L'ubriaco al volante che non fa danni non è punibile

La sentenza della Corte di Cassazione spiega il perchè

Con la sentenza 23216, la Corte di Cassazione stabilisce che chi si mette alla guida in stato di ebrezza con un tasso alcolico che supera di poco il minimo consentito e i comportamenti assunti dal guidatore non provocano danni, non è punibile. 

La sentenza, quindi, rimanda direttamente alla norma sulla tenuità del fatto che è stat introdotta con il Dlgs 28/2015.

 

Nel verdetto depositato, la Cassazione spiega come la condotta dell’imputato non poteva essere considerata sconsiderata e che il grado etilico non può essere considerato decisivo in questi casi perché “se è vero che la presenza di un grado etilico superiore a quello minimo può deporre in astratto per un fatto non particolarmente tenue ciò non vale in assoluto e in concreto”. Il dovere del giudice è infatti quello di considerare il fatto complessivamente e la “gravità dell’offesa del bene giuridico protetto”.

Se vuoi aggiornamenti su L'UBRIACO AL VOLANTE CHE NON FA DANNI NON È PUNIBILE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 06 giugno 2016

Vedi anche

Dakar, 2017: Fiat Panda 4x4 Cross giunge al traguardo

Dakar, 2017: Fiat Panda 4x4 Cross giunge al traguardo

Si tratta della prima auto italiana a completare tutte le tappe

Automotive: come proteggere un’invenzione con i brevetti

Automotive: come proteggere un’invenzione con i brevetti

Una mini-guida per orientare nel modo più chiaro e semplice possibile chi ha intenzione di brevettare la propria invenzione.

Rosberg a Monaco se ne va in Ferrari

Rosberg a Monaco se ne va in Ferrari

Il campione del mondo di Formula 1 adora le auto della ex 'concorrenza'. Eccolo alle prese con un esemplare de LaFerrari