Opel Corsa GSi: la versione sportiva è pronta al debutto

A sei anni di distanza dall’ultima versione, la gamma della bestseller di Russelsheim sta per accogliere il ritorno della declinazione GSi. Ecco le prime anticipazioni.

Il modello attualmente più “storico” nella lineup di Russelsheim sta per arricchirsi con la declinazione high performance che gli appassionati portano nel cuore da trent’anni esatti attraverso le “tre letterine magiche” GSi che, derivando nella propria filosofia concettuale dalla precedente sigla GTE, “sanno” di competizioni come poche altre: è Opel Corsa GSi, pronta a tornare (dopo sei anni di assenza, nei quali il suo ruolo di sportiva di punta è stato “sostituito” dalle declinazioni OPC ed S) nella gamma della bestseller del marchio tedesco recentemente entrato a far parte dell’orbita PSA Groupe.

L’annuncio arriva da una nota dei vertici Opel: più che nei dettagli tecnici – per quelli, bisognerà attendere ancora un po’ -, il comunicato di Russelsheim è una “dichiarazione di intenti”. In ogni caso, viene rilasciata una prima immagine, utile ad illustrare l’appeal estetico che sottolineerà l’impronta – “ovviamente” racing – chiamata a sostenere il ruolo della futura Opel Corsa GSi.

C’è da aspettarsi che il debutto sul mercato avvenga alla fine della prossima estate, ovvero esattamente trent’anni dopo il “lancio” commerciale della prima serie di GSi, a suo tempo allestita sul corpo vettura di Opel Corsa A e rimasta in produzione fino all’autunno del 1993, quando cioè fu sostituita dalla “B” con motorizzazione aggiornata e distribuzione a 16 valvole.

Per l’anticipazione di Opel Corsa GSi – chiamata a rinnovare l’immagine sportiva Opel, dopo il recente debutto della gamma Insignia GSi -, i “piani alti” Opel fanno riferimento ad un dettaglio che farà piacere agli enthusiast dei modelli ad alte prestazioni del marchio del Fulmine: l’engineering del telaio e dell’assetto messi a punto sull’altrettanto storico tracciato del Nurburgring a cura dei tecnici che operano presso la Divisione Opel Performance Center. Si tratta del telaio “ereditato” da quello che equipaggia Opel Corsa OPC, e che si avvale di un nuovo studio sul carico e sull’altezza delle sospensioni.

Anche il corpo vettura denuncia una sensibile “aggressività” in più: lo dimostrano, fra gli altri, le ampie prese d’aria anteriori, il nuovo disegno conferito al cofano motore che dal canto suo mette in evidenza una aggressiva feritoia orizzontale, la calandra dalla griglia a “nido d’ape” inframmezzata dal doppio “baffo” in look carbonio che si diparte dal “Blitz” del monogramma Opel centrale, i gusci degli specchi retrovisori anch’essi in carbon look, le “minigonne” laterali (accessori “d’obbligo” nelle configurazioni più sportive), lo spoiler posteriore e uno specifico diffusore inferiore. Altrettanto esclusivi i cerchi da 18” con pneumatici ultraribassati e, dietro ad essi, un impianto frenante con pinze verniciate in rosso. All’interno, oltre al volante sportivo, alla pedaliera in alluminio ed al rivestimento in pelle per il pomello del cambio, la caratterizzazione dichiaratamente “racing” di Opel Corsa GSi 2019 potrà essere ulteriormente accresciuta con l’adozione di una coppia di sedili Recaro semi-anatomici che faranno parte degli accessori in opzione. La dotazione prevederà il dispositivo multimediale IntelliLink (anch’esso a richiesta) compatibile con i sistemi Apple carPlay e Android Auto.

Bocche cucite, per il momento, riguardo alla scelta dell’unità motrice che costiuirà il “cuore pulsante” di Opel Corsa GSi: ferma restando la variante OPC da 207 CV, attuale modello di punta, e considerata la presenza della declinazione “S” da 150 CV, è possibile che la imminente GSi possa contare su una potenza nell’ordine di 170 CV. Più avanti, in ogni caso, se ne saprà di più.

Opel Insignia GSi: nuove immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021
News

Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.