Revisione auto: tempi, costi e scadenze

Francesco Giorgi
12 Aprile 2022
004919

Cosa bisogna sapere quando ci si prepara a sottoporre il proprio veicolo al collaudo: quanto si spende, quali esami vengono effettuati, cosa si rischia se si circola con un veicolo non revisionato.

Chiunque acquista un veicolo nuovo di fabbrica oppure usato deve, prima o poi, sottoporlo a controllo periodico del suo stato d‘uso. Varano i tempi, tuttavia le modalità sono le stesse. Il collaudo, disciplinato dall’art. 80 del Codice della Strada (“Revisioni”) è un obbligo per tutti i proprietari di autoveicoli, motoveicoli, ciclomotori, mezzi pesanti (Truck & Bus), rimorchi e semirimorchi, macchine agricole e veicoli industriali, ed a prescindere dal tipo di alimentazione (benzina, diesel, metano, GPL, elettrica, ibrida, Plug-in Hybrid o mild-hibrid); dunque comporta delle prescrizioni tecniche e normative alle quali attenersi, e che in effetti sono essenziali ai fini della sicurezza di marcia per se e, soprattutto, per tutti gli altri utenti.

In questa guida analizziamo tutte le modalità di effettuazione del collaudo periodico, con particolare riferimento alle regole del CdS, ai controlli effettuati ed alle sanzioni per chi non ottempera.

Guida alla revisione auto

Categorie di veicoli con obbligo di revisione

Di seguito un riassunto di tutti i veicoli, suddivisi per categoria, che devono essere sottoposti alla revisione periodica (secondo l’art. 47 del Codice della Strada).

  • Categoria L: Ciclomotori e motocicli a due o tre ruote, quadricicli e quadricicli leggeri;
  • Categoria M: Veicoli con almeno quattro ruote, e destinati al trasporto persone;
  • Categoria N: Veicoli con almeno quattro ruote, e destinati al trasporto di merci;
  • Categoria O1: Rimorchi con massa massima non superiore a 0,75 tonnellate;
  • Categoria O2: Rimorchi con massa massima superiore a 0,75 tonnellate e fino a 3,5 tonnellate;
  • Categoria O3: Rimorchi con massa massima superiore a 3,5 tonnellate e fino a 10 tonnellate;
  • Categoria O4: Rimorchi con massa massima superiore a 10 tonnellate.

Ogni quanto va fatta la revisione

Tutti i veicoli seguono un principio-base di scadenze di collaudo: dopo quattro anni dalla prima immatricolazione, e successivamente ogni due anni. I veicoli usati con più di quattro anni dalla prima immatricolazione vanno revisionati ogni due anni.

  • Prima revisione: quattro anni dalla data di prima immatricolazione;
  • Seconda revisione e successive: ogni due anni.

Revisioni auto: tutte le novità dal Ministero

Cosa viene controllato in sede di collaudo

I controlli sono gli stessi a prescindere se si presenta il veicolo presso una delle sedi provinciali della Motorizzazione Civile oppure presso uno dei tanti centri di revisione autorizzati (cambia solamente l’importo da pagare, come dettagliamo più sotto).

  • Esame del sottoscocca, con veicolo posizionato su un ponte sollevatore: si procede al controllo di sospensioni, braccetti, cavi, tubazioni, cuffie, aspetto visivo dei freni, condizioni degli pneumatici (che devono essere quanto più omogenei nel consumo, non devono presentare tagli o screpolature, il battistrada deve essere di almeno 1,6 mm). Non devono esserci eventuali “giochi” né eccessivi trafilamenti di olio;
  • Prova dei freni, con veicolo collocato sui rulli o sulle piastre di frenatura (oppure, nel caso di alcune auto storiche, mediante prova dinamica con GPS ma solamente in Motorizzazione). La vettura viene messa in marcia e si esamina il comportamento dei freni, che devono essere efficienti ed equilibrati, cioè non devono provocare sbandate al veicolo durante l’azione di frenata;
  • Prova del freno a mano, che non deve essere né troppo “tirato” né troppo “lasco”;
  • Esame visivo dei vetri (finestratura laterale, parabrezza, lunotto) che non deve presentare scheggiature;
  • Prova dell’avvisatore acustico, degli indicatori di direzione, delle “frecce” d’emergenza, del tergicristallo e tergilunotto e relativi lavavetri;
  • Esame delle cinture di sicurezza, che devono presentarsi in condizioni integre, non “sfilacciate” né rovinate, e devono essere correttamente funzionanti;
  • Esame dei gruppi ottici anteriori (mediante tester che ne osserva l’efficienza ed il corretto orientamento del fascio luminoso) e posteriori;
  • Analisi dei “fumi”.

