Come funziona la patente a punti

Il sistema a punti della patente ha l’obiettivo di premiare le condotte virtuose e penalizzare le infrazioni soprattutto quelle ritenute più pericolose per la sicurezza in strada. Si parte da un punteggio fisso, 20 per ognuno, per ogni anno superato senza aver commesso infrazioni si guadagnano 2 punti fino a un massimo di 10 e un saldo totale di 30.

Le violazioni più pericolose comportano il decurtamento di un monte punti, per esempio,

  1. – 10 punti per:
  • guida in stato di ebbrezza,
  • superare i limiti di velocità di 60 km/h e oltre,
  • sorpasso in condizioni pericolose,
  1. – 8 punti per:
  • riduzione della distanza di sicurezza,
  • non dar precedenza ai pedoni,
  1. – 6 punti per:
  • passaggio col semaforo rosso,

Dove verificare il saldo della patente di guida

Poiché diventa macchinoso ricordare il saldo dei punti della patente di guida il Ministero dei Trasporti ha previsto diverse soluzioni anche tecnologicamente avanzate. Un automobilista può verificare il suo saldo punti su:

  • Internet consultando il sito Il Portale dell’Automobilista
  • app iPatente scaricabile da Play Store o Apple Store,
  • telefonando al numero 782.782 al costo stabilito dal proprio piano tariffario.

Scadenza e rinnovo della patente: novità

La scadenza e il rinnovo della patente era già previsto nel nostro ordinamento ma con l’introduzione della patente a punti sono state introdotte delle novità legate all’esaurimento del proprio punteggio. Quindi il rinnovo oggi cade come ieri a scadenza fissa ogni dieci anni ma dipende anche dalla condotta di ogni automobilista.

In caso di esaurimento del saldo punti si dovrà provvedere a una sorta di ‘rinnovo’ che però prevede il superamento dell’esame di guida oppure la frequenza certificata ai corsi di guida.

Il legislatore ha previsto questa soluzione per sottolineare il fine rieducativo della logica della patente a punti.