Opel Insignia: a Bruxelles il restyling della GSI

Nuovi elementi estetici e sistema d’infotainment al passo con i tempi mentre sotto il cofano pulsa il 2 litri turbodiesel da 230 CV.

La Opel Insignia si aggiorna con un restyling ricco di contenuti al Salone di Bruxelles contornata dalle altre novità del brand. Si tratta di una tappa obbligata per ogni modello che, dopo una prima fase di vita, va inevitabilmente evoluto. La vettura in questione però si presenta da subito anche nella variante sportiva GSI sia in configurazione berlina che wagon.

Estetica aggressiva e nuovo infotainment

Chiaramente, la sportività è sottolineata dal punto di vista estetico dai cerchi specifici da cui fanno capolino le pinze del sistema frenante griffato Brembo, e dai paraurti con ampie prese d’aria con quello posteriore in cui sono annegati gli scarichi. Nel quadro del rinnovamento invece s’inseriscono la nuova calandra e i fari Intellilux nel frontale, mentre nell’abitacolo spicca il nuovo infotainment Multimedia Nav Pro che offre tra i tanti servizi la navigazione predittiva, e sfoggia una grafica diversa. Novità anche sul fronte della strumentazione con tanto di head-up display, ed arriva anche la ricarica wireless per gli smartphone.

Motore 2 litri turbodiesel da 230 CV e trazione integrale

Con una famiglia di ADAS ampliata, l’Insignia GSI sfrutta anche le sospensioni Flexride per tenere a bada il potenziale del motore 2 litri turbodiesel capace di esprimere 230 CV trasferiti a terra tramite il lavoro del cambio automatico a 9 rapporti e della trazione integrale. In questo quadro non potevano mancare i sedili sportivi e avvolgenti che forniscono supporto nelle curve.

I Video di Motori.it

Opel Mokka 2021: le caratteristiche

Altri contenuti