Audi A6 Avant 2018: evoluzione della specie

Dopo la recentissima A6 berlina (Salone di Ginevra), Audi anticipa la variante “wagon”: Audi A6 Avant porta in dote i medesimi aggiornamenti hi-tech. Arriverà in Italia il prossimo autunno.

L’evoluzione nel settore delle “familiari” segue di pari passo le trasformazioni, di stile e nei contenuti tecnici, da tempo impostata su altri segmenti di produzione. È, fra gli altri, il caso di Audi, che di recente sembra gradualmente abbandonare disegni “alla tedesca” in favore di linee più morbide e contraddistinte da una diffusa sportività. Al recentissimo Salone di Ginevra, il marchio dei Quattro Anelli aveva svelato questi nuovi atout attraverso l’anteprima dell’ottava generazione di Audi A6, esposta insieme alla altrettanto rinnovata A7.

In queste ore, per la lineup di gamma medio-alta Audi, uno dei modelli-portabandiera nella produzione di Ingolstadt, arrivano i dettagli di progetto relativi alla declinazione A6 Avant, attesa al debutto in Italia il prossimo autunno. Decisamente interessanti le premesse: sulla scorta di quanto introdotto con la nuova generazione di A6, anche la corrispondente versione Avant mette in campo sofisticati contenuti hi-tech, motorizzazioni a propulsione mild-hybrid (ibrido leggero) MHEV, numerosi dispositivi di sicurezza attiva e di ausilio alla guida,  moduli multimediali (infotainment) che permettono al conducente il controllo di gran parte delle funzionalità di bordo e di molteplici servizi online.

Più in dettaglio, la nuova Audi A6 Avant 2018 – anticipata attraverso un’anteprima fotografica e un primo elenco di aggiornamenti – presenta ingombri esterni essenzialmente identici a quelli della nuovissima versione “berlina”: la lunghezza “fuori tutto” arriva a sfiorare 4,94 m (7 mm in più rispetto alla serie precedente), la larghezza misura 1,886 m (2,11 m se si tiene conto degli specchi retrovisori esterni), l’altezza è 1,47 m (circa 20 mm in più rispetto alla nuova A6 berlina). L’impostazione delle linee esterne mette in evidenza, oltre alla caratteristica calandra “single frame” e ad un andamento piuttosto “slanciato” per il tetto, un caratteristico spoiler posteriore, che contribuisce ad “allungare” la silhouette del corpo vettura e ad accentuare l’immagine sportiva di A6 Avant 2019. Dal punto di vista tecnico, Audi sottolinea l’impiego di componenti in acciaio ed alluminio per la carrozzeria, in funzione di una maggiore leggerezza della scocca e di una più elevata rigidità torsionale: un “avvicinamento” di engineering ai modelli di segmento ulteriormente superiore, così come avviene nella nuova A6 berlina, che condivide con la imminente A6 Avant la piattaforma MLBModularer Langbaukasten, che costituisce l’”ossatura” della produzione “alto di gamma” per il Gruppo VAG e, a tutto vantaggio dell’abitabilità e degli spazi interni, offre 13 mm in più nel “passo”.

Da rimarcare, in ossequio agli impieghi ai quali la nuova Audi A6 Avant 2018 sarà destinata, la più che buona capienza del vano bagagli (dotato, fra l’altro, di sistema di apertura elettrica e guide per il fissaggio del carico a quattro occhielli di serie per tutti i modelli che ne costituiranno la gamma), al quale si accede mediante un’apertura da 1.050 mm di larghezza: 565 litri nel normale assetto di marcia, 1.680 litri a schienali posteriori – frazionati nello schema 40:20:40 – totalmente abbattuti. A richiesta saranno disponibili il comando di apertura portellone e copertura vano di carico a sensori, nonché lo sblocco del gancio traino a comando elettrico. La dotazione per il carico di bordo, nella nuova Audi A6 Avant, dispone inoltre di una banda di serraggio, una rete e due ganci ferma carico. Il set di ancoraggio con barra telescopica, a richiesta, permetterà all’utilizzatore la suddivisione del bagagliaio in funzione delle specifiche esigenze.

Altri dettagli di allestimento già comunicati dalla nota introduttiva: Audi A6 Avant 2018 verrà proposta in dodici differenti tinte carrozzeria, nonché nelle linee di allestimento “Sport” e “Design” e la configurazione “S Line Exterior”, disponibili a richiesta.

Relativamente alla dotazione di sicurezza attiva e di ausilio alla guida, che riprende gli equipaggiamenti introdotti nella nuova A6 berlina, Audi A6 Avant offrirà di serie fanaleria anteriore a Led (Matrix Led HD con fari abbaglianti ad alta risoluzione per la variante top di gamma), luci diurne a cinque linee orizzontali, indicatori di direzione dinamici, animazione pulsante delle funzionalità “Coming Home-Leaving Home”. L’offerta proporrà inoltre i pacchetti “City” e “Tour” e, di serie, frenata d’emergenza “Audi Pre-sense Front”, Cruise Control adattivo con assistenza nel restringimento di corsia (attivo fino ad una velocità di 250 km/h), funzione “Emergency Assistant” di regolazione velocità attraverso l’analisi anticipata dei limiti di velocità, delle curve, delle rotatorie e delle svolte (con guida a destinazione attiva), nonché dal “feedback” tattile mediante il pedale dell’acceleratore. Nel traffico urbano, il conducente è supportato da cinque funzioni: il sistema di assistenza agli incroci, che riconosce i potenziali pericoli derivanti dal traffico trasversale dinanzi alla vettura, il sistema “Audi Pre-sense 360°”, che rileva il pericolo di collisione, e l’assistente al traffico trasversale posteriore, che sorveglia la guida in retromarcia a bassa velocità, ad esempio uscendo da un parcheggio trasversale. Completa il pacchetto l’avvertimento all’uscita dalla vettura e al cambio di corsia. Il controllo combinato di queste funzionalità verrà assicurato, indica Audi, dal modulo high-end a centralina “zFAS” di elaborazione parametri di guida derivanti dalle informazioni inviate da una serie di sensori radar e telecamere (fino a cinque), dodici sensori a ultrasuoni e uno scanner laser.

Sotto il cofano, la nuova Audi A6 Avant arricchirà l’offerta di propulsione “ibrido leggero” (mild-hybrid) MHEV di recente debutto nella lineup di Ingolstadt: il sistema di alternatore-starter azionato a cinghia abbinato al sistema a 48V di tensione provvede al recupero fino a 12 kW di potenza nelle fasi di decelerazione e di frenata, ed immagazzina la corrente in una specifica batteria agli ioni di litio che consente alla vettura di “veleggiare” a motore spento su range di velocità compresi fra 55 e 160 km/h. A seconda delle singole versioni, Audi A6 Avant disporrà di trasmissione Tiptronic ad otto rapporti o S Tronic sette rapporti con comando a doppia frizione e trazione integrale quattro, a sua volta abbinabile con il differenziale sportivo (a richiesta) distribuzione attiva della coppia motrice fra le ruote posteriori. L’assetto, con servosterzo progressivo di serie o integrale dinamico a richiesta (retrotreno direzionale, fino ad un massimo di cinque gradi e fino a 60 km/h e ruote posteriori sterzanti nella stessa direzione dell’avantreno oltre 60 km/h) propone quattro varianti: sospensioni in acciaio di serie, taratura più sportiva, ammortizzatori regolabili e sospensioni pneumatiche adattive “Adaptive Air Suspension” con piattaforma elettronica di controllo EFP predisposta alla gestione anche di sterzo integrale dinamico e differenziale sportivo.

L’equipaggiamento multimediale scelto per la imminente Audi A6 Avant offre lo schermo centrale-superiore MMI Touch Response e un secondo display inferiore, entrambi orientati verso il posto di guida; con il modulo di navigazione MMI Plus, Audi A6 Avant sarà equipaggiata con la strumentazione digitale “Audi Virtual Cockpit” da 12.3” – i cui comandi potranno essere regolati anche dal volante multifunzione – e Head-up Display.

Audi A6 Avant 2019: prime immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Audi A8: lusso e tecnologia
Anteprime

Audi A8: lusso e tecnologia

Pronta per esordire sul mercato (anche in Italia), la nuova declinazione 2022 della berlina di fascia più alta di Audi è protagonista di un upgrade che è più di un semplice restyling.