Opel Insignia Country Tourer, prezzi da 39.550 euro

Una ampia dotazione specifica per il turismo su asfalto e su percorsi fuoristrada non impegnativi sottolinea l’immagine di Opel Insignia Country Tourer, disponibile in prevendita a partire da 39.500 euro. Anteprima al Salone di Francoforte e ingresso nelle concessionarie a ottobre.

Dopo le prime anticipazioni dello scorso aprile, Opel comunica in queste ore il via ufficiale alla fase di prevendita per la nuova Insignia Country Tourer, inedita edizione di Sports Tourer allestita con una serie di equipaggiamenti rivolti al fuoristrada leggero.

La nuova Opel Insignia Country Tourer viene proposta con prezzi a partire da 39.550 euro. L’anteprima al grande pubblico è fissata per la prossima edizione del Salone di Francoforte (14–24 settembre); immediatamente dopo la rassegna, la vettura farà il proprio ingresso in concessionaria.

La nuova Opel Insiglia Country Tourer, derivata dalla declinazione station wagon Insignia Sports Tourer, rappresenta un interessante abbinamento tra la “familiare” e il crossover: una vettura dalla spiccata vocazione “all’aria aperta” e in grado, anche in virtù di una specifica dotazione (fra qui un assetto dedicato, che aumenta di 25 mm la distanza minima da terra), di affrontare percorsi offroad non impegnativi.

L’equipaggiamento prevede le barre portatutto longitudinali sul tetto (in grado di sostenere fino a 100 kg di carico), una specifica protezione sottoscocca (in tinta argento), una serie di modanature in nero nella parte inferiore della carrozzeria, in corrispondenza dei passaruota e lungo le fiancate, doppio terminale di scarico a cornici cromate. Al pari delle “sorelle” Insignia Grand Sport e Sports Tourer, è presente la fanaleria IntelliLux Matrix Led.

Proseguendo nell’analisi degli equipaggiamenti di serie, si rilevano l’adozione del versatile telaio FlexRide (tecnologia gestita dal nuovo software “Drive Mode Control” per l’adattamento istantaneo della risposta di sospensioni, sterzo, acceleratore e momenti di cambio velocità per le versioni automatiche, sulla base delle informazioni trasmesse in forma costante dai sensori e dalle impostazioni vettura), il portellone a comando di apertura “hands-free“, il climatizzatore automatico bi-zona, il dispositivo di ingresso e avviamento “Keyless Open & Start”, i sedili “comfort” multiregolazione (la fila posteriore, frazionabile a schema 40:20:40, permette di ottenere un vano bagagli da ben 1.665 litri di capienza), quelli anteriori disponibili a richiesta in una esclusiva tipologia ergonomica e dotata di ventilazione e funzione massaggio.

Da segnalare, inoltre, il dispositivo Hill Start Assist per l’assistenza nelle partenze in salita, il modulo di sicurezza comprendente la telecamera anteriore “Opel Eye” con Collision Alert, rilevamento pedoni e sistema di frenata automatica con funzione City, Lane Departure Warning, Lane Keeping Assist con sistema di correzione automatica dello sterzo, Following Distance Indication, High Beam Assist e inserimento automatico degli anabbaglianti con riconoscimento gallerie.

La dotazione multimediale prevede il dispositivo infotainment Radio R40 IntelliLink compatibile con gli standard Apple CarPlay e Android Auto, nonché il servizio di connettività e assistenza personale OnStar.

Sotto il cofano, la nuova Opel Insignia Country Tourer viene equipaggiata, al momento del “lancio” commerciale, con l’unità turbodiesel 2.0 da 170 CV, abbinata al cambio manuale a sei rapporti (a richiesta automatico a sette rapporti) e trazione anteriore. In alternativa, è disponibile la trazione integrale Twinster con torque vectoring e doppia frizione multidisco a controllo elettronico per il trasferimento della coppia motrice alle ruote posteriori. In un secondo momento, la lineup di Opel Insignia Country Tourer si arricchirà con l’arrivo di una seconda motorizzazione a gasolio, ancora più potente.

Nuova Opel Insignia: la prova su strada Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Opel Mokka 2021: le caratteristiche

Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.