Targhino fuorilegge per ciclomotori e microcar

Tempo fino al 12 febbraio per sostituire il "targhino" con la targa fissa su ciclomotori e micro vetture. Per chi sgarra multe fino a 1.599 euro.

Il "targhino" va in pensione. Si avvicina una data importante per tutti i proprietari di ciclomotori e microcar immatricolati prima del 14 luglio 2006 che non hanno ancora montato la targa fissa e ritirato il certificato di circolazione.

Per regolarizzare la propria posizione secondo le nuove norme imposte dal Codice della Strada basterà andare in Motorizzazione o nelle agenzie di pratiche auto abilitate.

Dal 13 febbraio i ciclomotori e microcar sorpresi in strada sprovvisti di targa fissa e certificato di circolazione rischiano una multa da 389 a 1.599 euro. Per essere sicuri di essere in regola basterà contare il numero di caratteri e vedere la  forma della targa: il vecchio "targhino" ha cinque caratteri alfanumerici e forme irregolari mentre la targa a norma di legge ha sei caratteri ed è quadrata.

Dal punto di vista assicurativo l'Isvap ha sottolineato alle assicurazioni come i ciclomotori non in regola entro il 12 febbraio dovranno essere comunque assicurati facendo riferimento al numero di telaio.

Se vuoi aggiornamenti su TARGHINO FUORILEGGE PER CICLOMOTORI E MICROCAR inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Simonluca Pini | 01 febbraio 2012

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.