Mini Countryman 2020: primo contatto con il rinnovato crossover

Abbiamo provato su strada la rinnovata Mini Countryman nel corso di un primo contatto che ci ha portato fino alla suggestiva località di Champoluc.

La seconda generazione della Mini Countryman si concede un interessante restyling che affina l’estetica della vettura e nel contempo migliora la dotazione tecnica e tecnologica di questo modello premium particolarmente versatile. Tra le novità meccaniche più interessanti troviamo invece l’introduzione dei nuovi motori Euro 6d, tra cui spicca la sofisticata e potente variante ibrida plug-in denominata Cooper SE.

Un nuovo sguardo

Tra le numerose novità estetica che caratterizzano il look della rinnovata Countryman troviamo i proiettori e i fari fendinebbia dotati di serie di tecnologia LED, con quelli posteriori che ricalcano l’inconfondibile Union Jack. Nuova anche la mascherina anteriore dalla forma esagonale e i nuovi fascioni paraurti, in tinta con il corpo vettura. Degna di nota la possibilità di scegliere l’inedita opzione Piano Black Exterior che impreziosisce il corpo vettura con finiture in nero lucido, senza dimenticare la nuova collezione di cerchi in lega messi a disposizione.

La più spaziosa delle Mini

La nuova Mini Countryman si inserisce nel segmento dei C-SUV, come sottolineano le sue dimensioni, pari a 4.299 mm di lunghezza, 1.822 mm di larghezza, 1.559 mm di altezza e 2.670 mm di passo. Quest’ultimo dato permette di ottenere un abitacolo molto spazioso adatto fino a cinque passeggeri e ai loro bagagli che possono essere stivati in un vano posteriore che spazia da i 405 litri fino a 1.390 litri. Lo schienale dei sedili posteriori risulta regolabile nell’inclinazione e – sulle versioni termiche – il divano risulta anche scorrevole.

Abitacolo digitale

Entrati all’interno dell’abitacolo si scopre il tipico ambiente Mini caratterizzato da finiture e materiali di carattere premium, come i rivestimenti in pregiata pelle e le plastiche morbide al tatto, esenti da fastidiose vibrazioni durante la marcia.  Al centro della plancia troviamo il grande elemento circolare, tipico delle Mini, che ingloba un ampio display touch da 8,8 pollici che permette di gestire numerose funzioni, a partire dalla navigazione satellitare, passando dall’impianto audio e fino ad arrivare alla connettività per smartphone, compatibile anche con il sistema Apple CarPlay e Mirror Link. Non manca inoltre la scheda SIM dedicata che permette anche la gestione del sistema Intelligent Emergency Call, in grado di indicare ai soccorsi la posizione del veicolo in caso di incedente grave, senza dimenticare il sistema Mini TeleServices, per una vettura sempre connessa (entrambi di serie).

Sistemi ADAS

Per il Gruppo Bmw la sicurezza è sempre stata al primo posto e anche la nuova Mini Contryman non fa eccezione offrendo una gamma di sistemi elettronici dedicati all’assistenza alla guida sofisticati e affidabili.

I dispositivi ADAS proposti sulla Mini Countryman sono i seguenti:

  • Frenata automatica emergenza
  • Cruise Control Adattativo
  • Mantenimento della corsia
  • Riconoscimento dei segnali stradali
  • Sistema abbaglianti automatici

Gamma motorizzazioni

La Mini Countryman 2020 vanta una gamma di motorizzazioni decisamente ampia e completa che include unità a benzina, diesel e una versione ibrida plug-in.

Di seguito elenchiamo tutte le unità disponibili:

Benzina

  • “One” 102 CV
  • “Cooper” 136 CV
  • “Cooper ALL4” 136 CV
  • “Cooper S” 178 CV
  • “Cooper S ALL4” 178 CV e

Diesel

  • “One D” 116 CV
  • “Cooper D” 150 CV
  • “Cooper D ALL4” 150 CV
  • “Cooper SD” 190 CV
  • “Cooper SD ALL4” 190 CV

Ibrida plug-in

  • “Cooper SE ALL4” 220 CV.

Primo contatto su strada con Mini Countryman SD ALL4

La versione protagonista del nostro primo contatto su strada è la Mini Countryman SD ALL4, equipaggiata del poderoso motore 2.0 litri turbodiesel di origine Bmw, in grado di sviluppare ben 190 CV e 360 Nm di coppia massima scaricati sulla trazione integrale. Per il nostro test, siamo partiti dalla sede di Bmw Italia situata nell’interland milanese con l’obiettivo di raggiungere Champoluc, celebre località sciistica della Valle d’Aosta.

Nel nostro percorso – fatto di autostrada, strade urbane, extraurbane e tortuose strade di montagna – abbiamo potuto mettere a nudo questo poliedrico crossover, in grado di accontentare i gusti più disparati della clientela. Prima di parlare delle considerazioni di guida, sembra logico soffermarsi sull’aspetto dell’ambiente interno e sul confort e le tecnologie che offre a guidatore e passeggeri. La Countryman è senza dubbio la Mini più spaziosa che ci sia, può infatti ospitare tranquillamente fino a 5 passeggeri, anche per viaggiare molto comodi è meglio essere in quattro. I sedili rivestiti in pelle impreziositi da impuntature, oltre che molto belli da vedere, risultano anche comodi grazie ad una buona rigidità che garantisce spostamenti poco affaticanti, inoltre nelle curve più vivaci il corpo viene ben trattenuto dallo schienale.

Degno di nota la strumentazione 100% digitale che può essere settata in base alle esigenze, inoltre la grafica del quadro strumenti e quella del display da 8,8 pollici dedicato all’infotainment cambiano a seconda dei gusti e delle esigenze. I materiali della plancia sono decisamente eccellenti, quasi tutti risultano morbidi a tratta e sono esenti da fastidiose vibrazioni. La posizione di guida si trova facilmente grazie alle numerose regolazioni elettriche del sedile. La prima parte del viaggio viene effettuata su strade urbane e su autostrada.

Su entrambi i tracciati, la Mini Countryman si comporta in maniera egregia: nel traffico cittadino si scarta da fastidiose situazioni, grazie ad un ottimo raggio di sterzata, inoltre la guida leggermente rialzata facilita le manovre. Sui tratti autostradali la vettura regala il meglio di sé, offrendo accelerazioni vigorose, necessarie per effettuare sorpassi in tutta sicurezza. In questo caso meglio impostare il cruise control adattivo per avere una guida più rilassata e soprattutto per evitare di ricevere eventuali multe per eccesso di velocità.

La vettura in questione monta grandi cerchi da 19 pollici avvolti da pneumatici sportivi che creano qualche disagio sulle asperità della strada più accentuate, inoltre nelle curve strette gli pneumatici fanno sentire il loro “fischio”, cosa che ovviamente non incide sulla tenuta di strada. La vettura dispone di tre differenti settaggi denominati Sport, Medium e Eco che permettono di gestire l’assetto – rendendolo più morbido o duro a seconda delle esigenze –  ma anche l’erogazione della potenza, la precisione dello sterzo e la velocità delle cambiate.

Per capire davvero di che pasta è fatta la nuova Mini Coutryman SD ALL4 siamo usciti dall’autostrada per imboccare le suggestive e tortuose strade che circondano Biella. Inserendo la modalità Sport e disattivando in alcuni punti i sistemi elettronici della vettura, abbiamo finalmente scoperto un’altra anima della Countryman, ovvero quella più dinamica e divertente.  Il motore da 190 CV e 360 Nm di coppia mette a disposizione tutto il suo vigore in uscita dalle curve e nelle salite più ripide, coadiuvato da un assetto eccellente e dalla trazione integrale All4.

Un altro punto di forza è da ricercare nel cambio Steptronic a 8 rapporti dotato di paddle al volante: in modalità automatica funziona in maniera egregia, offrendo cambi marcia rapidi e senza impuntature, ma in alcuni casi la funzione manuale può essere molto di aiuto, specie quando si affrontano per molti chilometri strade in discesa. I freni, decisamente potenti, hanno sofferto un po’ di affaticamento, ma solo dopo essere stati strapazzati a dovere. Come dicevamo in precedenza, anche l’assetto ci ha soddisfatto, anche se in alcuni casi abbiamo notato qualche sovrasterzo di troppo, ma nulla di preoccupante.

Prezzi

La nuova Mini Countryman è già ordinabile presso gli showroom ufficiali, mentre i prezzi partono da 31.500 euro, relativi alla versione Cooper in allestimento Boost  e raggiungono i 40.600 euro della versione Cooper SD All4, sempre con allestimento “Boost”.

Mini John Cooper Works Countryman 2021: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti