Parabrezza rotto? Perché ripararlo subito

Una piccola scheggiatura del parabrezza può mettere a repentaglio la sicurezza di conducente e passeggeri: alcuni consigli per la riparazione.

Parabrezza rotto? Perché ripararlo subito

di Stefano Panzeri

02 settembre 2014

Una piccola scheggiatura del parabrezza può mettere a repentaglio la sicurezza di conducente e passeggeri: alcuni consigli per la riparazione.

Parabrezza: l’importanza della riparazione

A seguito di collisioni con sassi e pietrisco presenti sulla strada capita sovente che il parabrezza dell’auto possa scheggiarsi.

Questi danni non devono essere sottovalutati: oltre a limitare la visibilità, possono creare infiltrazioni, appannamenti anomali e, nel peggiore dei casi, trasformarsi in crepe rendendo necessaria la sostituzione del vetro.

In questi casi è consigliabile correre al più presto ai ripari, come consiglia l’Apva (Associazione professionisti vetri auto), anche quando il vetro è risulta compromesso in piccole porzioni equivalente ad una moneta da un euro.

Oltre a rischiare in una multa che va da 78 euro a 311 euro, in base all’articolo 79 del Cds (Efficienza dei veicoli a motore), potreste incassare una bocciatura nel corso della revisione biennale prevista dal Codice della Strada a causa della possibile limitazione della visuale del guidatore.

Cristallo integro per una sicurezza “doc”

In caso di danneggiamento la riparazione del cristallo è quasi sempre possibile ed evita che nel tempo si possano formare ulteriori incrinature che potrebbero rendere pericolosa anche la guida.

Il parabrezza fornisce infatti fino al 30% della resistenza strutturale della vettura senza contare che ormai funge da supporto all’apertura degli [glossario:airbag] anteriori. Un motivo in più per affidare la sostituzione o la riparazione del parabrezza a professionisti che possano utilizzare materiali certificati e di qualità.

Per ottenere un risultato eccellente bisogna effettuare l’intervento in maniera tempestiva per evitare che polvere e smog possano annidarsi nella crepa creando una barriera alla resina riempitiva evidenziando l’eventuale riparazione.

Costi di riparazione e assicurazione cristalli

Riparare un parabrezza può avere un costo che varia da 50 euro a 70 euro, mentre sostituirlo richiede un esborso che cambia in base al modello considerato.

Per una Panda, ad esempio, si possono spendere 400 euro circa (200 per le versioni costruite prima del 2002), mentre una Golf richiede una spesa di circa 100 euro in più.

Ricordiamo inoltre che l’automobilista, nel caso fosse munito di una copertura assicurativa sui cristalli, ha la facoltà di scegliere tra un centro convenzionato o un’altra officina di fiducia. Nel primo caso il saldo dell’intervento, al netto della franchigia se prevista, viene effettuato direttamente dalla compagnia. Nel secondo l’utente deve provvedere al pagamento dell’officina e chiedere il rimborso all’assicurazione in un secondo momento.

Può capitare che alcune polizze prevedono delle penali per chi non si rivolge ai “convenzionati”, anche se è piuttosto diffuso da parte degli altri operatori concedere uno sconto di pari importo a quello della penale.