Suzuki S-Cross: ecco la nuova generazione

Versatile, spaziosa, aggiornata nei sistemi di connettività e di ausilio attivo alla guida: l’edizione 2022 del compact-SUV mild-hybrid giapponese (e presto anche Full-hybrid) è pronta all’esordio commerciale.

Suzuki S-Cross si prepara a debuttare sul mercato in una seconda generazione che punta i propri riflettori soprattutto su contenuti hi-tech e soluzioni di elettrificazione. La nuova serie del SUV giapponese, protagonista di un “vernissage” di anteprima, viene prodotta nelle linee di montaggio Suzuki ungheresi. Il debutto nelle concessionarie europee è fissato per fine 2021.

Composizione di gamma

La nuova Suzuki S-Cross Hybrid 2022 si articola in quattro configurazioni, che differiscono fra loro per propulsione (trasmissione e trazione):

  • Suzuki S-Cross Hybrid 1.4 2WD (trazione anteriore) con cambio manuale a sei rapporti;
  • Suzuki S-Cross Hybrid 1.4 2WD con cambio automatico a sei rapporti;
  • Suzuki S-Cross Hybrid 1.4 AllGrip (trazione integrale) con cambio manuale a sei rapporti;
  • Suzuki S-Cross Hybrid 1.4 AllGrip con cambio automatico a sei rapporti.

La compri anche online: ecco come

In perfetta corrispondenza con le strategie commerciali della lineup Suzuki in Italia, anche la nuova edizione 2022 di S-Cross è protagonista di una iniziativa Web: mediante l’accesso alla piattaforma di e-commerce “Suzuki Smart Buy”, gli utenti hanno la possibilità di acquistare in anteprima S-Cross Hybrid nella declinazione 1.4 Starview AllGrip con cambio automatico, provvista di equipaggiamenti “full optional”: il prezzo-lancio è 30.690 euro.

Estetica: novità di dettaglio

All’esterno, Suzuki S-Cross 2022 mette in evidenza nuovi gruppi ottici anteriori e fanaleria posteriore Full Led, calandra di maggiori dimensioni e finitura in Piano Black con listello cromato orizzontale per la griglia, codolini passaruota in resina plastica grezza e skid-plate (modanature di protezione all’anteriore ed al posteriore) verniciate in tinta argento. Nel complesso, le linee risultano poco modificate rispetto alla versione precedente.

Finizioni carrozzeria

Le varianti cromatiche in catalogo sono otto:

  • Arancione Grand Canyon;
  • Argento New York;
  • Bianco Artico;
  • Bianco Santorini;
  • Blu Capri;
  • Grigio Oslo;
  • Nero Dubai;
  • Rosso Siviglia.

Ingombri esterni

  • Lunghezza: 4,3 m;
  • Larghezza: 1,78 m;
  • Altezza: 1,58 m;
  • Passo: 2.600 mm;
  • Carreggiata anteriore: 1.535 mm;
  • Carreggiata posteriore: 1.505 mm;
  • Altezza libera da terra: 175 mm;
  • Raggio minimo di sterzata: 5,4 m;
  • Pesi: in ordine di marcia (con guidatore) 1.280 kg-1.385 kg, complessivo 1.685 kg-1.780 kg, rimorchiabile 1.500 kg;
  • Capacità serbatoio carburante: 47 litri.

Abitacolo: all’insegna di spazio e versatilità

All’interno, che mantiene le ben conosciute ed apprezzate doti di spazio e funzionalità proprie del modello (e, più in generale, dei veicoli a ruote alte ma anche della filosofia “alla giapponese” nel rapporto fra dimensioni esterne e volumi interni), Suzuki S-Cross 2022 si caratterizza per un’ampia superficie vetrata (cui si aggiunge il tetto panoramico in cristallo apribile), gli schienali dei sedili posteriori regolabili su due livelli di inclinazione e frazionabili a schema 60:40, la presenza di numerosi vani portaoggetti, il rivestimento in tessuto (per la zona centrale) ed in pelle (per i fianchetti) dei sedili.

Gli equipaggiamenti di serie

  • Climatizzatore automatico bi-zona;
  • Consolle sul padiglione con luci di cortesia e scomparto portaocchiali;
  • Consolle centrale con presa Usb;
  • Bracciolo anteriore con vano portaoggetti;
  • Bracciolo posteriore con portabicchieri integrato.

Vano bagagli

  • Capienza utile bagagliaio: 430 litri nel normale assetto di marcia, 665 litri con gli schienali posteriori reclinati.

Tecnologie di connettività

L’infotainment, con display centrale da 9”, dispone di connettività Bluetooth per le chiamate e per lo streaming audio, compatibilità con Apple CarPlay ed Android Auto, riconoscimento vocale, visualizzazione dei dati di guida (consumi, autonomia, gestione del sistema ibrido ed avvisi) e collegamento con la videocamera posteriore e quella a 360 gradi “Bird-eye”.

ADAS di Livello 2

Ulteriori novità, che perseguono il costante sviluppo di engineering relativo all’assistenza attiva al conducente, si riferiscono agli avanzati dispositivi di sicurezza e guida semi-automatizzata di Livello 2, integrati con telecamere e sensori, che confermano la simpatica usanza Suzuki Italia di nominare molti dispositivi con un termine di immediata comprensione.

