Ford Puma: l’inedito SUV di segmento B

Il nuovo SUV di segmento B vanterà una motorizzazione di tipo mild hybrid e debutterà sul mercato nel 2020.

Tra le numerose novità targate Ford svelate sotto i riflettori del Go Further di Amsterdam – tra cui i nuovi crossover Kuga ed Explorer – è stata svelata a sorpresa anche l’inedita Puma, SUV dalle dimensioni compatte pronto a sbarcare sui mercati internazionali il prossimo anno. La Casa dell’Ovale blu ha quindi rispolverato il nome Puma, utilizzato per identificare la coupé compatta distribuita sul mercato europeo dal 1997 al 2002 e principale concorrente dell’Opel Tigra. Ora però che i tempi sono cambiati e i modelli a ruote alte la fanno da padrone, la Ford Puma si è trasformato in un SUV che si posizionerà tra la EcoSport e la Kuga.

La vettura sfoggia un look sportiveggiante abbinato ad un’aerodinamica curata che nasconde un’abitabilità ai vertici della categoria, in particolare il bagagliaio può vantare uno spazio da ben 465 litri, paragonabile a quello dell’attuale generazione della Kuga e di molti altri SUV di segmento superiore. Anche se le misure non sono state comunicate ufficialmente, la Puma dovrebbe vantare una lunghezza di circa 4,20 metri. Sempre a proposito di bagagli, la nuova Puma offre un sofisticato ed ingegnoso sistema di carico e stivaggio definito da Ford “flessibile e versatile” che permette di ospitare addirittura due sacche da golf n posizione verticale.

Come la sorella maggiore Kuga, anche la nuova Ford Puma adotterà un’efficiente motorizzazione elettrificata di tipo mild hybrid. L’unità in questione è l’EcoBoost Hybrid a 48 volt che sfrutta il pluripremiato motore benzina 1.0 EcoBoost: questo sistema permetterà di erogare fino a 155 CV e sarà utilizzato anche sui modelli Fiesta e Focus.

L’EcoBoost Hybrid a 48 volt sfrutta lo uno starter/generatore elettrico BISG (Belt-driven Integrated Starter Generator) che prende il posto del classico alternatore per recuperare l’energia cinetica durante le fasi di frenata per poi immagazzinarla batteria agli ioni di litio raffreddata ad aria. Questa energia viene utilizzata per fornire ulteriore coppia in partenza con l’obiettivo di ottimizzare consumi ed emissioni inquinanti e ovviamente anche le prestazioni velocistiche dell’auto. La nuova Puma dovrebbe inoltre condividere le trasmissioni e anche il noto motore 1.5 litri Turbodiesel.

La Ford Puma verrà realizzata nello stabilimento della Casa dell’Ovale Blu di Craiova che si trova in Romania, oggetto di un investimento costato oltre 1,5 miliardi di euro.

Ford Puma: le immagini della presentazione Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Ford Ecosport: video e scheda tecnica

Altri contenuti