Nissan e-share mobi: il car sharing con Leaf e Note e-POWER

Massima autonomia di impiego, nessuna tariffa mensile fissa ma soltanto il pagamento “a consumo”: e-share mobi è il nuovo progetto di guida condivisa che prenderà il via in Giappone a metà gennaio.

Anche Nissan sviluppa un proprio servizio di utilizzo condiviso dell’autoveicolo a zero emissioni secondo le nuove funzionalità di guida autonoma e con tariffe “a consumo”. Si tratta di “e-share mobi”, programma di car sharing sviluppato secondo un obiettivo di impiego ancora più “user friendly” e proiettato verso l’esteso utilizzo delle strategie “smart vehicle”.

Il progetto Nissan e-share mobi (nato dalla partnership fra Nissan e Nissan Car Rental Solutions Co., e basato sulla piattaforma di servizi mobilità “Smart Oasis Carsharing” messa a punto da Nihon Unisys) prenderà il via a metà gennaio 2018, in Giappone: nella fase di avvio, e-share mobi sarà articolato su trenta stazioni a Tokyo, Kanagawa, Shizuoka, Osaka, Hyogo, Kyoto, Shiga, Nara, Wakayama e altre prefetture giapponesi. Successivamente, ne è prevista l’estensione ad altre regioni giapponesi.

I veicoli scelti per e-share mobi sono la nuova serie di Nissan Leaf e Nissan Note e-POWER. La decisione di puntare sulla più recente lineup a zero emissioni nasce da un preciso piano di sviluppo hi-tech. Nissan Leaf 2018, svelata lo scorso settembre, si avvale delle nuove funzionalità “Nissan Intelligent Mobility”, comprendenti un modulo di dispositivi finalizzati all’assistenza alla guida e alla sicurezza di impiego: dall’inedito sistema di assistenza in parcheggio “ProPilot Park” – progettato per supervisionare in autonomia le aree circostanti il veicolo e studiare le esatte misure di manovra ed effettuare il movimento di parcheggio in totale sicurezza e in modalità 100% autonoma -, alla  tecnologia ProPILOT 1.0 sviluppata da Nissan come concretizzazione della vision “Intelligent Mobility” rivolta ad una mobilità sempre più sicura, connessa e sostenibile, nella quale, fra gli altri, è presente e-Pedal, un unico pedale che raggruppa acceleratore e freno, nonché il “pacchetto” di dispositivi elettronici Intelligent Cruise Control, Intelligent Lane Departure Intervention, Traffic Jam Pilot. A questa dotazione, si aggiunge il dispositivo Around View Monitor, quest’ultimo presente anche a bordo di Nissan Note e-POWER. Tutte le vetture vengono equipaggiate con una “scatola nera”, particolarmente utile in caso di incidente.

Nissan Note e-POWER, dal canto suo, offre la inedita piattaforma e-POWER messa a punto dal marchio giapponese quale liaison fra la “tradizionale” motorizzazione a combustione interna e la propulsione 100% elettrica: il modulo e-POWER prevede un’unità a benzina, di piccola cilindrata, il cui impiego è previsto unicamente per la produzione di energia da destinare alle batterie al litio che alimentano la vettura. In pratica, l’unità a combustione interna svolge un ruolo di motogeneratore per le batterie, entrando in funzione quando la riserva di carica scende al di sotto di un certo livello.

Per accedere al servizio e-share mobi, l’utente non sarà tenuto al pagamento di alcuna tariffa fissa mensile: il progetto prevede esclusivamente un corrispettivo “a consumo”, senza quindi preoccuparsi dell’effettiva frequenza di utilizzo. Inoltre, gli utenti registrati al servizio possono ottenere degli sconti presso Nissan Rent a Car e usare la propria patente di guida come tessera di iscrizione, eliminando la necessità di portare con sé un ulteriore documento. Una ETC Card integrata permetterà di pagare comodamente ai caselli autostradali giapponesi sulle tariffe normalmente applicate nei servizi ETC.

Nuova Nissan Leaf: le immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Nissan Leaf: pronti per ripartire

Altri contenuti