Suzuki Ignis Hybrid 2020: il SUV ultracompatto si rinnova

Suzuki Ignis Hybrid rinnova il suo design unico e beneficia di un aggiornamento della tecnologia HYBRID che riduce ulteriormente i consumi.

Compatta, efficiente ed inarrestabile. Se dovessimo definire Suzuki IGNIS Hybrid con tre parole queste probabilmente sarebbero quelle che più rappresentano la piccola Suzuki. Si tratta infatti di una vettura di segmento A, con una carta d’identità che poche altre concorrenti possono vantare nella categoria: un abitacolo che sfrutta intelligentemente ogni centimetro, un sistema ibrido che riduce i consumi e la trazione integrale, una rarità tra le piccole. In più, con la versione 2020 c’è anche la possibilità di avere il cambio automatico in abbinamento alla tecnologia Hybrid. Quest’anno è infatti previsto l’aggiornamento di metà carriera, che porta anche ad un importante avanzamento della tecnologia Suzuki Hybrid e ad alcune forti modifiche estetiche. In ogni caso, la formula che si è rivelata vincente nei primi tre anni di commercializzazione non cambia: stile e contenuti di assoluto rilievo da vero SUV ad un prezzo di listino accessibile.

Il debutto sarà in concessionaria

Avrebbe dovuto debuttare al Salone di Ginevra, ma con l’annullamento dell’evento a causa dell’emergenza Coronavirus, la presentazione è avvenuta esclusivamente online, così da poter rispettare il calendario ed essere pronta all’inizio delle vendite in concessionaria. Questo significa che per i primi clienti che la vedranno negli showroom si tratterà a tutti gli effetti di una anteprima europea.

Come cambia la nuova Ignis Hybrid

Design: stile ispirato all’off-road

Suzuki Ignis Hybrid con il Model Year 2020 si aggiorna nell’estetica con importanti e precise modifiche di design, volte ad accentuare ulteriormente il legame con il mondo dell’off-road e a identificarla ancor più come l’unico vero SUV ultracompatto. Così la calandra anteriore presenta degli inediti elementi cromati che ne aumentano la personalità e i paraurti sono ridisegnati per rafforzare il family feeling con Vitara Hybrid. Si notano ancora delle protezioni sottoscocca di dimensioni maggiori in grigio silver per proteggere la parte inferiore della carrozzeria sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Inoltre, l’altezza da terra è stata aumentata di 1 centimetro per sottolineare l’impostazione da SUV urbano del modello. Si segnala, infine, l’introduzione di nuove colorazioni per la carrozzeria e per gli inserti dell’abitacolo.

Novità all’insegna dell’efficienza

Più importanti le modifiche per quanto riguarda la meccanica di Suzuki Ignis Hybrid. Il motore 1.2 Dualjet è stato rivisto ed ora eroga 83 CV e 107 Nm di coppia massima, per ottemperare alle ultime e più aggiornate normative anti-inquinamento Euro 6D. La base meccanica rimane la stessa, cioè la tecnologia Suzuki HYBRID da 12 V che incrementa l’efficienza del propulsore termico grazie ad un motore elettrico da 2 kW di potenza e ad una batteria da 10 Ah, aggiornata per essere più potente. Davvero molto interessanti i dati che la Casa dichiara per quanto riguarda i consumi e le emissioni, che sono pari a 3,9 l/100 km (89 grammi di CO2 al km) nel ciclo combinato con omologazione NEDC correlato, mentre sono pari a 5,1 l/100 km (114 g di CO2 al km) con omologazione WLTP.

Allestimenti e prezzi

La nuova Suzuki Ignis Hybrid consente di scegliere la vettura che si preferisce incrociando le numerose opzioni che il modello offre, come detto una rarità nel segmento. È infatti possibile scegliere tra l’alimentazione ibrida la trazione anteriore o integrale 4×4 AllGrip (con giunto viscoso) e la trasmissione manuale o automatica CVT.

La Ignis viene offerta con due allestimenti, pensati per semplificare il listino con una dotazione di serie che si contraddistingue per completezza e tecnologia sin dal primo livello:

  • Cool: è l’allestimento base, dedicato solo alle versioni a de ruote motrici e con cambio esclusivamente manuale. Offre di serie i gruppi ottici full led, i fendinebbia, i cerchi in lega bruniti da 16 pollici, i vetri posteriori oscurati, la retrocamera, il sistema infotainment da 7 pollici con Android Auto e Apple CarPlay, i sedili anteriori riscaldabili ed il sensore luci.
  • Top: aggiunge l’accesso keyless, il navigatore satellitare, gli alzacristalli elettrici posteriori, il climatizzatore automatico, il volante in pelle, il cruise control con limitatore e sistemi ADAS (frenata automatica d’emergenza, mantenimento corsia e monitoraggio attenzione del conducente).

I prezzi partono da 16.500 euro, eccoli in dettaglio:

  • Ignis Hybrid 2WD Cool (manuale): 16.500 euro
  • Ignis Hybrid 2WD Top (manuale): 17.750 euro
  • Ignis Hybrid 4WD Top (manuale): 19.250 euro
  • Ignis Hybrid 2WD Top (CVT): 19.250 euro.
Suzuki Ignis Hybrid restyling: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti