McLaren 570S by Prior Design: cura al carbonio per la coupé di Woking

La factory tedesca Prior Design ha sviluppato un esclusivo bodykit in fibra di carbonio e propone nuove personalizzazioni per McLaren 570S.

McLaren 570S by Prior Design: cura al carbonio per la coupé di Woking

di Francesco Giorgi

16 Maggio 2017

Un nuovo, esclusivo bodykit in fibra di carbonio in grado di enfatizzare l’immagine esteriore della vettura, oltre che regalarle ulteriori doti di aerodinamicità in funzione delle condizioni di guida più impegnative; un nuovo assetto e gruppi ruota “riveduti e corretti”.

Ecco, in estrema sintesi, la carta d’identità dell’elaborazione Prior Design presentata in queste ore per McLaren 570S, superfoupé di Woking da 570 CV presentata in anteprima al Salone di New York 2015 quale declinazione “entry level” della lineup Super Series per il marchio di Woking.

Intorno a una impostazione che rivela una chiara parentela con gli altri modelli McLaren (evidente nel profilo tondeggiante delle linee esterne, nell’ampio parabrezza e nell’abitacolo collocato in posizione pressoché centrale), la 570S messa a punto dalla factory di Kamp-Lintfort (località della Renania Settentrionale – Westfalia) mette in evidenza un kit estetico-aerodinamico (denominato “PD1”) che comprende un nuovo paraurti anteriore con prese d’aria di nuovo disegno, specifici flap laterali, le immancabili “minigonne” sottoporta (a loro volta provviste di ulteriori sottili stabilizzatori), un airscope supplementare sul tetto, un nuovo alettone posteriore e un esclusivo diffusore.

Secondo una nota diffusa dal tuner tedesco, anche all’interno McLaren 570S può essere personalizzata su specifiche individuali sulla base dell’impostazione “di serie”, dove – a fianco della disponibilità un’ampia gamma di soluzioni “su misura” ispirate alle soluzioni portate in dote dalla 675LT – si nota l’adozione della consolle centrale divisa in due parti, in modo da evidenziare nella zona superiore il display touchscreen per i controlli delle funzioni infotainment e, nella parte inferiore, i comandi di avviamento, controllo trasmissione e controllo assetto.

Da segnalare un nuovo impianto di scarico, sviluppato “in casa” dalla stessa Prior Design, allo stesso modo dei cerchi PDC3CL “Forged” e dell’assetto, che si avvale di sospensioni H&R disponibili in alternativa alla configurazione di serie (sospensioni a controllo elettronico e tre modalità di settaggio “Normal”, “Sport” e “Track”).

Per il resto, a meno di ulteriori sorprese da parte della factory renana, l’impostazione generale di McLaren 570S by Prior Design dovrebbe rimanere inalterata (e ce n’è di che entusiasmarsi): sotto la monoscocca “Monocell” in fibra di carbonio, la supercar di Woking viene equipaggiata con un impianto frenante carboceramico e con l’unità “M838TE” da 3,8 litri, sovralimentata con doppio turbocompressore e abbinata al cambio automatico “SSG” a sette rapporti con comandi al volante, che sprigiona una potenza di 570 CV a 7.400 giri/min e ben 600 Nm di coppia massima fra 5.000 e 6.500 giri/min, con valori prestazionali “monstre”: 328 km/h la velocità massima, e tempi di accelerazione nell’ordine di 322 per lo scatto da 0 a 100 km/h e di poco più di 9” da fermo a 200 km/h.

Tutto su: McLaren 570S