Roma: occhio alle catene da neve abusive

A Roma nevica ma gli automobilisti non riescono a trovare le catene da neve regolari: le uniche reperibili ora sono quelle di rivenditori abusivi.

Roma: occhio alle catene da neve abusive

di Andrea Barbieri Carones

12 febbraio 2012

A Roma nevica ma gli automobilisti non riescono a trovare le catene da neve regolari: le uniche reperibili ora sono quelle di rivenditori abusivi.

A Roma nevica, il sindaco Alemanno ha imposto l’obbligo di catene a bordo delle auto in caso di neve ma…le catene non si trovano. Anzi: in realtà sono spuntati diversi venditori abusivi che – per la strada – cercano di rifilare agli automobilisti questi accessori che in questo momento sono preziosissimi ma che spesso non rispondono ai requisiti di legge e, pertanto, possono essere un’arma a doppio taglio per chi le compra e le monta.

Questi venditori stanno ovviando alla carenza di catene che sta colpendo la città del Campidoglio in questi freddi e “bianchi” momenti di febbraio. L’appuntamento con gli ambulanti, spesso, è nei dintorni di Porta Portese, la zona di Roma dove storicamente si vendono accessori e ricambi per auto e moto. Il problema, però, è che nei negozi non si trovano gli accessori antineve perché sono finiti e o, in alcuni casi, mettono in commercio anch’essi catene non regolari, vecchie magari di diversi anni.

Alcuni rivenditori spiegano che anche le aziende che producono catene da neve sono state prese in contropiede dalla forte richiesta causata dalle nevicate improvvise che hanno colpito quasi tutta l’Italia dalle Alpi in giù.

Per essere in regola con la normativa europea, le catene devono avere 2 marchi con le scritte “Cuna” e “Onormi” ed essere spesse meno di nove millimetri. Se le misure sono superiori, il rischio è che tocchino la carrozzeria del veicolo. Proprio come quelle che diversi camion partiti da Napoli hanno portato a Roma in queste ore di neve.