Nissan Pulsar: a partire da 17.900 euro

La Nissan Pulsar si appresta a dare battaglia in un segmento dove la concorrenza è molto agguerrita. Nel nostro paese sarà disponibile in Autunno.

Nissan Pulsar: a partire da 17.900 euro

Tutto su: Nissan Pulsar

di Valerio Verdone

04 agosto 2014

La Nissan Pulsar si appresta a dare battaglia in un segmento dove la concorrenza è molto agguerrita. Nel nostro paese sarà disponibile in Autunno.

La Nissan torna a sfidare la Golf e le altre concorrenti europee ed orientali nel segmento delle compatte con la nuova Pulsar, una vettura studiata nei minimi particolari sia nel design che nei contenuti. La nuova nata arriverà nelle concessionarie in autunno e sarà in vendita a partire da 17.900 euro.

Design: stile di famiglia

Inutile negarlo, nel frontale è evidente l’influenza stilistica delle varie Qasqhai, X-Trail e Note di ultima generazione. Una parentela che s’intuisce dal taglio dei gruppi ottici, dalla calandra dalla forma a V, e dalle forme scolpite del corpo vettura. L’altezza da terra è quella di una berlina, ma l’aspetto strizza l’occhio ai crossover che tanto successo hanno arriso alla Casa giapponese.

Interno: tanto spazio anche sul divano posteriore

Lunga 4.385 mm, e con un passo di 2.700 mm, la Nissan Pulsar offre un abitacolo accogliente per i suoi occupanti: con ben 692 mm di spazio per le gambe dei passeggeri posteriori. Una scelta precisa, che riversa anche nel segmento delle compatte le qualità delle vetture tuttospazio della Casa giapponese.

Tanta tecnologia a bordo

Anche la Pulsar, come i modelli più recenti di Casa Nissan, presenta una ricca dotazione di tecnologie accessibili e realmente utili, pensate per aumentare la sicurezza e il comfort a bordo. Si tratta, per l’ennesima volta, di contenuti inediti per il settore, solitamente appannaggio di auto di lusso o di classe superiore. Grazie al Nissan Safety Shield, la compatta giapponese offre un vero e proprio “scudo di sicurezza” che ottimizza la protezione degli occupanti e degli utenti della strada. Infatti, questa sigla comprende vari sistemi quali la frenata di emergenza, l’assistenza nelle manovre di parcheggio con la rilevazione di oggetti in movimento (Moving Object Detection), il segnale di superamento involontario dei limiti di corsia (Lane Departure Warning) e il rilevamento dei veicoli negli angoli ciechi (Blind Spot Warning). L’aspetto interessante, è che pur essendo tecnologie molto sofisticate, risultano di facile utilizzo, ed aiutano il guidatore a sfruttare le potenzialità del veicolo in tutta sicurezza. Inoltre, la Pulsar monta anche il sistema di infotainment NissanConnect di seconda generazione, con una serie di funzionalità innovative come la piena integrazione con gli smartphone, Google® Send-to-Car e l’accesso a numerosissime app utili e informative. Infine, i fari a LED, introdotti per la prima volta nella gamma Nissan a bordo di Qashqai e X-Trail, producono una luce nitida e bianca, consumando il 50% di energia in meno rispetto alle lampadine tradizionali.

Motori: tutti sovralimentati

Le unità presenti sotto il cofano della Pulsar sono tutte turbocompresse per realizzare un connubio ideale tra performance ed efficienza. Il propulsore benzina DIG-T da 1,2 litri sviluppa 115 CV di potenza, mentre il dCi 1.5 eroga 110 CV e 260 Nm di coppia. Inoltre, all’inizio del 2015, la gamma sarà completata dall’arrivo di un motore turbo benzina da 1,6 litri e 190 CV, ancora più potente. Oltre alla trasmissione manuale, la compatta di Casa Nissan è proposta con la trasmissione automatica XTronic che privilegia un’erogazione omogenea ai bassi regimi.

A partire da 17.900 euro

Come altri modelli Nissan, la Pulsar presenta una gamma articolata in 3 allestimenti: Visia, Acenta e Tekna. I prezzi partono dai 17.900 euro della  1.2 DIG-T da 115 CV Visia, fino ad arrivare ai 24.350 euro della dCi 110 CV Tekna. La variante a nostro avviso più equilibrata, e presumibilmente la più richiesta, ovvero la dCi 110 CV Acenta, ha un listino di 22.000 euro.