In Inghilterra nasce il motore ibrido ad aria compressa

Un motore che sfrutta l'aria compressa accumulata in fase di decelerazione. Una idea nata alla britannica Brunel University

Lo sviluppo di propulsori ibridi ha come obiettivo l'incremento dell'efficienza dei motori a combustione interna, particolarmente sofferenti nelle condizioni di marcia a singhiozzo tipiche delle grandi città.

Quasi tutte le soluzioni proposte fino ad oggi utilizzano un motore elettrico che assiste il propulsore a benzina (a volte anche diesel, come ha fatto Peugeot e più recentemente Iveco nei mezzi commerciali) nelle fasi di minore efficienza e un sistema che recupera l'energia durante le fasi di frenata. L'integrazione del motore elettrico e delle batterie ha però notevoli svantaggi, perchè è necessario riprogettare il gruppo di trasmissione con costi che si ripercuotono sul prezzo finale del veicolo, oltre a comportare un aumento significativo del peso.

In Inghilterra, presso l'Università di Brunel, un gruppo di ricercatori ha proposto una soluzione inedita per il recupero dell'energia durante le frenate, usando il motore nelle fasi di rallentamento per comprimere aria, stipandola in apposite bombole. L'energia così accumulata potrebbe poi essere riutilizzata, con un vantaggio in termini di consumi ed emissioni. A questo nuov omotore è stato dato il nome di "Air-Hybrid engine".

Energia dal "freno motore"

Fondamentalmente la proposta inglese è quella di recuperare l'energia persa dal veicolo quando rallenta per effetto del "freno motore", ovvero quando il guidatore rilascia completamente l'acceleratore e lascia che l'auto rallenti con una marcia inserita. In queste condizioni interviene il cosiddetto "cut-off": la centralina comanda di interrompere l'iniezione di carburante nel motore, che pompa esclusivamente aria perché trascinato dal veicolo. L'energia necessaria al pompaggio dell'aria viene sottratta al veicolo, che rallenta.

L'idea del team guidato dal professore Hua Zhao è quella accumulare in una bombola l'aria pompata dal motore, in questo modo l'energia sottratta al veicolo non viene persa e può essere recuperata quando necessario. L'aria compressa potrebbe essere usata in due modi: il primo è l'immissione di aria compressa nel motore.

Presumibilmente ciò avverrebbe se il guidatore richiedesse un poco di potenza al motore durante la fase di trascinamento, estendendo la zona di cut-off anche alle leggere pressioni dell'acceleratore; il secondo metodo, probabilmente più semplice da gestire, è nell'utilizzo dell'aria compressa per attivare la girante del turbocompressore ai bassi regimi, in modo da ottenere una risposta più pronta. 

Vedi anche

Mercedes: con C.A.S.E. l’auto è sempre più connessa

Mercedes: con C.A.S.E. l’auto è sempre più connessa

Le funzionalità "always on": Mercedes punta al futuro della mobilità con il digital brand Mercedes me, pioniere dell’Industry 4.0.

Nissan, protagonista al CeBIT con le tecnologie per la guida autonoma

Nissan, protagonista al CeBIT con le tecnologie per la guida autonoma

La Casa giapponese si presenta alla più grande fiera digitale del Vecchio Continente con le ultime novità dedicate alla guida autonoma.

Garmin Dash Cam 45 E 55, tecnologia al servizio della sicurezza

Garmin Dash Cam 45 E 55, tecnologia al servizio della sicurezza

Le nuove Garmin Dash Cam 45 E 55 vantano nuovi sistemi di allerta del conducente e una registrazione continua di quello che succede intorno l’auto.