Nuova Jeep Renegade MY 2019: ancora più efficiente

Tra le novità più importanti del rinnovato Renegade troviamo l’inedita gamma di motori a benzina turbo sviluppata per garantire la massima efficienza. Ora ha raggiunto una maturità che gli consentirà di consolidare il suo successo. Straordinarie le doti in off road.

Lanciata sul mercato nel 2014, la Jeep Renegade ha rivoluzionato il segmento dei B-SUV grazie alla sua forte personalità e alle caratteristiche da vera off-road compatta. A questo si aggiunge una elevata versatilità, efficienti propulsori ed una ricca dotazione tecnologica. Ora la Renegade si aggiorna con un restyling che affina l’estetica della vettura e arricchisce il modello con nuovi motori, più scattanti ed efficienti, a cui si aggiunge una dotazione tecnologica di primo livello.

Dal punto di vista estetico, la rinnovata Renegade porta in dote interessanti novità: la zona frontale sfoggia dei nuovi proiettori circolari Full-LED separati dalla tipica mascherina con sette feritoie che richiamano l’iconico spirito Jeep, mentre i passaruota trapezoidali offrono un ulteriore tocco di solidità alla vista d’insieme. Le novità estetiche riguardano anche la zona posteriore, dove troviamo gruppi ottici a LED di nuova concezione (a richiesta su Limited e Trailhawk) che si distinguono per l’originale design a “X”. Aumentato anche il livello di personalizzazione della vettura che permette di scegliere tra sette differenti tipi di cerchi in lega, proposti nelle dimensioni da 16, 17, 18 e 19 pollici, con questi ultimi che risultano una novità assoluta.

All’interno dell’abitacolo spicca il display dell’Infotainment Uconnect, disponile nelle dimensioni da 5,7 e 8,4 pollici, a seconda della versione scelta. L’impianto multimediale permette di gestire le funzioni della navigazione satellitare e della connettività per smartphone, grazie alla compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto. La nuova Renegade si fa apprezzare anche per l’elevato livello di sicurezza offerto, grazie alla presenza di sofisticati dispositivi dedicati all’assistenza alla guida. Di serie vengono offerti il Lane Sense Departure Warning-Plus che avvisa quando si abbandona inavvertitamente la propria corsia, e l’Intelligent Speed Assist dotato con Traffic sign recognition (riconoscimento ed adeguamento ai limiti di  velocità). Come optional a pagamento troviamo invece il Forward Collision Warning-Plus con Active Emergency Braking (frenata d’emergenza), a cui si aggiungono il Cruise Control adattivo, il Blind-Spot Monitoring per controllare l’angolo cieco e il Rear Cross Path detection che aiuta a monitorare il perimetro della vettura durante le manovre di retromarcia.

Le novità più interessanti della nuova Jeep Renegade sono però meccaniche e riguardano principalmente l’introduzione di nuovi propulsori. Le nuove unità sono rappresentate dai benzina a tre e a quattro cilindri: all’ingresso della gamma si posiziona il propulsore da 3 cilindri 1.0 litro, capace di sviluppare una potenza di 120 CV e una coppia massima di 190 Nm, scaricati sulla trazione anteriore tramite l’uso di un cambio manuale a sei marce. Salendo di livello troviamo il nuovo motore quattro cilindri 1.3 litri, declinato negli step di potenza da 150 e 180 CV, entrambi forti di una coppia pari a 270 Nm. L’unità da 150 CV viene equipaggiata con il cambio a doppia frizione DDCT e trazione anteriore, mentre quella da 180 CV vanta la trazione integrale. I nuovi propulsori a benzina dovrebbero consentire un risparmio di carburante nell’ordine del 20% rispetto ai motori che vanno a sostituire. Oltre ai motori a benzina, la Renegade risulta disponibile anche con i noti turbodiesel Multijet II: si parte dal 1.6 litri con 120 CV e si arriva al poderoso 2.0 litri disponibile nei livelli di potenza da 140 e 170 CV.

Nonostante sia un SUV e non un fuoristrada “duro e puro”, la Renegade vanta buone doti off-road offerte dalla trazione integrale con dispositivo di disconnessione dell’asse posteriore e controllo della trazione Selec-Terrain (settabile con le modalità: Auto, Snow, Sand e Mud), senza dimenticare la presenza dei dispositivi Hill Start Assist e Hill Descent Control. In tal senso, l’esperienza fatta ieri a Balocco ci ha consentito di guidare anche l’avventurosa versione Trailhawk; il suo aspetto parla chiaro, ma le caratteristiche sono quelle che più contano.  E’ alta da terra 21 cm ed è equipaggiata con il più potente dei propulsori, ovvero con il turbodiesel Multijet da 170 CV, in armonia con il cambio automatico ZF a nove marce con convertitore di coppia. Nel duro tracciato off road di Balocco, con terra, fango, fondo sconnesso, guadi di 35 cm e pendenze anche del 57%, la Renegade ha dimostrato di trovarsi nel suo habitat naturale, affrontando tutto con la modalità 4×4 Low del Selec-Terrain inserita.

Nuova Jeep Renegade MY 2019 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Jeep Compass Trailhawk: la prova su strada

Altri contenuti