Saab non paga gli stipendi: produzione ferma

In attesa del via libera all'accordo con i partner cinesi, Saab non paga gli stipendi al personale e ferma la produzione.

Nuova Saab 9-4X

Altre foto »

La Saab lancia l'SOS: se non arriveranno al più presto i soldi delle società cinesi con le quali l'azienda ha sottoscritto un accordo, i dipendenti non riceveranno lo stipendio di giugno. Intanto, per cautelarsi, ha sospeso la produzione fino al 4 luglio in attesa di nuova liquidità.

L'attesa è dovuta al fatto che le autorità di Pechino devono dare il "via libera" all'accordo tra la Swedish Automobile (ex Spyker e attuale proprietaria di Saab) e due aziende cinesi: la Pang Da e la Zhejiang Youngman Lotus, rispettivamente distributore e costruttore di auto in Cina.

L'operazione prevede l'afflusso di 245 milioni di Euro nelle casse dell'azienda, mentre altri 400 milioni sono stati messi a disposizione con un prestito della Banca europea per gli investimenti, che serviranno a riprendere la produzione e a far ripartire le catene di  montaggio in modo da evadere al più presto i circa 9.000 ordinativi che giacciono sulle scrivanie del management. Nell'attesa che tutti questi soldi prendano effettivamente la strada di Saab, i dipendenti sono obbligati ad una vacanza forzata.

Se vuoi aggiornamenti su SAAB inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 23 giugno 2011

Altro su Saab

Saab: stop definitivo al marchio svedese
Attualità

Saab: stop definitivo al marchio svedese

Il consorzio NEVS non è riuscito ad acquisire i diritti sul brand: nel 2017 la produzione di auto elettriche inizierà con un nuovo marchio.

Saab potrebbe produrre auto elettriche in Cina
Ecologiche

Saab potrebbe produrre auto elettriche in Cina

Il ritorno di Saab potrebbe passare per l'auto elettrica. NEVS, la società che controlla la casa svedese, aprirà infatti un nuovo impianto in Cina.

Saab 9-3 Aero 2014: in Svezia da 31.510 euro
Anteprime

Saab 9-3 Aero 2014: in Svezia da 31.510 euro

La Saab 9-3 della rinascita sarà in vendita dal 10 dicembre.