Kia Stinger: la Gran Turismo coreana alla conquista dell’Europa

La nuova Stinger punta ad evolvere il segmento delle Gran Turismo con un design fuori dagli schemi e con due potenti motorizzazioni diesel e benzina.

La Kia Stinger entra di prepotenza sul mercato italiano presentandosi come un’originale Gran Turismo con forme da coupé-quattro porte. La Stinger è una berlina dal carattere sportivo, farcita di tecnologia e di finiture di livello premium, che punta a soddisfare differenti esigenze della clientela. Realizzata nel quartier generale europeo di Francoforte e sviluppata nel “tecnical center” Kia al circuito del Nurburgring, la Stinger – nome che significa pungiglione – ha l’intenzione di insidiare la concorrenza più agguerrita con una formula tecnica e stilistica che si discosta dalle tradizionali, e a volte un po’ noiose, berline sportive del Vecchio Continente.

La zona anteriore della vettura si caratterizza per la mascherina a “naso di Tigre” che separa gli avvolgenti proiettori a LED (dotati dei sistemi autodirezionale Dynamic Bending Light e autolivellante High Beam Assistant), mentre più in basso spicca l’aggressivo fascione paraurti dotato di una presa d’aria centrale e due feritoie verticali posizionate lateralmente. L’aspetto grintoso della vista laterale viene esaltato dai cerchi in lega e dalle fiancate slanciate, mentre la coda sfoggia un lunotto estremamente inclinato che si prolunga fino ai fari, con questi ultimi che si sviluppano in senso orizzontale e risultano uniti in un unico elemento da una lunga fascia.

Dal punto di vista delle dimensioni, la Stinger si presenta come una quattro porte generosa: la lunghezza risulta pari a 4.830 millimetri, la larghezza 1.870 mm, l’altezza 1.400, mentre il passo raggiunge quota 2.905 metri.  Le abbondanti dimensioni vengono però dissimulate dall’aspetto slanciato dell’auto, inoltre non creano particolari problemi né durante la marcia e né in occasione delle operazioni di parcheggio grazie alla presenza dei sistemi alla guida che facilitano la vita dell’automobilista.

L’abitacolo e in particolare la postazione di guida risultano studiati per gestire al meglio la vettura alle alte velocità e nello stesso tempo per offrire una rapida e ottimale fruibilità dei comandi. Il tunnel centrale risulta molto alto e avvolge guidatore e passeggero, mentre la console minimale ospita i comandi della climatizzazione e lo schermo “sospeso” dell’impianto dell’infotainment che mette a disposizione le informazioni  relative al sistema audio, alla navigazione GPS e alla connettività per smartphone. Dietro lo sterzo multimediale a tre razze e con fondo piatto troviamo la strumentazione composta da due strumenti circolari di tipo analogico separati da un ampio display TFT.

Dal punto di vista meccanico, la Stinger viene proposta con due motorizzazioni: un 2.2 litri turbo diesel da 200 CV e un 3.3 litri turbo benzina da 370 CV. La trazione può essere posteriore o integrale, mentre entrambe le unità risultano gestite da un cambio automatico a 8 rapporti. Secondo le prestazioni dichiarate dal costruttore, la versione diesel scatta da 0 a 100 km/h in 7,6 secondi e raggiunge i 225 km/h di velocità massima, mentre il consumo medio è di 5,6 litri/100 km (6,4 litri/100 km per la 4×4). La variante turbo benzina va invece da 0 a 100 km/h in appena 4,9 secondi e tocca una velocità di punta di 270 km/h (consumo medio 10,6 litri/100 km).

La Kia Stinger viene proposta ad un prezzo di partenza pari a 47.500 euro per la versione GT Line Diesel e da 55.000 euro per la variante  a benzina GT.

Kia Stinger: nuove foto ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti