Tour della Spagna in auto e in moto: cosa vedere e come arrivarci

junio_gulinelli
18 Luglio 2022
1653903322_229390_1653903553_noticia_normal_recorte1

Scopri le strade più belle attraverso la penisola iberica passando per alcune tra le più belle Comunità Autonome del paese.

La Spagna è un paese ricco di paesaggi, diversi tra loro e in alcuni casi unici al mondo. Vicino all’Italia e, per questo, a portata di mano. Ecco perché oggi vi proponiamo diversi percorsi con cui potete perdervi in macchina o in moto: i tour della Spagna in auto e in moto, cosa vedere e come arrivarci. Una meta (itinerante) ideale per le vacanze.

Abbiamo scelto percorsi lunghi per auto e moto, attraverso alcune tra le Comunità Autonome più belle della penisola e della durata, come minimo, di una giornata ognuno. Ma, volendo, si possono dedicare più giorni a ogni tappa per affrontare al meglio il lungo viaggio. Mettendoli insieme, nell’ordine che volete, potrebbe essere un tour ideale della penisola iberica.

Tour della Spagna in auto e in moto: Andalusia, Granda e Sierra Nevada

Dopo una obbligatoria visita a Granada e alla meravigliosa Alhambra, il nostro primo tour inizia a Guadix, uno dei più antichi insediamenti umani dell’intera penisola iberica, per andare alla ricerca dell’unica strada che attraversa l’imponente catena montuosa: quella che unisce La Calahorra, uscendo dalla A-92, con Laroles, sulla parete sud della Sierra Nevada. Visitando l’Alpujarra Granadina, possiamo fermarci nelle principali enclavi della parete meridionale della Sierra Nevada per contemplare il contrasto tra le alture della Sierra e gli splendidi paesaggi che ci portano verso la costa.

Attraversiamo Trevélez, Capileira e Lanjarón, senza dimenticare di fare una sosta in qualche locanda contemplando i dintorni di Bubión. Il bello, poi,  è che la Sierra Nevada è a pochi chilometri dal mare. Un bel bagno nel mare del parco naturale di Cabo de Gata è l’ideale dopo esser scesi dalle montagne. 

Asturie: alla riscoperta dei dinosauri

tour della Spagna in auto e in moto: asturie

Partiamo da Cabo Vidio verso il vicino Faro di Cudillero. L’altezza di 80 metri di questa scogliera ci posiziona molto vicino alla foce del Nalón. Attraversiamo Muros del Nalón, fiancheggiando il fiume sulla strada per Avilés, infine nel punto più settentrionale delle Asturie, Cabo de Peñas e il suo emblematico faro che ospita il Centro per lo studio dell’ambiente marino. Percorrendo la costa attraverso Candás ci lasciamo alle spalle Gijón, entrando nella A-8 per prendere l’autostrada a senso unico per la città.

Ci fermiamo all’Orto Botanico Atlantico e seguiamo verso Santa Marina, facendo un percorso ai margini delle tappe per riscoprire i depositi di impronte fossili degli antichi dinosauri delle Asturie. Scendendo la foce di Villaviciosa fino all’omonima città, ci dirigeremo verso la zona di Colunga, dove concluderemo il nostro viaggio contemplando la Costa dei Dinosauri. Volendo per riposarsi della guida, si possono trascorrere un paio di giorni nel parco nazionale di “Picos de Europa”. Una meraviglia. Ma è già la tappa successiva….

Tour della Spagna in auto e in moto: Cantabria: guidare tra le cime di Picos de Europa

tour della Spagna in auto e in moto: Picos d'Europa

La Cantabria è molto più delle coste di Santander, Santoña e Laredo. Per questo il nostro percorso parte da San Vicente de la Barquera per addentrarci nella parete orientale dei Picos de Europa, in un viaggio che ci porta prima alla Cueva El Soplao, per poi affrontare lo spettacolare Desfiladero de la Hermida attraverso una strada veramente emozionante.

Faremo una visita a Potes, dove potremo contemplare il paesaggio interessante sia dal punto di vista geografico che del patrimonio che è evidente in ogni angolo del suo centro storico. La prossima tappa sarà a Santo Toribio e il suo monastero, per finire a Fuente Dé, dove potremo prendere la funivia per i Picos de Europa e contemplare la ricchezza che offre la Cantabria dall’alto delle vette.

Castilla La Mancha: i mulini a vento di Don Chisciotte

Se Rocinante avesse dovuto trottare instancabilmente durante i 2.500 chilometri che compongono la Strada del Chisciotte, quel magro ronzino non sarebbe durato un solo giorno. Per questo anche noi ci concentreremo su un decimo di quella distanza, che riunisce gli elementi essenziali della regione de La Mancha. Partiamo da Toledo, la città delle tre culture, per andare a Mora e contemplare il Castello di Peñas Negras e l’Eremo di Nuestra Señora la Antigua.

Nelle vicinanze ci aspetta il Finisterre Reservoir, a Turleque; e poi le terre di Villacañas verso Campo de Criptana, con le lagune, le zone umide e il vento protagonisti di luoghi per sempre legati ai mulini. Dopo El Toboso, ma senza vedere Dulcinea, andiamo alle lagune di Manjavacas e proseguiamo per Belmonte, che ci permetterà di contemplare il suo grande castello. Metteremo fine a questo percorso a San Clemente, l’antico centro amministrativo di La Mancha a Cuenca, con il Castello di Santiago de la Torre e la Chiesa di Santiago Apóstol come principali attrazioni.

Tour della Spagna in auto e in moto: Barcellona  le spiagge della Costa Brava e i paesaggi onirici della Catalogna

tour della Spagna in auto e in moto: Barcellona e Costa Brava

Barcellona, la famosa Ciudad Condal, è il cuore della Catalogna. Splendida, divertente da vivere, tra storia e modernità, arte e cultura. Ci si può perdere, per questo il consiglio è dedicarle qualche giorno. Nelle vicinanze, un po’ più a Nord Est c’è Ripoll, punto di partenza del nostro tour. Il mito del Conte Arnau ci aspetta a Sant Joan de les Abadesses, un’enclave circondata da leggende medievali. Allontanandoci dal luogo, arriveremo presto nell’area vulcanica della Garrotxa, dove il vulcano Croscat ci ricorda che 11.500 anni fa fu l’ultimo a eruttare nella penisola iberica.

La nostra prossima tappa sarà al Lago Banyoles, una riserva naturale che risale al Quaternario ed è alimentata da falde acquifere sotterranee. Proseguendo nel nostro percorso troveremo l’onirismo di Dalí nel Teatro-Museo di Figueres e nella sua casa di Cadaqués, dopo una divertente strada tortuosa che ci lascerà in riva al mare. Pianteremo la bandiera a Cap de Creus, dove godremo di una vista spettacolare del punto più orientale della penisola iberica.

Valencia e la comunità Valenciana: i Castelli di Vinalopó

Il Percorso dei Castelli di Vinalopó ci porterà attraverso alcune delle fortezze più rappresentative della provincia di Alicante, la maggior parte nella Valle di Vinalopó. Sono di costruzione almohade (dal 1147 al 1269) e il nostro percorso ci permetterà di iniziare dal più grande di essi, il Castello di Atalaya (Villena, 11° o 12° secolo) per avanzare attraverso molte enclavi.

Avremo quindi le seguenti tappe: Castello di Bañeres (13° secolo), Castello di Biar (12° secolo), Castello di Elda (1172-1243), Castello di Petrer (12° secolo), Castello di La Mola, (Novelda, 12° secolo), Aspe Castello (XII secolo), Castello Castalla (XI secolo), Castello Sax (di origine iberica), Palazzo Altamira o Alcázar de la Señoría (Elche, XV secolo). Possiamo completare questo tour con un paio di fermate aggiuntive, corrispondenti a costruzioni successive: il palazzo-fortezza Marqués de Dos Aguas (Onil, XVI secolo, stile gotico-rinascimentale) e il castello-fortezza di Santa Pola (16° secolo, rinascimentale).

Tour della Spagna in auto e in moto: Galizia, i vecchi confini della Terra

La Costa da Morte esemplifica il pericolo per il traffico marittimo in una zona della Galizia, le Rías Altas, che ha bisogno di fari per guidare i marinai nella zona. Tuttavia il nostro giro ai confini della Terra andrà a cercare i confini della nostra geografia sul lato nord-ovest. Partiamo da O Vicedo fermandoci alla bellissima foce del fiume Sor, che divide le province di Lugo e A Coruña. Più avanti c’è il faro Estaca de Bares che segna il punto più settentrionale della Spagna e la divisione tra l’Atlantico e il Golfo di Biscaglia. Andremo quindi a Cariño per raggiungere Capo Ortegal, dove si trovano le rocce più antiche della Spagna.

Vicino al faro si trova Vixia Herbeira, da dove possiamo vedere le scogliere più alte dell’Europa continentale, a 613 metri sul livello del mare… E proprio lì, passeremo per San Andrés de Teixido. Scendendo verso Cedeira lungo una bella strada, troviamo il Faro di Candieira, il Faro di Robaleira e Cabo Prior, prima di osservare una delle principali aree di passaggio per gli uccelli migratori al Faro di Cabo Prioriño. Proprio lì, il Castillo de San Felipe ci offre una vista sul vicino Castillo de La Palma, dall’altra parte dell’estuario del Ferrol.

Pamplona non ha bisogno di presentazioni. Va visitata una volta nella vita, e se a San Firmin (la famosa festa con la corsa dei Tori per la città) ancora meglio. Ma la regione nasconde molti altri segreti ancora più interessanti… Lasciamo Tafalla verso Sangüesa, una zona di confine medievale sul Camino de Santiago, dove possiamo visitare il Palazzo del Principe di Viana. Dopo circa otto chilometri il Santuario di Javier ci ricorda che vi nacque San Francisco Javier, patrono della Navarra e viaggiatore del XVI secolo. Ad est, la Riserva di Yesa segna il limite dell’Aragona, e a circa 10 minuti da lì, proprio affacciato su uno dei balconi che compongono l’area, l’imponente Monastero di San Salvador de Leyre mostra il primo stile romanico con uno stato di conservazione impeccabile.

