Ferrari annuncia due nuovi modelli entro il 2019

Alla conference call sui risultati del secondo trimestre Maranello prepara due novità: la prima sarà svelata all’evento Universo Ferrari di settembre.

Segnali positivi per Ferrari in termini di consegne, di ricavi netti ed utili; e conferma degli obiettivi strategici per la seconda per dell’anno. Ecco, in estrema sintesi, il consuntivo del secondo trimestre 2019 per Maranello, comunicato in queste ore nella conference call di chiusura del periodo 1 aprile-30 giugno. In termini assoluti, l’ammontare delle consegne – guidato, in particolare, da Portofino ed 812 Superfast – è stato di 2.671 unità (+8%), i ricavi netti hanno fatto registrare un +8,6% (984 milioni di euro) o +6,8% al cambio costante, l’utile netto è di 184 milioni di euro (+14%) e l’utile netto adjusted (vale a dire al netto delle voci straordinarie) è cresciuto del 15%.

Semestre positivo e conferma degli obiettivi 2019

Complessivamente, le consegne Ferrari relative al primo semestre 2019 sono state 5.281, cifra che indica un consistente aumento rispetto al periodo 1 gennaio-30 giugno 2018; i ricavi netti nei primi sei mesi di quest’anno ammontano a 1,924 miliardi di euro, e l’utile netto è di 364 milioni di euro: valori che in termini percentuali si traducono in altrettanti aumenti (+11% e +18% rispettivamente). Per i prossimi mesi, le stime Ferrari indicano il raggiungimento di ricavi netti per oltre 3,5 miliardi di euro, un ebitda adjusted che ci si attende compreso fra 1,2 e 1,5 miliardi ed un ebit adjusted fra 850 e 900 milioni di euro.

Due novità entro fine anno

Al di là dei (positivi) risultati finanziari, l’attenzione dei vertici di Maranello si sposta sul versante produzione. La recentissima supercoupé ibrida SF90 Stradale da 1.000 CV svelata a fine maggio, fa parte del piano industriale annunciato nei mesi scorsi che si incentra su un rapido arricchimento di gamma. A questo proposito, Camilleri punta i riflettori sulle prossime settimane, e su due nuovi modelli: il primo dei quali verrà svelato in occasione dell’evento ‘Universo Ferrari’ che si svolgerà a settembre. Entro fine anno, se ne aggiungerà un secondo. C’è ovviamente estrema curiosità intorno alla doppia “big news”: staremo a vedere.

Ferrari spinge anche sulle personalizzazioni

La stessa SF90 Stradale potrà, insieme a Ferrari Monza SP1 ed SP2, contribuire fattivamente all’aumento dei margini, che il management di Maranello stima “In crescita nel 2020”. In questo senso, il programma Icona sarà anch’esso funzionale al rafforzamento dei margini: significativo l’annuncio di un altro modello, dopo la “specialissima” Ferrari Monza. Come dire: gli argomenti per parlare diffusamente delle prossime novità Ferrari non mancano.

Universo Ferrari: il nuovo evento di settembre

La prima delle novità annunciate da Louis Camilleri fa riferimento ad “Universo Ferrari”: come la denominazione stessa suggerisce, si tratta di una iniziativa aperta a tutti gli appassionati del mondo di Maranello, attraverso la quale – anticipano i vertici del “Cavallino” – chiunque avrà la possibilità di “Vedere e toccare con mano ciò che si riassume nell’immagine Ferrari”, ha dichiarato nelle scorse ore Enrico Galliera, direttore commerciale e Marketing per Ferrari. Le date di svolgimento di “Universo Ferrari” saranno due: i fine settimana del 21 e 22 settembre, e quello successivo del 28 e 29 settembre.

Una delle attrazioni principali consisterà nel “vernissage” relativo al primo dei due nuovi modelli che il numero uno di Ferrari, Louis Camilleri, ha comunicato in queste ore. In più, l’iniziativa (il biglietto di ingresso è fissato il 30 euro) offrirà agli enthusiast la visita al Museo Ferrari che sarà possibile effettuare entro fine anno, nonché una serie di proposte solitamente riservate ai clienti Ferrari: l’accesso alla pista di Fiorano, l’esposizione della nuova supercar ibrida SF90 Stradale, e l’esposizione in esclusiva dell’intera lineup Ferrari di attuale produzione.

Ferrari 812 GTS: le immagini Vedi tutte le immagini
Altri contenuti