Nuova Fiat 500 elettrica: foto spia sulla neve

L’inedita citycar a zero emissioni è stata sorpresa mentre effettuava gli ultimi collaudi che anticipano il suo debutto ufficiale fissato a Ginevra.

Il Gruppo FCA continua i test di collaudo dedicati alla nuova Fiat 500e, ovvero l’inedita generazione della celebre citycar della Casa del Lingotto, forte di una tecnologica meccanica 100% elettrica. Dopo i primi test su strada effettuati sulle strade di Torino, la piccola cittadina a zero emissioni è “volata” in Svezia per affrontare difficili test su strade innevate, con l’obiettivo di mettere alla prova la sua meccanica anche durante l’uso in condizioni climatiche estreme.

Un prototipo della 500e completamente camuffato è stato infatti immortalato da una serie di immagini “spia” che ritraggono la vettura mentre effettua i collaudi in nord Europa. Nonostante il corpo vettura del veicolo sia coperto da una pesante mimetizzazione, è possibile apprezzare sotto di essa le forme morbide e arrotondate che richiamano la prima Fiat 500 del 1957.

L’obiettivo del costruttore è quello di realizzare con la nuova 500e una piccola vettura per l’uso urbano, caratterizzata da uno stile accattivante mescolato ad una buona abitabilità interna e a soluzioni tecnologiche d’avanguardia, dedicate alla sicurezza, all’intrattenimento e alla connettività.

La nuova Fiat 500e è stata sviluppata come una vettura elettrica fin dal principio, infatti risulta basata su una piattaforma totalmente inedita, realizzata appositamente per ospitare uno schema meccanico 100% elettrico. La 500 elettrica affiancherà in un primo momento l’attuale 500 proposta con motori endotermici e ora anche con motorizzazioni mild hybird, anche se nel prossimo futuro anche la nuova 500 verrà commercializzata con motori a benzina e diesel.

La nuova Fiat 500e sarà svelata ufficialmente il prossimo marzo sotto i riflettori del Salone di Ginevra 2020.

Fiat 500e: le foto spia del nuovo modello elettrico Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

“Il giorno de La Prima” con Olivier François

Altri contenuti

Reagire con più forza contro l’emergenza sanitaria; meno dividendo straordinario ai soci Fca, quota del 46% Faurecia a tutti gli azionisti Stellantis, studio di eventuali nuove distribuzioni; invariati tutti gli altri aspetti e la timeline di conclusione.