Via il bollo auto nel Lazio. Ma forse è solo una promessa… politica

A poche settimane dalle elezioni regionali, una parte del Pdl del Lazio propone di abbassare, e poi eliminare, la tassa automobilistica

Via il bollo auto nel Lazio. Ma forse è solo una promessa... politica

di Francesco Giorgi

10 febbraio 2010

A poche settimane dalle elezioni regionali, una parte del Pdl del Lazio propone di abbassare, e poi eliminare, la tassa automobilistica

Via il bollo dalle auto. O almeno, che l’importo della tassa di circolazione venga diminuito. Promessa elettorale o reale volontà di venire incontro alle tasche dei contribuenti? Ancora: se i cittadini si vedranno diminuito l’importo da pagare per il bollo auto, le risorse equivalenti dove saranno pescate?

A queste domande, c’è da giurarci, si risponderà in un secondo tempo. Per il momento, questa sembra essere una delle idee di rilancio per Forza Italia nel Lazio. A poche settimane dalle elezioni regionali, alcuni rappresentanti della lista del Popolo delle Libertà avrebbero anticipato questa possibilità: ridurre, subito, e se necessario abolire, in un secondo tempo, il bollo auto per i residenti.

Una novità che potrebbe essere ghiotta, ma novità non è. L’abolizione della tassa di circolazione per autoveicoli e motocicli era già stata proposta da Silvio Berlusconi due anni fa esatti. In quell’occasione, l’ipotesi era stata formulata come “progressiva”; si sarebbe dovuto iniziare con una diminuzione del bollo, solo dopo avere rimesso in moto un rilancio economico e risistemato i Bilanci statali.[!BANNER]

Viene da pensare che la proposta di abolizione o diminuzione (non si sa ancora, si vedrà) del bollo sia una proposta politica. Gli automobilisti sarebbero contenti, ma resta da vedere se sarà attuata.

All’ipotesi di provvedimento, infatti, manca il via libera da una parte degli stessi rappresentanti del Popolo delle Libertà: il sindaco della Capitale, Gianni Alemanno, sembra contrario a questa possibilità.