  • Attento frena” (DSBS-Dual Sensor Brake Support): durante le fasi di marcia, una videocamera monoculare e un sensore radar rilevano la presenza di veicoli o pedoni. In caso di rischio di collisione, il sistema avverte il guidatore o agisce autonomamente sul sistema frenante in base alle condizioni, per prevenire l’impatto o mitigarne le conseguenze;
  • Cruise Control adattivo con funzione Stop&Go, che in abbinamento al cambio automatico sei rapporti è in grado di “pilotare” il veicolo fino alla completa fermata, dove sia necessario, per poi fare ripartire la vettura quando i veicoli che precedono riprendono a muoversi, come ad esempio nelle condizioni di intenso traffico;
  • Videocamera a 360 gradi, formata da quattro “occhi elettronici” (anteriore, posteriore e due laterali) che offrono varie angolature di visuale, compresa una esterna in 3D, una sintetica per l’interno, una “Bird-eye” verso l’esterno, particolarmente utili per le manovre di parcheggio o, in generale, negli spazi più ristretti;
  • Guidadritto” (LDW-Lane Departure Warning con LDP-Lane Departure Prevention), cioè l’avviso di superamento della corsia ed il mantenimento della propria corsia di marcia;
  • Restasveglio” (WA-Weaving Alert), rilevamento stanchezza del conducente;
  • Occhioallimite” (TSR-Traffic Sign Recognition): riconoscimento della segnaletica stradale;
  • Nontiabbaglio” (HBA-High Beam Assist): abbaglianti automatici
  • Guardaspalle” (BSM-Blind Spot Monitor): monitoraggio degli angoli ciechi
  • Vaipure” (RCTA-Rear Cross Traffic Alert): monitoraggio degli angoli ciechi durante le manovre in retromarcia;
  • Partifacile” (HHC-Hill Hold Control): assistenza per le ripartenze in salita.

“Ibrido leggero” per cominciare

Sotto al cofano, la gamma di lancio commerciale viene equipaggiata con il consueto 1.4 BoosterJet provvisto di sistema mild-hybrid a 48V, da 129 CV di potenza massima e 235 Nm di coppia massima. La trasmissione è, a seconda delle versioni, manuale a sei rapporti o automatica (sempre a sei rapporti), con trazione anteriore o integrale AllGrip con ESP. Quest’ultima presenta quattro differenti modalità (Auto, Sport, Snow e Lock), selezionabili attraverso un comando collocato sul tunnel centrale e ciascuna delle quali supporta in maniera ottimale l’erogazione della coppia motrice a seconda delle condizioni di guida.

Da segnalare il prossimo arrivo (2022) dell’attesa versione Full Hybrid: una imminente novità, che porterà in dote una motorizzazione termica inedita per il modello, il cambio AGS a gestione elettronica ed il posizionamento dell’unità elettrica “a valle” del gruppo trasmissione (sistema che, dal punto di vista dell’utilizzo, consente diversi vantaggi in materia di propulsione, in quanto elimina i “gap” di forza motrice durante le fasi di cambio marcia e permette il recupero energetico in decelerazione ed in frenata).

Scheda tecnica

  • Architettura motore: 4 cilindri in linea in posizione trasversale;
  • Cilindrata totale: 1.373 cc;
  • Alesaggio x corsa: 73,0 x 82 mm;
  • Rapporto di compressione: 10.9 +/- 0.2;
  • Alimentazione: iniezione diretta;
  • Distribuzione: 4 valvole per cilindro;
  • Potenza massima: 129 CV a 5.500 giri/min;
  • Coppia massima: 235 Nm fra 2.000 e 3.000 giri/min;
  • Unità elettrica: 48V di tensione, 8 kW di produzione massima oraria di energia, 10 kW di potenza massima, 8 kW di potenza massima sui 30 minuti;
  • Trasmissione: cambio manuale a sei rapporti oppure automatico a sei rapporti, trazione anteriore o integrale AllGrip;
  • Classe di emissioni: Euro 6d ISC-FCM.

Assetto e ruote

  • Sospensioni: tipo McPherson all’avantreno, barre di torsione al retrotreno;
  • Sterzo: con servoassistenza di tipo elettromeccanico;
  • Freni: a disco ventilati all’avantreno, a disco pieno al retrotreno;
  • Cerchi: 6 1/2×17”;
  • Pneumatici: 215/55 R 17.

Valori prestazionali

  • Velocità massima: 195 km/h;
  • Consumo a ciclo medio WLTP: 5,3-5,6 litri di benzina per 100 km (S-Cross Hybrid 1.4 2WD cambio manuale), 5,9-6,0 l/100 km (S-Cross Hybrid 1.4 2WD cambio automatico), 5,8-6,1 l/100 km (S-Cross Hybrid 1.4 AllGrip cambio manuale), 6,3-6,5 l/100 km (S-Cross Hybrid 1.4 AllGrip cambio automatico);
  • Emissioni di CO2 a ciclo medio WLTP: 120-126 g/km (S-Cross Hybrid 1.4 2WD cambio manuale), 131-137 g/km (S-Cross Hybrid 1.4 2WD cambio automatico), 132-137 g/km (S-Cross Hybrid 1.4 AllGrip cambio manuale), 142-148 g/km (S-Cross Hybrid 1.4 AllGrip cambio automatico);

Prove emissioni: NOx 12.2, 16.7, 20.9, 19.1 mg/km; massa del particolato (PM) 0.27, 0.14, 0.

Suzuki al MIMO 2021 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.