È sottinteso che i dati di immatricolazione del veicolo devono corrispondere a quelli riportati sulla carta di circolazione.

Revisione auto a metano

Il collaudo dei veicoli alimentati a gas naturale è correlato alla norma europea cui si riferisce l’omologazione delle bombole del metano.

  • Omologazione R110 ECE/ONU: la revisione deve essere effettuata dopo quattro anni dalla prima immatricolazione della vettura – se l’impianto è di primo equipaggiamento – oppure dalla data di installazione dell’impianto;
  • Omologazione R110 ECE/ONU di Tipo IV: il collaudo deve essere effettuato quattro anni dalla prima immatricolazione del mezzo o dall’installazione dell’impianto, e successivamente ogni due anni;
  • Omologazione nazionale DGM: il collaudo va effettuato a cinque anni dalla prima immatricolazione del veicolo o dall’installazione dell’impianto.

Revisione auto a GPL

Il collaudo segue le stesse prescrizioni richieste dalla normativa generale: questo perché le elettrovalvole di sicurezza presenti nell’impianto scongiurano qualsiasi pericolo, anche in caso di incidente o di incendio. I serbatoi del GPL devono essere sostituiti ogni dieci anni: in questo frangente, viene effettuato un controllo a tutto l’impianto – tubazioni, raccordi, filtri, iniettori ed impianto elettrico, riduttore – con eventuale sostituzione dei componenti usurati.

Revisione auto storiche: modalità

I veicoli storici – cioè autoveicoli, motocicli e ciclomotori ultratrentennali, oppure iscritti nei Registri storici Fiat, Lancia, Alfa Romeo, FMI o nelle liste chiuse ASI – vanno revisionati ogni due anni. Il collaudo può essere effettuato in Motorizzazione (ovvero presso le sedi territoriali del Dipartimento dei Trasporti terrestri: condizione obbligatoria se il veicolo storico non può essere sottoposto alle prove sui rulli; in questo caso, l’operatore provvede al controllo della frenata mediante GPS, con il mezzo portato ad una velocità superiore a 40 km/h per determinare una frenata di almeno 4,5 m/s) oppure presso un centro di revisioni autorizzato.

I veicoli storici costruiti fino al 1960 possono essere sottoposti alla prova di frenatura attraverso il criterio della valutazione media, con il veicolo in ordine di marcia e il conducente e ad una velocità di almeno 40 km/h: il valore minimo utile al superamento della prova è di 4 metri al secondo per le autovetture, e 3,5 m/s per gli altri veicoli.

Gli autoveicoli storici di interesse storico e collezionistico costruiti fino al 4 agosto 1971, e gli autoveicoli costruiti fino al 1 gennaio 1980 sono esentati dalle verifiche delle emissioni inquinanti.

Quanto costa la revisione dopo i nuovi aumenti

Le spese da sostenere per il collaudo del proprio veicolo sono rimaste immutate per diversi anni. Purtroppo per molti utenti, la legge di Bilancio 2021 aveva approvato un aggravio di 9,95 euro + IVA (cioè, a conti fatti, 12,14 euro) sul costo-base di ogni revisione. Il rincaro delle revisioni, scattato il 1 novembre 2021, ha comportato un “ritocco” alle tariffe di collaudo che riportiamo di seguito.

  • Collaudo del veicolo in Motorizzazione: 45 euro + 9,95 euro aumento = 54,90 euro;
  • Collaudo del veicolo presso un Centro revisioni autorizzato: 45 euro + 9,95 euro di aumento + IVA al 22% + 10,20 euro come diritti di Motorizzazione + 1,78 euro per il bollettino postale = 78,96 euro.

Cos’è il Certificato di revisione

Secondo quanto disposto dal Decreto dirigenziale n. 211 del 18 maggio 2018, i veicoli a motore sottoposti a collaudo ricevono un documento che consiste in un “passaporto tecnico” e il personale addetto al collaudo provvederà a registrare nel Portale dell’Automobilista e invierà via e-mail in Motorizzazione (Dipartimento dei Trasporti terrestri).

Il certificato di revisione contiene gli estremi del collaudo, i dati del veicolo e l’esito della revisione:

  • Numero di targa;
  • Numero di telaio;
  • Luogo e data della revisione;
  • Lettura del contakm al momento del collaudo;
  • Categoria del veicolo;
  • Eventuali anomalie riscontrate e relativo livello di gravità;
  • Esito della revisione;
  • Data del collaudo successivo;
  • Dati identificativi dell’addetto alla revisione.

Cosa succede se il veicolo non supera il collaudo

Può accadere che il veicolo sottoposto a revisione non risulti idoneo “alla prima”. In questo caso, si verifica una delle tre condizioni:

  • Ripetere, in cui la vettura viene rimandata indietro per l’effettuazione delle riparazioni indicate dall’operatore. La nuova revisione va effettuata entro un mese, presso il medesimo centro collaudi, e con il pagamento di una nuova prova;
  • Ripetere, sospeso dalla circolazione, significa che durante l’esame al veicolo sono stati riscontrati difetti e/o anomalie tali da renderne pericolosa la normale circolazione. È consigliabile provvedere quanto prima a rimettere in sesto la vettura sulle indicazioni dell’addetto al collaudo. La successiva “seduta” di revisione andrà ovviamente pagata;
  • Sospeso interno, che costituisce una condizione di “stand-by” temporanea. Durante il collaudo sono stati evidenziati guasto di lieve entità, che cioè non implicano l’obbligo di presentare la vettura ad una nuova revisione, ma solamente un momentaneo stop necessario al ripristino dell’anomalia.

Perché il pre-collaudo è importante

Proprio per evitare di dovere sottoporre il veicolo a più di un esame di collaudo (e, di conseguenza, dovere sborsare le relative spese di revisione per almeno due volte), è opportuno effettuare un controllo preventivo alle sue condizioni. Il pre-collaudo consiste in una serie di esami visivi, tecnici e strumentali che servono ad avere la ragionevole sicurezza di superare la revisione al primo colpo. La spesa da mettere in conto per questa operazione è piuttosto modesta (siamo intorno ai 25-30 euro), e consente di sapere in anticipo lo stato delle parti del veicolo che saranno poi esaminate.

Revisione auto e tuning: meglio di no

Le “aggiunte” aftermarket che alterano le caratteristiche del veicolo non sono compatibili con i dati inseriti nella carta di circolazione. Molto meglio, quindi, evitare di presentare la propria auto al collaudo equipaggiata con distanziali, ruote non omologate o non presenti “a libretto”, barre duomi, sedili anatomici, volanti a calice (se in origine non sia previsto l’airbag) o sostituiti “tout court” eliminando l’airbag, assetto visivamente ribassato (oppure, nel caso dei fuoristrada, “troppo” rialzato), carreggiate allargate o parafanghini supplementari, modifiche alla carrozzeria. Il rischio è di vedersi l’auto “respinta” e dovere presentarla nuovamente al collaudo, “spogliata” di tutti gli accessori che sono stati installati (in poche parole: nelle esatte condizioni di origine), e pagando due volte la revisione.

