-xdrive-sport
    21.000 €
    BMW 320 xDrive Sport
    Diesel
    141.000 km
    04/2016
  • isuzu-d-max-2-5-td-cat-crew-cab-4wd-pick-up-ls-30q-traino
    18.000 €
    ISUZU D-Max 2.5 TD cat Crew Cab 4WD Pick-up Ls 30q traino
    Diesel
    240.000 km
    05/2009
  • gmc-syclone-certificata-asi
    30.000 €
    GMC Syclone CERTIFICATA ASI
    Benzina
    101.000 km
    04/1991
  • nissan-cabstar-motore-sost-frizione-e-cavi-cambio-nuovi-2
    7.000 €
    NISSAN Cabstar MOTORE SOST FRIZIONE E CAVI CAMBIO NUOVI
    Diesel
    498.000 km
    12/1999

Ti potrebbe interessare anche

page-background