Bertone: Fiat interessata all'acquisto

Il Lingotto potrebbe essere il futuro proprietario della storica Carrozzeria torinese. Termine per le offerte il 16 Luglio

Spunta la Fiat all'orizzonte della Bertone. Una "voce" vicina ad entrambe le aziende ha rivelato, oggi, che il Lingotto ha intenzione di avanzare una offerta per l'acquisizione della storica Carrozzeria torinese, che dunque preme perché la Bertone resti nell'orbita della Fiat.

Le modalità di questa offerta sono ancora da chiarire; ma è positivo che, se gli accordi andranno a buon fine, per la Carrozzeria Bertone si aprirebbe un importante spiraglio dopo una lunga vicenda di possibili passaggi di proprietà a seguito delle difficoltà nelle quali la Carrozzeria si è trovata negli ultimi anni, e che avevano portato a una ridda di possibili nuove proprietà da far girare la testa.

Le offerte erano state presentate - per il solo marchio - a Lilli Bertone, vedova di Nuccio (fondatore della Carrozzeria), dal finanziere torinese Domenico Reviglio per il Marchio e per il complesso industriale, dall'ex manager della Telecom e della Zanussi Giandomenico Rossignolo e da due gruppi esteri, uno cinese e l'altro spagnolo.

I "si dice", comunque, non si esauriscono di certo qui. La vendita della Carrozzeria Bertone è ancora in atto, c'è un'asta che scadrà il 30 Luglio e un termine per le offerte fissato al 16 Luglio. La volontà espressa chiaramente dai rappresentanti sindacali già alla fine di Giugno, in merito alla possibile acquisizione della Bertone da parte di Rossignolo, era di dare priorità al futuro occupazionale per i dipendenti dell'azienda torinese, risultato che - aveva evidenziato Claudio Chiarle, Segretario della FIM-CISL di Torino - è ottenibile "Soltanto con un piano industriale serio, di lunga prospettiva, la cui base dev'essere un prodotto credibile e un mercato nel quale venderlo".

Un "prodotto credibile" che potrebbe essere la Mantide, la one-off disegnata da Jason Castriota e presentata al Salone di Shangai e al Concorso Villa D'Este? Oppure un piano industriale che prenda spunto dall'offerta di Reviglio e della sua Keplero, che a fine Aprile proponeva un impiego iniziale di 200 lavoratori e, dopo un triennio di rodaggio, 250 ulteriori assunzioni e una produzione "a tutto tondo" di veicoli commerciali leggeri, a due e quattro ruote motrici, con alimentazione GPL, a metano ed elettrica, quadricicli e citycar a propulsione elettrica?

Non resta che stare a guardare che succede, supponendo una cosa: se la Fiat l'avrà vinta, è probabile che i progetti industriali di Reviglio potranno essere presi in considerazione anche dal Lingotto.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 14 luglio 2009

Altro su FIAT

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo
Mercato

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Stop alla produzione di Fiat Viaggio e Ottimo, modelli di segmento C su pianale Giulietta nati dalla joint venture Fca–Gac: si punta tutto su Jeep?

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario
Ecologiche

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario

Una Fiat Panda Natural Power è pronta a effettuare un lungo test che prevede di coprire 80mila km alimentata con biometano prodotto da acque fognarie.

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni
Ultimi arrivi

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni

La Casa del Lingotto celebra i sessant’anni della fiat 500 con numerose iniziative e una serie speciale protagonista a Ginevra.