Nuova Kia Niro 2019: primo contatto con il restyling del SUV ibrido

L’aggiornamento dedicato alla Niro porta in dote affinamenti estetici e una ricca dose di tecnologia in grado di rendere il SUV ibrido più efficente.

Kia Niro, il SUV ibrido della Casa coreana lanciato nel 2016 e proposto nelle versioni Hybrid e Hybrid Plug-In, è stato oggetto di un interessante restyling di metà carriera che ha interessato il design esterno e gli interni della vettura, ma anche i suoi contenuti tecnici e tecnologici, tra cui spicca il debutto del sistema multimediale Kia Uvo Connect che include nuove funzioni di connettività.

Dal giorno del suo debutto commerciale, il SUV coreano è stato distribuito a livello globale in ben 270mila esemplari, di cui oltre 100mila solo sul mercato europeo. Nel solo 2018, Niro è stato distribuito in Europa in ben 42.255 unità, pari ad una crescita del 33% rispetto all’anno precedente.

Design aggiornato che strizza l’occhio alla e-Niro

La novità riguardanti l’aggiornamento della Kia Niro riguardano in primo luogo il look degli esterni che strizza l’occhio alla versione 100% elettrica denominata e-Niro, in arrivo sul mercato in italiano nel corso del 2020. Tra le novità estetiche segnaliamo la rinnovata mascherina frontale “Tiger Nose” chiamata a separare i gruppi ottici “ice cube” di inedita concezione (a richiesta sono disponibili i FULL-Led). Di nuovo disegno anche i paraurti, mentre nella vista posteriore spiccano i proiettori che guadagnano la tecnologia Led mentre nella zona inferiore del paraurti troviamo il nuovo ski plate color argento, i catarifrangenti e le luci retronebbia. L’effetto scenico viene completato dai nuovi cerchi in lega da 16 pollici che in alternativa possono essere sostituiti da un set di cerchi da 18 pollici con finitura bicolore diamantata.

Abitacolo hi-tech

Entrati nell’abitacolo della nuova Niro si apprezza immediatamente l’aspetto di carattere premium dei materiali utilizzati che oltre a risultare morbidi al tatto e di elevata qualità si distinguono per un assemblaggio privo di rumori e fastidiosi scricchiolii. La plancia si estende in senso longitudinale, ospitando nella parte alta della console l’ampio display da 10,25 pollici (optional, mentre di serie troviamo lo schermo da 8 pollici) dell’impianto di infotainment che permette di controllare la navigazione satellitare GPS, la connettività per smartphone compatibile con Android Auto e Apple Carplay, le funzioni dell’impianto audio ad alta fedeltà JBL e visualizzare le informazioni della climatizzazione elettronica bizona.

La Kia Niro porta inoltre al debutto l’UVO CONNECT, in grado di offrire ai passeggeri della vettura la massima connettività. Il sistema sfrutta una SIM card dedicata che permette di offrire informazioni in tempo sul traffico e sulle previsioni meteo, ma risulta anche capace di mostrare i punti di interesse, i prezzi del carburante presso le varie stazioni di servizio, o ancora la disponibilità di parcheggi pubblici (funzione disponibile a seconda dei mercati). Non mancano infine le informazioni relative alla posizione dei punti di ricarica elettrica, comprese disponibilità e tipologia di connessione. Il sistema multimediale risulta inoltre supportato dalla nuova app UVO dedicata a smartphone Apple e Android. Tramite l’utilizzo di questa speciale app è possibile gestire e controllare in remoto numerose funzioni della vettura, tra cui le notifiche diagnostiche dei vari sistemi che implementano la vettura, trovare la posizione del veicolo e tanto altro.

Degno di nota anche la sofisticata strumentazione digitale con schermo da 7 pollici che permette di visualizzare le numerose funzioni relative alla guida, evitando pericolose distrazioni al volante. Quest’ultimo vanta invece comandi multimediali e i paddle dedicati al cambio automatico. Particolarmente ricca la dotazione di dispositivi ADAS che comprende tra le altre cose, la frenata d’emergenza, il cruise control adattivo, il sistema di controllo dell’angolo cieco e quello dedicato al mantenimento di corsia. Completano la dotazione la retrocamera, i sensori di parcheggio e il sistema che rileva gli ostacoli.

Meccanica: i due volti dell’ibrido

La Kia Niro è disponibile nelle versioni Hybrid e Hybrid Plug-in, entrambe abbinate al propulsore 1.6 GDI da 141 CV. Sulla versione Hybrid, il motore a iniezione diretta di benzina risulta abbinato a un pacco batterie agli ioni di litio da 1.56 kWh (emissioni di C02 pari a 99,8 g/km ciclo combinato WLTP), mentre sulla versione Plug-in risulta da 8.9 kWh (31,3 g/km di CO2). La variante plug-in permette con una sola ricarica di energia di percorre sui percorsi urbani circa 65 km con la sola modalità elettrica (zero emissioni).

Al volante della Kia Niro

Trovare la giusta posizione al volante della Niro è davvero facile e veloce, grazie alle millimetriche regolazioni elettriche del sedile, inoltre tutti i comandi sono apportata di mano e i due display sono ben leggibili anche in condizione di luce limitata. Il powertrain ibrido spinge bene e non disdegna le accelerazioni decise e sportiveggianti. Con i finestrini chiusi si apprezza un ambiente ovattato ed immerso nel silenzio, interrotto soltanto dal rumore del rotolamento degli pneumatici.

Quando si inserisce la funzione manuale della trasmissione automatica, la vettura passa in modalità “Sport” ed è possibile utilizzare i paddle per cambiare rapporto. Quando invece si imposta la funzione automatica, la vettura va in modalità “ECO”, mentre i famosi paddle possono essere utilizzati per gestire e regolare il sistema di recupero dell’energia in frenata. Entrando nel dettaglio, nella modalità ECO i paddle consentono di scegliere fra 3 livelli di recupero energetico: Level 1, Level 2, Level 3. Maggiore è il livello impostato è maggiore sarà l’effetto frenata che si verifica al rilascio dell’acceleratore e il conseguente recupero dell’energia.

Durante la guida su strade extra urbane e nel misto stretto abbiamo apprezzato la velocità dell’inserimento dei sei rapporti che caratterizzano la trasmissione a doppia frizione della vettura, in grado di esaltare le doti di accelerazione offerte dal powertrain ibrido, così come la coppia espressa in maniera lineare fin dai bassi regimi. La vettura assorbe bene le asperità della strada e l’assetto decisamente equilibrato impedisce evidenti episodi di rollio e beccheggio.

La guida assume un aspetto decisamente rilassato quando si decide di utilizzare il cruise control adattivo che in combinazione con il cambio automatico diminuisce lo stress al volante, specialmente in condizioni di traffico intenso e nelle code, durante le quali il sistema Stop & Go permette all’auto di arrestarsi e ripartire autonomamente.

Gamma e prezzi

La nuova Kia Niro viene declinata in tre differenti allestimenti battezzati: Urban, Style e Evolution. I prezzi per la versione Niro Hybrid partono da 26.250 euro (versione Urban) e raggiungono i 31.500 euro della top di gamma Evolution. Per ogni allestimento di questa versione è previsto un pacchetto optional ad hoc (ADAS, Techno Pack e Lounge Pack).

La variante Niro Plug-in in allestimento Style parte da 36.250 euro e raggiunge i 41.500 euro della versione Evolution. Bisogna inoltre sottolineare che questi prezzi non comprendono gli interessanti Eco-bonus statali e quelli proposte dalle varie regioni italiane.

Nuova Kia Niro 2019: le immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti