Fiat Cronos: la berlina compatta per l’America Latina

È la variante a 4 porte della Argo, ma ha una linea personale ed è realizzata sulla piattaforma modulare MP-S.

La Fiat rafforza la sua presenza in America Latina con la Cronos, una berlina compatta che permette la Brand italiano di aggredire un segmento molto apprezzato in quelle latitudini. L’auto deriva dalla sorella a cinque porte Argo ma ha evidenti accenni di sportività in alcune zone della carrozzeria.

In particolare, il frontale guadagna un paraurti differente ed una nuova calandra, mentre ripropone dei gruppi ottici dal design similare a quello della Argo. Nuovi i fari posteriori che vanno ad integrarsi in una coda che propone anche un paraurti inedito e filante.

Assomiglia ad una Tipo dalle dimensioni ridotte, meno slanciata ma comunque dal design personale, e sotto il vestito sfrutta la piattaforma modulare MP-S con componenti realizzate appositamente per la Cronos. A livello di unità motrici invece troviamo il 1.3 Firefly ed il 1.8 EtorQ dei quali non sono state diffuse ancora le informazioni relative alle prestazioni ed alla cavalleria che dovrebbe essere speculare a quella delle medesime unità proposte sulla Argo.

Quindi, il motore 1.3 dovrebbe avere, il condizionale è d’obbligo, 109 CV, con il 1.8 che indossa l’etichetta di motore sportivo grazie ad una potenza stimata di 139 CV. Anche a livello di trasmissioni si dovrebbero avere un 5 marce manuale o un automatico a 6 rapporti per la 1.8 e un cambio elettroattuato a 5 marce per la 1.3.

Non sono stati comunicati i prezzi ed è difficile dire se qualche esemplare d’importazione possa arrivare in Europa e magari sbarcare in Italia, di certo in Sud America, dove il segmento è in costante crescita, la Cronos ha tutte le carte in regola per maturare interessanti volumi di vendita.

Fiat Ducato 2021: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021
News

Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.