Dacia Duster 2022: novità, motori, allestimenti, uscita

Il vendutissimo (quasi 2 milioni di esemplari in dieci anni) SUV si prepara all’esordio nella nuova edizione-restyling, che porta in dote un ampio programma di aggiornamento hi-tech, nei contenuti e nei motori.

Il veicolo Sport Utility di riferimento del marchio romeno da lungo tempo nell’orbita di Renault Groupe si rinnova: è Dacia Duster, che superati i primi dieci anni di commercializzazione (il debutto avvenne nel 2010: da allora, ne sono state vendute più di 1,9 milioni di unità) si prepara ad affrontare una nuova fase di “carriera operativa” in continuità con le serie precedenti – quindi in possesso dei conosciutissimi ed apprezzati atout di robustezza, versatilità ed economicità di gestione – ed arricchita con nuovi contenuti.

Quando la vedremo su strada

Dacia Duster 2022 verrà commercializzato a partire da settembre 2021: il suo debutto sul mercato è dunque imminente. Due le configurazioni: trazione anteriore e trazione integrale, motori benzina (TCe 90, TCe 130, TCe 150), turbodiesel (dCi 115) e l’interessante bifuel benzina-GPL Eco-G 100, cambio manuale a sei rapporti oppure EDC doppia frizione a sei rapporti, e trazione anteriore o integrale. Più avanti si conosceranno i dettagli relativi ai prezzi di vendita, per i quali si può ipotizzare che non dovrebbero discostarsi molto rispetto agli attuali importi (si parte da 12.600 euro).

Corpo vettura: ecco le novità

All’esterno, l’impostazione generale di Dacia Duster 2022 è complessivamente molto simile rispetto all’attuale gamma. Le differenze adottate rispecchiano i codici di stile della nuova “brand identity” di Dacia, che avevano debuttato sulle rispettive più recenti versioni di Sandero, Sandero Stepway e (dove commercializzata) Logan: nuovi gruppi ottici EcoLed con indicatori di direzione a Led (è il primo modello Dacia ad esserne provvisto) e firma luminosa “ad Y” che a sua volta ispira la trama dei rilievi tridimensionali a finitura cromata della griglia, nuovo disegno dello spoiler posteriore, nuovi cerchi in lega da 16” e 17” (a seconda delle versioni) ed una ottimizzazione, in ottica di risparmio di emissioni di CO2, per i cuscinetti delle ruote e gli pneumatici, la stessa fanaleria ed il coefficiente di penetrazione aerodinamica.

Dimensioni esterne

  • Lunghezza “fuori tutto”: 4,34 m;
  • Larghezza: 1,8 m (con specchi retrovisori ripiegati), 2,05 m (con specchi retrovisori aperti);
  • Altezza: 1,63 m-1,69 m (versione a due ruote motrici, con e senza le barre da tetto), 1,62-1,68 m (versione a quattro ruote motrici, con e senza le barre sul tetto);
  • Altezza massima con portellone aperto a veicolo scarico: 2,02 m;
  • Altezza della soglia di carico vano bagagli a vuoto: 782 mm (versione a due ruote motrici), 764 mm (versione a quattro ruote motrici);
  • Sbalzo anteriore: 842 mm (versione a due ruote motrici), 841 mm (versione a quattro ruote motrici);
  • Sbalzo posteriore: 826 mm (versione a due ruote motrici), 824 mm (versione a quattro ruote motric i);
  • Carreggiata anteriore: 1.563 mm;
  • Carreggiata posteriore: 1.570 mm (versione a due ruote motrici), 1.580 mm (versione a quattro ruote motrici).

Misure caratteristiche per la marcia in fuoristrada

  • Altezza libera dal suolo: 217 mm (versione a due ruote motrici), 214 mm (versione a quattro ruote motrici);
  • Angolo di attacco: 30°;
  • Angolo di dosso: 21°;
  • Angolo di uscita: 34° (versione a due ruote motrici), 33° (versione a quattro ruote motrici).

Abitacolo e bagagliaio

All’interno, Dacia Duster 2022 mette in evidenza nuovi rivestimenti e sedili ridisegnati (maggiore contenimento laterale, poggiatesta più sottili in modo da offrire più visuale agli occupanti la fila posteriore e viceversa). A prescindere dal livello di allestimento scelto, la dotazione di serie (sempre più “ricca”) comprende, nell’ordine: computer di bordo, sensore luci e limitatore di velocità con comandi retroilluminati nel volante. Sono altresì disponibili, in base alle versioni, il climatizzatore automatico con display digitale, il Cruise Control con comandi retroilluminati al volante multifunzione, i sedili anteriori riscaldabili, ed il sistema Keyless Entry.

Due nuovi sistemi multimediali

Relativamente al “capitolo” infotainment, Dacia Duster 2022 dispone dell’impianto audio Dacia Plug & Music (con radio, lettore MP3, presa Usb e Bluetooth). Sono in più disponibili anche due nuovi dispositivi multimediali, entrambi con inedito display touch da 8” ed interfaccia con una sezione “Veicolo” dedicata, che permette l’accesso alle informazioni sulla guida economica oppure al 4×4 Monitor (di cui parliamo diffusamente più sotto):

  • Media Display, che comprende 6 altoparlanti (di cui 2 boomer e 2 tweeter all’anteriore), radio digitale DAB, connettività Bluetooth, due prese USB e funzione Smartphone Replication cablata compatibile con Apple CarPlay ed Android Auto. Gli appositi comandi al volante permettono di attivare il riconoscimento vocale e, quindi, di dare comandi vocali all’assistente iOS o Google dello smartphone;
  • Media Nav, che aggiunge navigazione online e connettività WiFi per Apple CarPlay ed Android Auto.

Misure interne di abitabilità

  • Raggio alle ginocchia dei sedili posteriori: 170 mm;
  • Larghezza ai gomiti anteriore: 1.403 mm;
  • Larghezza ai gomiti posteriore: 1.416 mm;
  • Larghezza alle spalle anteriore: 1.383 mm;
  • Larghezza alle spalle posteriore: 1.379 mm;
  • Altezza anteriore a filo del padiglione: 900 mm;
  • Altezza posteriore a filo del padiglione: 892 mm;
  • Larghezza del vano di carico fra i passaruote: 977 mm;
  • Lunghezza del ripiano di carico con i sedili posteriori ripiegati: 1,79 m;
  • Volume del bagagliaio: 478 litri (versioni a due ruote motrici), 471 litri (versione dCi 115 a due ruote motrici) e 467 litri (versioni a quattro ruote motrici) nel normale assetto di marcia; fino a 1.623 litri (versioni a due ruote motrici) e 1.614 litri (versioni a quattro ruote motrici) con i sedili posteriori ripiegati.

Equipaggiamenti di sicurezza e ADAS

A bordo di Dacia Duster 2022, l’assortimento di sistemi di ausilio attivo alla guida è, in parallelo all’evoluzione tecnologica del modello e del marchio in se, ancora più “corposa”. Ne fanno parte, fra gli altri, il limitatore di velocità e l’Esc di ultima generazione, nonché (a richiesta ed a seconda degli allestimenti) il Cruise Control con comandi al volante. L’assortimento ADAS dispone, inoltre, di quanto segue.

  • Sensore di monitoraggio angoli ciechi, attivo fra 30 km/h e 140 km/h;
  • Assistenza alle manovre di parcheggio, con quattro radar ad ultrasuoni posteriori associabili ad una telecamera posteriore a seconda delle versioni;
  • Assistenza alle partenze in salita;
  • Controllo adattivo della discesa, per i modelli a quattro ruote motrici, che adatta la marcia del veicolo fra 5 e 30 km/h a seconda delle condizioni del tratto di strada da affrontare;
  • MultiView Camera, modulo che si compone di quattro telecamere (una frontale, due laterali ed una posteriore) per una visuale a 360 gradi dell’ambiente circostante.

Dotazioni specifiche per i modelli AWD

Se la configurazione a trazione anteriore viene provvista di serie di un set di pneumatici ottimizzati “CO2 Green” a più bassa (10%) resistenza al rotolamento, la versione a quattro ruote motrici porta in dote pneumatici conformi alla certificazione europea 3PMFS (Three-Peak Mountain Snowflake). Inoltre, a bordo della declinazione AWD con dispositivo infotainment Media Display o Media Nav c’è il sistema 4×4 Monitor, funzionale alla visualizzazione di molteplici informazioni sul display centrale relative alla guida offroad:

  • Inclinometro laterale;
  • Indicazione dell’angolo di beccheggio, per la valutazione della ripidità di salite e discese grazie ai dati che provengono dai dispositivi di assistenza alle partenze in salita e di controllo adattivo del veicolo in discesa;
  • Bussola, attiva anche a veicolo fermo;
  • Altimetro, con visualizzazione dell’altitudine nella prima parte dello schermo e indicazione del dislivello nella seconda parte;
  • Sintesi dei dati del percorso effettuato, che viene visualizzata nel display dopo una fase di guida in offroad o in montagna.

La gamma delle motorizzazioni

Sotto al cofano, la nuova edizione 2022 di Dacia Duster presenta una gamma di unità motrici rinnovate per abbinare la consueta versatilità ed economicità di impiego alle necessità di tenere sotto controllo le emissioni di CO2. Due i sistemi di trasmissione (due ruote motrici e 4×4), cambio manuale a sei rapporti e nuovo cambio automatico EDC doppia frizione a sei rapporti per la variante TCe 150. Di seguito i dettagli della gamma per l’Italia.

Benzina

  • TCe 90 a due ruote motrici, con cambio manuale a sei rapporti;
  • TCe 150 a due ruote motrici a due ruote motrici, con EDC.

Turbodiesel

  • dCi 115, a due oppure a quattro ruote motrici, con cambio manuale a sei rapporti.

Bifuel benzina-GPL

  • ECO-G 100 a due ruote motrici, con cambio manuale a sei rapporti. Per quest’ultima versione, si segnala una capacità aumentata (16,2 litri in più) nel serbatoio del GPL, che prende il posto della ruota di scorta. In questo modo, la capienza utile complessiva arriva a 100 litri (50 l benzina, 50 l GPL), per un’autonomia totale dichiarata di 1.235 km, ovvero oltre 250 km in più rispetto alla generazione che si prepara ad essere sostituita.
Dacia Duster 2022: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti