L'auto Geely me la compro on line

La casa automobilistica Geely ha reso nota l'intenzione di iniziare la vendita on line delle proprie auto

Un'auto cinese che si rispetti non può non essere venduta on line. Li Shifu, deus ex machina della Geely e noto in Oriente per esser stato il fondatore e il presidente del più importante gruppo automobilistico del paese, ha reso noto l'intenzione di vendere automobili on line, quasi fossero camice o capi d'abbigliamento da esportare.

La Geely, comunque, vuole iniziare la vendita di veicoli disegnati e progettati per il sito alibaba.com, nome dal sapore arabeggiante ma orientale fin nel midollo visto che si tratta del principale mercato cinese online.

Ma non è tutto: per l'occasione, Geely ha detto di voler produrre una edizione speciale della Geely Panda, auto che nel nome si ispira alla piccola di casa Fiat mentre nelle fattezze richiama il terzetto Toyota Aygo, Peugeot 107 e Citroen C1.

L'obiettivo dichiarato è di aprire molto presto (si parla di inizio 2011) la prima vera concessionaria on line di automobili per sfruttare la corsa agli acquisti da parte degli automobilisti cinesi e per entrare nella rete delle 400 milioni di persone che all'ombra della Grande Muraglia utilizzano internet e che, tra l'altro, hanno fatto impennre il numero delle transazioni effettuate on line.

Se vuoi aggiornamenti su L'AUTO GEELY ME LA COMPRO ON LINE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 13 settembre 2010

Vedi anche

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…

Auto e moto: cos

Auto e moto: cos'è il "foglio unico" di circolazione?

Addio carta di circolazione e certificato di proprietà: i dati potrebbero essere accorpati in un unico documento.