Proseguendo verso Nord, le gole Lumbier e Arbayún ci offrono panorami da 300 metri sopra i fiumi Salazar e Irati. Arriveremo presto alla Valle di Roncal, una comunità che confina con l’Aragona e i Pirenei Atlantici (Francia), e che è composta da sette villaggi: Burgui, Garde, Isaba, Roncal, Urzainqui, Uztárroz e Vidángoz. Lì facciamo una sosta e un ristorante per degustare il prodotto più famoso della zona: il formaggio, che ha un proprio museo.

Tour della Spagna in auto e in moto: Madrid, la capitale e dintorni

Guidare attraverso la regione a nord di Madrid, dove la capitale spagnola unisce le due Castiglie, ha il suo fascino. Lasciamo Cervera de Buitrago, presso il bacino idrico di Atazar, per dirigerci attraverso Robledillo de la Jara, verso Puebla e Montejo de la Sierra, dimenticando così per un giorno il trambusto della grande città. Ci fermeremo lungo il percorso a contemplare la formidabile faggeta di Montejo, che è una delle faggete più meridionali che si possono trovare in Europa.

Una volta raggiunto il punto più settentrionale del percorso, giriamo e, scendendo, troviamo Buitrago del Lozoya, l’unico paese dell’intera comunità che conserva integralmente la sua antica muraglia, e questo ci dà l’opportunità per continuare a Lozoya, che ha lo spettacolare Pinilla Reservoir, dalle cui acque Madrid beve dal 19esimo secolo. Il nostro prossimo punto di interesse sarà nella Garganta de los Montes, un’enclave unica per godersi la Sierra de Guadarrama, e da lì a Miraflores, vicino al Parco Regionale Cuenca Alta del Manzanares, dove finisce il nostro tour dell’estremo nord di Madrid.

Ibiza: non solo “fiesta”…

Partiamo dalla spiaggia di Cala Bassa, molto vicino a Sant Antoni de Portmany, per avvicinarci alla contemplazione delle ceramiche di Sant Rafel e arriviamo a Santa Gertrudis, il centro geografico dell’isola e un buon posto per bere qualcosa prima di continuare il viaggio. I dintorni della piazza sono ricchi di ristoranti. Proseguiamo verso nord, attraverso Sant Miquel fino a raggiungere la Cova de Can Marçà, assolutamente da vedere.

Le acque cristalline di Cala Portinatx ci aspettano pochi chilometri più avanti e la stradina che unisce la zona con l’Aigua Blanca è imperdibile come quella stessa costa. Già scendendo attraverso Sant Carles, attraversiamo la pittoresca cittadina di Santa Eulària per arrivare nel punto più alto di Ibiza, Dalt Vila, dove ci aspetta la città medievale dell’isola bianca.

Seguici anche sui canali social

img_pixel strip_agos

Annunci Usato

  • nissan-qashqai-1-5-dci-tekna-8
    17.500 €
    NISSAN Qashqai 1.5 dCi Tekna
    Diesel
    74.500 km
    01/2017
  • toyota-yaris-1-0-5-porte-3
    9.000 €
    TOYOTA Yaris 1.0 5 porte
    Benzina
    145.050 km
    07/2015
  • ford-fiesta-1-2-titanium-5p-distribuzione-nuova
    5.200 €
    FORD Fiesta 1.2 Titanium 5p distribuzione nuova
    Benzina
    169.000 km
    10/2008
  • jeep-compass-1-3-turbo-t4-150-cv-aut-2wd-limited-4
    35.900 €
    JEEP Compass 1.3 Turbo T4 150 CV aut. 2WD Limited
    Benzina
    10 km
    03/2022
  • alfa-romeo-159-2-0-jtdm-sportwagon-distinctive-2
    6.500 €
    ALFA ROMEO 159 2.0 JTDm Sportwagon Distinctive
    Diesel
    226.000 km
    02/2010
  • volkswagen-touareg-3-0-tdi-tiptronic-bmt-executive-sedili-pelle-navi
    17.890 €
    VOLKSWAGEN Touareg 3.0 TDI tiptronic BMT Executive/SEDILI PELLE/NAVI
    Diesel
    159.074 km
    11/2010
  • peugeot-308-1-6-hdi-90cv-sw-ciel-premium
    3.800 €
    PEUGEOT 308 1.6 HDi 90CV SW Ciel Premium
    Diesel
    152.500 km
    09/2009
  • hyundai-i20-1-1-crdi-5p-classic
    5.200 €
    HYUNDAI i20 1.1 CRDi 5p. Classic
    Diesel
    207.879 km
    01/2014
  • peugeot-308-bluehdi-120-ss-sw-business
    12.300 €
    PEUGEOT 308 BlueHDi 120 S&S SW Business
    Diesel
    139.900 km
    01/2017
page-background