Circolare con un veicolo non revisionato: sanzioni

Mettersi alla guida di un veicolo che non è stato sottoposto a revisione costa caro: l’art. 80 comma 14 del Codice della Strada stabilisce, in questo caso, una sanzione amministrativa da 173 euro a 694 euro. Ovviamente, il mezzo viene sospeso dalla circolazione, attraverso un’annotazione sul “libretto” da parte dell’organo accertatore, fino a quando non si provvederà al collaudo. La circolazione è consentita solamente per recarsi in revisione (che deve essere effettuata presso le sedi territoriali del Dipartimento dei Trasporti terrestri-ex Motorizzazione).

Chi viene “pizzicato” mentre guida un veicolo sospeso dalla circolazione in attesa dell’esito della revisione, è passibile di una sanzione amministrativa da 1.998 a 7.993 euro, più il fermo amministrativo del veicolo per novanta giorni. In caso di recidiva, il veicolo viene confiscato.

Chi esibisce un falso attestato di avvenuta revisione è soggetto ad una sanzione amministrativa che va da un minimo di 430 euro ad un massimo di 1.731 euro, con in più il ritiro della carta di circolazione.

Cosa si rischia ai fini assicurativi

È importante tenere conto che se un veicolo con revisione scaduta, o non sottoposto a revisione, viene coinvolto in un incidente stradale, la Compagnia assicuratrice dovrà risarcire i terzi danneggiati, tuttavia potrebbe applicare la rivalsa nei confronti dell’assicurato inadempiente dal punto di vista della revisione periodica. In buona sostanza, si dovrà rispondere in prima persona – vale a dire con il proprio patrimonio – ai danni cagionati agli altri utenti: l’assicurazione, cioè, pretenderà quanto ha dovuto pagare per i risarcimenti. In base alle garanzie di contratto firmate, la rivalsa può essere parziale o integrale.

Seguici anche sui canali social

Annunci Usato

  • mercedes-benz-glk-220-cdi-4matic-blueefficiency-sport-auto-pelle-tessut
    13.900 €
    MERCEDES-BENZ GLK 220 CDI 4Matic BlueEFFICIENCY Sport Auto Pelle/Tessut
    Diesel
    146.800 km
    06/2011
  • jeep-compass-1-6-multijet-ii-2wd-limited-fino-84-mesi-garanzia
    26.390 €
    JEEP Compass 1.6 Multijet II 2WD Limited FINO 84 MESI GARANZIA
    Diesel
    24.000 km
    06/2020
  • opel-meriva-1-4-16v-ideale-per-neo-patentati-3
    2.990 €
    OPEL Meriva 1.4 16V ( Ideale per neo patentati )
    Benzina
    186.000 km
    05/2005
  • jeep-compass-limited-2-0-aut-140cv-4x4-garanzia-24m-5
    25.600 €
    JEEP Compass Limited 2.0 Aut. 140cv 4x4 Garanzia 24M
    Diesel
    85.300 km
    05/2018
  • volkswagen-t-roc-1-6-tdi-full-led-virtual-cockpit-km-39900-2
    25.700 €
    VOLKSWAGEN T-Roc 1.6 TDI Full Led Virtual Cockpit km 39900
    Diesel
    39.980 km
    10/2019
  • abarth-124-spider-abarth-scorpione-km-33-944-garanzia-3
    34.500 €
    ABARTH 124 Spider Abarth Scorpione km 33.944 Garanzia
    Benzina
    33.944 km
    03/2017
  • audi-q5-40-tdi-204-cv-quattro-s-tronic-s-line-11
    64.990 €
    AUDI Q5 40 TDI 204 CV quattro S tronic S line
    Elettrica/Diesel
    04/2022
  • audi-q5-40-tdi-204-cv-quattro-s-tronic-s-line-15
    64.990 €
    AUDI Q5 40 TDI 204 CV quattro S tronic S line
    Elettrica/Diesel
    04/2022
  • audi-q5-40-tdi-204-cv-quattro-s-tronic-s-line-14
    64.990 €
    AUDI Q5 40 TDI 204 CV quattro S tronic S line
    Elettrica/Diesel
    04/2022

Ti potrebbe interessare anche

page-background