McLaren Speedtail: nuovo teaser in attesa della presentazione

Un particolare della zona posteriore costituisce una nuova anteprima che preannuncia la imminente hypercar di Woking dal powertrain ibrido pronta a sprigionare oltre 1.000 CV.

Ad una decina di giorni dalla presentazione ufficiale – fissata per il pomeriggio del 26 ottobre, a Londra, di fronte ad un selezionato “parterre” di invitati -, in queste ore McLaren svela un ulteriore tassello al mosaico che andrà a comporre l’identità di “Speedtail”, la inedita “hypercar” di Woking.

In questo caso, sotto i riflettori dell’azienda di oltremanica – non nuova a rivolgere la propria attenzione verso modelli dall’esuberante potenza e dai contenuti hi-tech, tanto da farne un preciso obiettivo industriale – la supercoupé già nota agli appassionati con la sigla di progetto “BP23” verrà svelata in forma ufficiale. Ciò significa che sarà possibile conoscerne non soltanto i valori prestazionali di rilievo (velocità massima, accelerazione, forza laterale), ma anche le relative tecnologie di progettazione, che si preannunciano ai vertici del livello finora raggiunto dalla factory di Woking nonché come “stato dell’arte” per la lineup Ultimate Series.

Non sarà facile, tuttavia, accaparrarsene un esemplare: l’intero lotto di unità programmate (106 vetture, proposte ad un prezzo che si avvicina ad una cifra corrispondente a circa due milioni di euro ciascuna) è già andato esaurito. La produzione sarà avviata entro la fine di quest’anno: per l’occasione, il reparto MSO-McLaren Special Operations (Divisione specializzata nell’allestimento di editioni a tiratura limitata e di personalizzazioni dietro specifica richiesta dei singoli acquirenti) è già “all’erta” per accontentare le modifiche indicate dai clienti.

La nuova McLaren Speedtail, secondo le indiscrezioni rilasciate dallo scorso autunno (ovvero, all’epoca delle prime “voci di corridoio” in merito alla “super-McLaren” in fase di sviluppo) si preannuncia come il modello dai contenuti tecnici e dalle performance più elevati fra quelli finora proposti da Woking. Sotto il cofano, il gruppo propulsore prevede un modulo ibrido da “Oltre 1.000 CV” di potenza e in grado di permettere alla imminente hypercar una velocità massima superiore a 391 km/h che rappresenta il valore raggiunto dalla storica McLaren F1 “stradale”, rispetto alla quale peraltro deriva, in parte, il progetto Speedtail riguardo ad alcuni elementi: su tutti, il caratteristico posto di guida centrale, con due “sedute” ai lati di esso per altrettanti passeggeri, e l’altrettanto “unica” – nel proprio genere – conformazione allungata della zona posteriore (da cui la scelta del nome “Speedtail”), cui si riferisce il teaser esibito in queste ore come nuova anteprima e che, chiaramente ispirata ai prototipi impiegati nelle competizioni Endurance, sviluppa un andamento “a goccia”.

Secondo un’analisi che avevamo pubblicato nelle scorse settimane, fra gli obiettivi di McLaren ci sarebbe, più che il titolo di “la vettura più veloce del mondo” (che attualmente, con una punta di 446,97 km/h, è appannaggio di Koenigsegg Agera RS), quanto la determinazione del voler realizzare “semplicemente” la McLaren più potente e veloce di sempre: più che sulle prestazioni a livello assoluto – le quali, in ogni caso, si preannunciano di primo piano – i “piani alti” di Woking puntano i propri riflettori sulle tecnologie di bordo, frutto cioè di approfonditi studi sulla meccatronica, sull’aerodinamica e sui materiali.

McLaren P1 GTR: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

McLaren al Salone di Ginevra 2019

Altri contenuti